Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Capire il comportamento della foresta tropicale nel mutevole sistema climatico della Terra

Con il sostegno del progetto T-FORCES, finanziato dall’UE, gli scienziati hanno scoperto che la biodiversità non favorisce lo stoccaggio del carbonio oltre un certo livello.
Capire il comportamento della foresta tropicale nel mutevole sistema climatico della Terra
Le foreste tropicali hanno un ruolo fondamentale nel ciclo globale del carbonio, ospitano almeno la metà di tutte le specie del pianeta e immagazzinano 250 miliardi di tonnellate di carbonio. Questo ha portato un team di scienziati di 22 paesi a esaminare sia la diversità degli alberi che la quantità di carbonio conservata in 360 siti nelle foreste pluviali nei bassipiani di Africa, Asia e Amazzonia per determinare l’esatto cambiamento e la sensibilità delle foreste ai problemi legati al cambiamento climatico.

I risultati, pubblicati sulla rivista “Scientific Reports”, rivelano che la biodiversità nelle foreste tropicali non garantisce l’immagazzinamento di più carbonio in generale.

“In molti ecosistemi, siti con più specie tendono a catturare più carbonio. Ma questo non vale per le foreste tropicali. La maggior parte delle foreste ha già molte specie e potrebbe essere che oltre un certo punto l’aggiunta di ancora altre specie non faccia differenza per l’immagazzinamento del carbonio,” ha sottolineato il co-autore, il dott. Joey Talbot, dell’Università di Leeds.

In totale nello studio sono stati misurati 200 000 alberi usando il diametro e l’identità di ogni albero all’interno di un dato ettaro. Le foreste tropicali africane conservano alti livelli di carbonio, ma sono le meno varie, mentre l’Amazzonia, che ha una grande diversità di specie di alberi, tende a conservare meno carbonio per ettaro rispetto alle foreste in Africa e Asia.

Ciononostante proteggere le foreste tropicali con una grande biodiversità rimane essenziale, sia per assicurare un futuro a milioni di specie che per rispettare l’impegno globale di mantenere l’aumento della temperatura ben al di sotto dei 2 °C. Queste foreste potrebbero avere una sensibilità critica al cambiamento climatico e il loro destino è strettamente legato ai processi che influenzeranno il ritmo del cambiamento climatico globale in questo secolo.

“La meravigliosa diversità delle foreste tropicali, con milioni di specie di piante e animali, è una cosa che abbiamo ragione di celebrare. Adesso le foreste stanno affrontando climi in rapido cambiamento, quindi conservare tutta la varietà della vita presente potrebbe essere molto importante per permettere loro di adattarsi,” ha sottolineato il co-autore, professor Oliver Phillips, della Facoltà di Geografia di Leeds e a capo della rete di monitoraggio della foresta RAINFOR in Amazzonia.

Queste scoperte ci forniscono un quadro più completo dell’attuale condizione e della traiettoria delle foreste tropicali man mano che la minaccia del cambiamento climatico comincia a svelarsi. “È di fondamentale importanza tenere questo carbonio fuori dall’atmosfera. Ma dobbiamo ricordarci che le foreste sono molto di più che semplici accumuli di carbonio. Gli usi delle comunità locali, la diversità delle specie e molti altri valori delle foreste dovrebbero essere tenuti in considerazione per pianificare adeguate strategie di salvaguardia per il XXI secolo. Preoccuparsi semplicemente del carbonio non è mai abbastanza,” ha fatto presente il co-autore, il professor Simon Lewis, della Facoltà di Geografia di Leeds e fondatore della rete di monitoraggio della foresta AfriTRON in Africa.

Il progetto T-FORCES si concluderà ufficialmente a giugno 2017 e il suo obiettivo è approfondire la conoscenza del ruolo delle foreste tropicali nel ciclo globale del carbonio – presente e futuro. Il progetto ha ricevuto quasi 2,5 milioni di euro in finanziamenti del CER.

Per maggiori informazioni, consultare:
Pagina del progetto su CORDIS

Fonte: Sulla base di segnalazioni dei media

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 126816 / Ultimo aggiornamento: 2017-01-20
Categoria: Progressi scientifici
Fonte: ec