Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

I partner di GANNET53 usano con successo il sistema Parsortix nella sperimentazione dei farmaci per il carcinoma ovarico

Il sistema Parsortix di ANGLE plc, che ha ricevuto un brevetto europeo a marzo del 2016, raccoglie cellule cancerose circolanti dal sangue per compiere analisi mediche più approfondite. Il suo uso costituisce una fase essenziale della ricerca svolta nell’ambito del progetto GANNET53, che scommette su un inibitore Hsp90 di seconda generazione per migliorare i tassi di sopravvivenza al carcinoma ovarico metastatico.
I partner di GANNET53 usano con successo il sistema Parsortix nella sperimentazione dei farmaci per il carcinoma ovarico
Il progetto GANNET53 – la cui conclusione è prevista per il 2019 – è ben avviato. Fino a questo momento sono stati raccolti ed elaborati con Parsotix 424 campioni di sangue di 136 pazienti. Si potrebbe isolare RNA a sufficienza per un’ulteriore analisi qPCR (reazione a catena della polimerasi quantitativa in tempo reale) in 134 dei 136 campioni e l’Università di Medicina di Vienna sta attualmente analizzando i marcatori dell’RNA per determinare la loro presenza o assenza.

“Per la prima volta, usando il sistema Parsotix, riusciamo a raggiungere le cellule del carcinoma ovarico a partire dall’analisi di campioni di sangue del paziente,” ha detto il prof. Robert Zeillinger, a capo del Gruppo di oncologia molecolare presso l’Università di Medicina di Vienna. “Questo permette approcci completamente nuovi per lo sviluppo di farmaci per il carcinoma ovarico che potrebbero avere un’ampia applicabilità in altre sperimentazioni di farmaci per il carcinoma ovarico.”

A differenza di altri sistemi di analisi di CTC (cellule tumorali circolanti), che non hanno marcatori di superficie adatti e per questo sono inefficaci per il carcinoma ovarico, il Parsotix di Angle ha mostrato “una sensibilità e specificità senza precedenti” la prima volta che è stato usato dall’Università di Medicina di Vienna a gennaio 2015.

La ANGLE da allora è stata invitata a partecipare al progetto. L’azienda spera che GANNET53 aiuti a ottenere prove della capacità di Parsortix di raccogliere cellule cancerose nel sangue dei pazienti per analisi in studi su ampia scala, ma anche che, se l’esperimento ha un esito positivo, Parsortix sia usato come strumento diagnostico integrativo per identificare pazienti che rispondono al Ganetespib – il farmaco sviluppato nell’ambito di GANNET53.

“L’integrazione del nostro sistema in sperimentazioni di farmaci è uno degli obiettivi fondamentali da raggiungere per far salire le vendite delle applicazioni della ricerca. Le prestazioni dimostrate negli esperimenti condotti nell’ambito di GANNET53 e la capacità sviluppata dall’Università di Medicina di Vienna di analizzare le cellule del cancro hanno le potenzialità per aprire nuovi mercati per il Parsortix,” ha spiegato Andrew Newland, fondatore e amministratore delegato di ANGLE. Nei prossimi anni, ANGLE è sicura che l’analisi delle cellule del sangue raccolte con Parsortix possa aiutare a fornire cure personalizzate per varie forme di cancro.

Un farmaco molto potente

Ganetespib è considerato dai suoi creatori il più sicuro, efficace e clinicamente più avanzato inibitore Hsp90 (proteina da shock termico 90) disponibile. È stato sviluppato da Synta Pharmaceuticals negli Stati Uniti, che ha accettato di cedere il farmaco per le sperimentazioni di GANNET53 gratuitamente.

Il progetto GANNET53 consiste in due fasi. La prima fase testerà la sicurezza del Ganetespib in una nuova associazione con chemioterapia standard (somministrazione settimanale di Paclitaxel) in malati di carcinoma ovarico sieroso di alto grado, endometrioide di alto grado o indifferenziato, platino resistente. La seconda fase esaminerà l’efficacia di questa associazione con il solo uso di chemioterapia standard.

Il progetto GANNET53 continuerà fino a marzo 2019 e ha ricevuto quasi 6 milioni di euro di finanziamenti dell’UE.

Per maggiori informazioni, consultare:
Sito web del progetto

Fonte: Sulla base di informazioni diffuse dal progetto

Informazioni correlate