Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Tendenze scientifiche: Una nuova dimostrazione che gli esseri umani scelgono i loro partner mediante l’accoppiamento selettivo

Un team di ricercatori Australiani ha pubblicato un nuovo articolo che sostiene che le persone scelgono i loro partner per la vita mediante una specie di accoppiamento selettivo, il quale sta avendo un impatto significativo sull’evoluzione del genoma umano.
Tendenze scientifiche: Una nuova dimostrazione che gli esseri umani scelgono i loro partner mediante l’accoppiamento selettivo
È risaputo che le persone tendono a scegliere e a sposare persone molto simili a sé stesse – un simile livello di istruzione, avvenenza fisica, altezza, peso, ecc. Questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista “Nature Human Behaviour”, suggerisce che non si tratta affatto di un caso, che se una persona istruita sposa un’altra persona istruita non è perché socializza con persone istruite, ma perché cerca attivamente una persona del genere.

Questo fenomeno, chiamato accoppiamento selettivo, è uno schema di accoppiamento e una forma di selezione sessuale nella quale gli individui con tratti simili si accoppiano gli uni con gli altri più frequentemente di quanto ci si possa aspettare in uno schema di accoppiamento casuale. Ciò è stato documentato in natura, come per esempio quando gli uccelli azzurri dell’est dai colori brillanti scelgono compagni altrettanto colorati, mentre gli uccelli con colori meno accesi tendono a scegliersi l’un l’altro. Un altro esempio è il rospo comune giapponese, che di solito sceglie un compagno di dimensioni simili. L’accoppiamento selettivo è positivo perché aumenta l’affinità nelle famiglie e può aiutare la prole a sopravvivere meglio, nel caso in cui il tratto selezionato, come per esempio le dimensioni maggiori, continui a essere vantaggioso.

Il team australiano dell’Università del Queensland a Brisbane ha usato grandi database che includono informazioni sui tratti fisici e genetici umani, arrivando ai marcatori genetici di una persona per tratti come l’altezza e l’indice di massa corporea (IMC) per prevedere l’altezza e l’IMC corrispondenti del partner. La loro teoria è che se i tratti genetici di base suggeriscono che un individuo è alto, anche il suo partner dovrebbe essere alto.

Confrontando l’altezza di 24 000 coppie sposate eterosessuali di discendenza europea, hanno in effetti riscontrato una forte correlazione statistica tra i marcatori genetici delle persone per l’altezza e la reale altezza del loro partner. Hanno anche trovato una correlazione più debole, ma comunque significativa dal punto di vista statistico, tra i geni delle persone per quanto riguarda l’IMC e l’IMC reale del loro partner.

I ricercatori non hanno osservato solo i tratti fisici, hanno esaminato anche l’accoppiamento selettivo in altri tratti, come gli anni di istruzione. Per questo, hanno fatto ricorso a un database britannico e hanno esaminato 7 780 coppie. Hanno cercato una concordanza tra i partner in marcatori genetici che erano stati precedentemente collegati agli anni di istruzione e hanno trovato una correlazione sorprendentemente alta. Metthew Robinson, studente di post-dottorato che ha coordinato lo studio, sostiene che questo avviene perché le persone cercano attivamente compagni con interessi simili, che sono associati al livello di istruzione di un individuo.

Nell’articolo pubblicato, i ricercatori sostengono che la scelta del compagno “influenza l’architettura genomica dei tratti degli esseri umani”, facendo salire le probabilità che un particolare tratto sia trasmesso ai figli. Questo è importante perché ha implicazioni per i modelli genetici che prevedono quanto è probabile che i membri di una particolare famiglia ereditino un certo tratto, che può essere un tratto fisico (come l’altezza), ma anche una particolare malattia, come i disturbi mentali o il cancro.

Andando oltre, Robinson spera di usare questo metodo per testare altre coppie per altre somiglianze che potrebbero essere utili per lo sviluppo di migliori modelli genetici. Vuole anche applicare il suo metodo al suo partner, e commenta: “Abbiamo tutti e due un dottorato di ricerca e siamo alti. Calziamo a pennello!”

Fonte: Sulla base di segnalazioni dei media

Informazioni correlate

Paesi

  • Australia
Numero di registrazione: 126810 / Ultimo aggiornamento: 2017-01-12
Categoria: Tendenze scientifiche
Fonte: ec