Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Perché mantenere il multilinguismo è meglio per l’inclusione sociale

Uno studio recente ha respinto l’idea che ridurre il numero delle lingue ufficiali dell’UE sarebbe più efficace, efficiente ed inclusivo. Al contrario, sostiene che una simile politica escluderebbe circa quattro europei su cinque dall’avere una profonda comprensione delle informazioni ufficiali dell’UE.
Perché mantenere il multilinguismo è meglio per l’inclusione sociale
Il dott. Michele Gazzola, che ha collaborato al progetto LAPO (Language Policy and Linguistic Justice in the European Union), finanziato dall’UE, sostiene che il consolidamento del numero di lingue ufficiali dell’UE andrebbe respinto, in quanto crea divisioni sociali e porterebbe all’esclusione linguistica di milioni di cittadini europei.

Da 24 a una (o tre)?

Lo studio rispondeva a un argomento di grande interesse negli ultimi anni a favore del pieno riconoscimento da parte dell’UE del ruolo dell’inglese quale lingua predominante del continente, con i commentatori più radicali che si schierano a favore del fatto che l’inglese diventi l’unica lingua ufficiale dell’UE (forse a prescindere dal recente voto sulla Brexit). Degli osservatori meno radicali si sono invece detti a favore di una politica trilingue basata su inglese, francese e tedesco.

Usando i dati raccolti da Eurostat su quasi 170 000 residenti e sulle loro capacità linguistiche in 25 Stati membri dell’UE, lo studio ha mostrato che se l’inglese diventasse la sola lingua ufficiale dell’UE, il 45 % dei residenti non avrebbe accesso a documenti legali, siti web istituzionali dell’UE e ai dibattiti trasmessi in streaming che si svolgono nel Parlamento europeo, poiché non sono in grado di comprendere l’inglese. In sostanza, essi diventerebbero linguisticamente esclusi, e questo fatto potrebbe essere considerato come una forma di privazione politica dei diritti civili.

Inoltre, quando si considerano i residenti dell’UE che non sono madrelingua e non possiedono nemmeno la padronanza dell’inglese, la quota dei residenti che hanno delle difficoltà a comprendere i documenti politici e legali dell’UE sale al 79 %. Questo significa quattro europei su cinque. Quindi, contrariamente a quella che è l’opinione comune, la conoscenza dell’inglese non è una competenza elementare in Europa, nemmeno tra i soggetti adulti più giovani.

In effetti, oltre il 30 % degli intervistati di età compresa tra 25 e 34 anni non ha alcuna conoscenza dell’inglese, che è un valore effettivamente più basso della media pari al 45 %, ma il 74 % degli intervistati in quella fascia di età non parla inglese come un madrelingua o a livello avanzato. Questo valore si avvicina molto alla media relativa all’intera popolazione che è pari al 79 %. In sostanza, queste percentuali indicano che è più probabile che i giovani parlino delle lingue straniere rispetto alle generazioni più anziane, ma questo non significa che essi le padroneggino meglio.

Sebbene meno drastica, anche una politica linguistica dell’UE basata su inglese, francese e tedesco sarebbe molto esclusoria, poiché essa priverebbe dei loro diritti tra il 26 % e il 49 % dei residenti, a seconda dell’indicatore usato, e queste percentuali aumenteranno notevolmente dopo l’uscita del Regno Unito dall’UE.

Mantenere il multilinguismo

Lo studio sostiene invece che il multilinguismo è non solo la politica più efficace per trasmettere informazioni riguardanti l’UE ai suoi cittadini, ma è anche la sola politica veramente inclusiva. È inoltre una politica efficace in termini di costi, rappresentando l’1 % del bilancio dell’UE. Una riduzione del numero delle lingue ufficiali dell’UE avrebbe degli effetti regressivi, soprattutto per i cittadini dell’UE meno istruiti (il 17 % degli intervistati con un’istruzione universitaria non avevano alcuna conoscenza dell’inglese, rispetto al 47 % degli intervistati con solo un titolo di studio di istruzione secondaria). Pertanto, una riduzione delle lingue ufficiali dell’UE colpirebbe gli europei più poveri, poiché è molto più probabile che i residenti nelle fasce di reddito più elevate parlino delle lingue aggiuntive rispetto a quelli nelle fasce più basse.

Con il crescente interesse per i movimenti e i partiti euroscettici in tutta Europa, forse per l’UE è più che mai urgente accertarsi di essere in grado di comunicare efficacemente con tutti i suoi cittadini attraverso la loro lingua madre. Questo sarà possibile solo sostenendo una politica linguistica inclusiva, che assegni la massima priorità alla promozione del multilinguismo.

Per maggiori informazioni, consultare:
Sito web del progetto

Fonte: Sulla base di segnalazioni dei media

Informazioni correlate