Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Tendenze scientifiche: Un enorme iceberg si stacca dalla calotta polare antartica

Le stesse dimensioni del Delaware, quattro volte più grande di Londra, di dimensioni pari a un quarto del Galles – quale che sia la descrizione, risulta chiaro che un satellite della NASA ha confermato che il 12 luglio uno dei più grandi iceberg mai registrati si sia staccato dalla banchisa polare artica.
Tendenze scientifiche: Un enorme iceberg si stacca dalla calotta polare antartica
La sezione di 5 800 chilometri quadrati della piattaforma di ghiaccio Larsen C, del peso di oltre mille miliardi di tonnellate, era in fase di distacco da mesi. Ricercatori del progetto MIDAS, nel Regno Unito, stanno monitorando Larsen C da molti anni, in seguito al crollo della banchisa polare Larsen A nel 1995 e all’improvvisa separazione della piattaforma Larsen B nel 2002. Essi riferiscono che questo distacco ha ultimato una frattura che si stava sviluppando da oltre un anno. Il distacco di questo iceberg lascia la banchisa polare Larsen C con un’area ridotta di oltre il 12%, e modifica per sempre il panorama della Penisola Antartica. Questo è il punto più arretrato in cui il fronte di ghiaccio si sia mai trovato nella storia documentata e MIDAS presterà molta attenzione a eventuali segnali che il resto della piattaforma sta diventando instabile.

L’impatto di un iceberg che galleggia liberamente

La domanda che viene adesso fatta è se l’iceberg interromperà le rotte di navigazione. Una mappa con lo schema di deriva degli iceberg che sono stati tracciati attorno al continente antartico è disponibile sulla BBC. Come riferisce il sito, “Questa storia collettiva suggerisce fortemente che il blocco Larsen si dirigerà verso l’Atlantico meridionale”.

Correnti, direzione del vento e gravità giocano tutti un ruolo nella direzione che l’iceberg prenderà. A causa dei venti, i livelli dell’acqua sono più elevati di circa mezzo metro vicino alla costa antartica rispetto al centro dell’oceano. Questo forma una pendenza lungo la quale l’iceberg galleggerà a causa del suo stesso peso, ma non seguendo una linea retta. L’effetto Coriolis, formato dalla rotazione della Terra, farà virare l’iceberg verso sinistra. Le acque attorno al continente sono poco profonde e se l’iceberg raschia lungo il fondo esso ruoterà o si fermerà, scavando un solco lungo il fondale marino. Questo è chiamato “tonneggio”.

Esso potrebbe rimanere bloccato saldamente su qualche struttura geologica in maggiore rilievo sulla costa dell’oceano per formare un’isola di ghiaccio semi permanente nel mare di Weddell, “Un evento a cui abbiamo già assistito,” ha detto la dott.ssa Anna Hogg dell’Università di Leeds. Ma la previsione è che l’iceberg galleggerà e procederà con sfregamenti verso nord nelle correnti vicine alla costa che scorrono lungo la penisola.

“Gli iceberg spesso si riuniscono e girano o ruotano attorno al loro punto di arenamento, portando a un moto discontinuo o a un cambiamento di direzione. Quindi, l’iceberg proveniente da Larsen C potrebbe impiegare del tempo prima di fuggire dalle [acque] poco profonde del mare di Weddell occidentale,” il dott. Mark Drinkwater, uno degli scienziati anziani dell’Agenzia spaziale europea che osservano la Terra, ha detto alla BBC.

Fonte: Sulla base di segnalazioni dei media

Informazioni correlate

Paesi

  • Antartide, Regno Unito