Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Tendenze scientifiche: Una ricerca mostra che gli uomini e le donne sono diventati più alti nel corso del secolo scorso

Un nuovo studio condotto presso l’Imperial College di Londra ha rivelato che gli uomini e le donne sono diventati più alti nel corso dell’ultimo secolo. Oggi gli uomini più alti del mondo sono gli olandesi, mentre a detenere il primato per le donne è la Lettonia.
Tendenze scientifiche: Una ricerca mostra che gli uomini e le donne sono diventati più alti nel corso del secolo scorso
Lo studio, pubblicato sulla rivista “eLife”, descrive l’impressionante scatto che hanno avuto le persone di tutto il mondo tra il 1914 e il 2014, le donne sudcoreane per esempio hanno visto la loro altezza media aumentare di oltre 20 cm, mentre gli uomini iraniani sono cresciuti di 16,5 cm.

Il primato degli svedesi, che erano le persone più alte del mondo fino alla vigilia della prima guerra mondiale, è stato usurpato dagli uomini olandesi che sono passati dal 12° posto alla vetta della classifica e adesso hanno un’altezza media di 182,5 cm. Le lettoni sono adesso le donne più alte del mondo, sono passate infatti dal 28° posto nel 1914 al primo posto nel 2014, sottraendo il primato alla Svezia e con un’altezza media di 169,8 cm. Gli uomini belgi e le donne olandesi conquistano con uno stretto margine il secondo posto.

Anche l’Asia orientale ha visto crescere l’altezza media, in Giappone, Cina e Corea del Sud oggi uomini e donne sono molto più alti rispetto al 1914.

Dai più alti ai più bassi

Le nazioni più alte del mondo comunque sono tutte in Europa e includono l’Estonia, la Danimarca, la Serbia e la Repubblica ceca. Gli Stati Uniti erano al terzo posto per quanto riguarda l’altezza degli uomini e al quarto per le donne nel 1914, ma adesso sono passati rispettivamente al 37° e al 42° posto. Nel Regno Unito, gli uomini sono al 31° posto a livello mondiale, mentre le donne sono al 38°. A prescindere dell’impressionante aumento dell’altezza media nel secolo scorso, i dati mostrano un rallentamento della crescita nel mondo occidentale. Per esempio, i ricercatori hanno osservato che l’altezza media degli americani ha cominciato a stabilizzarsi negli anni sessanta e settanta.

“Il nostro studio mostra che il mondo anglofono, specialmente gli Stati Uniti, sta rimanendo indietro rispetto ad alti paesi con reddito alto in Europa e Asia-Pacifico,” ha commentato Majid Ezzati, un ricercatore in materia di sanità globale presso l’Imperial College di Londra. “Insieme ai risultati non positivi di questi paesi in termini di obesità, questo dato mette in evidenza la necessità di politiche più efficaci per un’alimentazione sana durante tutto il corso della vita.”

Un piccolo aumento dell’altezza porta con sé diversi vantaggi per la salute, secondo il team della ricerca. Un’altezza maggiore è associata a un’aspettativa di vita più lunga, in gran parte dovuta a un rischio minore per le persone alte di sviluppare malattie cardiovascolari. Da un punto di vista sociale, si è rilevato che le persone più alte hanno anche stipendi più alti e livelli di istruzione più alti. Ci sono però anche degli svantaggi, come un rischio più alto per alcune forme di cancro.

All’altra estremità della classifica, gli uomini più bassi si trovano in una delle nazioni più giovani al mondo, Timor Est, con 160 cm, mentre il Guatemala ha le donne più basse del mondo. Il Guatemala deteneva questo primato anche nel 1914. Secondo i dati dello studio, l’altezza media per una donna di 18 anni nel 1914 in Guatemala era di 140 cm. Nel 2014, non aveva ancora raggiunto i 150 cm.

Tendenze preoccupanti

Le regioni del mondo che hanno registrato il più basso aumento dell’altezza media sono quelle dell’Asia del Sud e dell’Africa sub-sahariana. “In queste regioni l’aumento dell’altezza è di 1-6 cm,” ha spiegato il co-autore dello studio James Bentham. A suscitare preoccupazione è il fatto che i dati indicano che in alcuni paesi sub-sahariani, l’altezza media è addirittura diminuita a partire dagli anni settanta dopo un aumento generale nella prima metà del XX secolo. Paesi come Uganda, Ruanda, Niger e Sierra Leone hanno visto una diminuzione di un paio di centimetri dell’altezza media degli uomini.

Quale potrebbe essere la spiegazione per questa discrepanza tra le varie regioni del mondo? “Circa un terzo della spiegazione potrebbe ricondursi ai geni, ma questo non spiega i cambiamenti che avvengono nel tempo,” ha spiegato Ezzati. “I geni non cambiano tanto velocemente e non variano così tanto da un luogo a un altro del mondo. I cambiamenti nel tempo e le variazioni nel mondo sono quindi in gran parte legate all’ambiente.”

Una spiegazione del perché l’Europa ha avuto risultati tanto buoni sta nell’introduzione di stati sociali completi nel XX secolo. Al contrario, si possono considerare i cambiamenti economici degli anni ottanta come possibile spiegazione della diminuzione dell’altezza nell’Africa sub-sahariana, dovuta alle conseguenti crisi sanitarie e alimentari, che non hanno permesso a molti bambini e giovani adulti di raggiungere il proprio pieno potenziale in termini di altezza.

“La nostra altezza oggi è influenzata fortemente dall’ambiente in cui cresciamo,” ha commentato Bentham, che crede che la tendenza globale verso l’aumento dell’altezza abbia importanti conseguenze. “A sua volta, la nostra altezza influenza la nostra aspettativa di vita e la nostra salute in età adulta. Se garantiamo ai bambini la possibilità di cominciare la propria vita nel miglior modo possibile oggi, saranno più sani e più produttivi nei decenni che verranno.”

Fonte: Sulla base di segnalazioni dei media

Informazioni correlate

Paesi

  • Regno Unito
Numero di registrazione: 125899 / Ultimo aggiornamento: 2016-07-28
Categoria: Tendenze scientifiche
Fonte: ec