Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

I veicoli elettrici offrono opportunità commerciali – un libro recentemente aggiornato spiega come

Se ti interessa conoscere il potenziale impatto dei veicoli elettrici sull’economia verde e l’interoperabilità tra i sistemi di integrazione e alimentazione, allora devi assolutamente leggere un libro sull’argomento recentemente aggiornato!
I veicoli elettrici offrono opportunità commerciali – un libro recentemente aggiornato spiega come
Il progetto COTEVOS, finanziato dall’UE e concluso nel 2016, ha appena aggiornato il suo libro bianco “Business Opportunities and Interoperability Assessment for EV Integration”. I veicoli elettrici (electric vehicle, EV) offrono molti vantaggi ed eccezionali opportunità commerciali, ma rappresentano anche un’enorme sfida per la rete di distribuzione elettrica; questi i due aspetti vengono entrambi studiati a fondo nel libro di COTEVOS. Quello dell’interoperabilità è un fattore chiave per ottenere l’allineamento degli EV.

L’interoperabilità permetterebbe a una varietà di sistemi di fornitori diversi di scambiarsi informazioni e svolgere le funzioni richieste, semplificando in questo modo la comunicazione e abbattendo le barriere. In quanto correlata agli EV e ai sistemi di energia elettrica, questa funzione è uno dei punti principali del libro, in cui vengono trattati anche le tecnologie necessarie, i possibili modelli commerciali e l’architettura del sistema EV. Il libro presenta una bozza di tabella di marcia per la valutazione dell’interoperabilità e lo sviluppo di test, mentre la presentazione di buone prassi offre agli attori del settore preziosi spunti sul futuro sviluppo degli EV. Inoltre, suggerisce filoni di pensiero per i ricercatori interessati nel migliorare le loro capacità di verifica TIC.

COTEVOS (Concepts, Capacities and Methods for Testing EV systems and their interoperability within the Smartgrids) ha affrontato temi quali l’ampia gamma di modalità di ricarica, i vincoli di stabilità della rete e la domanda dei consumatori, oltre a un mercato europeo per gli EV nuovi e usati, e una maggiore flessibilità nello scegliere i fornitori di energia. Al fine di agevolare la diffusione dell’elettromobilità in tutta Europa, COTEVOS ha adottato un approccio di verifica comune nel processo di valutazione della conformità e interoperabilità, per rafforzare la nozione di verifica unica delle attrezzature.

L’elettromobilità è un modo sostenibile per rendere il trasporto europeo più efficiente e meno inquinante, ma il mercato ha conosciuto una serie di false partenze. Nel 2015 le vendite di automobili elettriche hanno raggiunto la pietra miliare dell’1 % del mercato. Le vendite sono raddoppiate nel 2015 e Transport and Environment ha segnalato una diffusione di 500 000 unità entro la fine del 2016. Tuttavia, benché l’Europa rappresenti il secondo mercato per gli EV a livello mondiale, con vendite particolarmente sostenute in Norvegia e nei Paesi Bassi, non esiste un mercato unico europeo per le automobili elettriche. Ciò significa che non esistono infrastrutture comuni per la vendita e la ricarica degli EV nella maggior parte dei paesi UE. Questo deve assolutamente cambiare se l’Europa intende diventare leader dell’elettromobilità e competere con la Cina.

COTEVOS ha riunito partner di varie discipline e paesi per cercare di cambiare la situazione, affrontando questioni importanti quali la trasparenza transnazionale, l’interazione tra reti e veicoli, e l’affidabilità operativa, riducendo al contempo il tempo di commercializzazione delle attrezzature. Il progetto ha coinvolto 11 partner provenienti da alcune delle più importanti istituzioni di ricerca dell’UE dislocate in nove paesi diversi. Tra le terze parti ve ne era una dell’USA.

Per maggiori informazioni, consultare:
Pagina del progetto su CORDIS

Fonte: Sulla base di informazioni diffuse dal progetto e segnalazioni dei media

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 128462 / Ultimo aggiornamento: 2017-06-16
Categoria: Nuovi prodotti e tecnologie
Fonte: ec