Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Progetto UE presenta luci brillanti per un futuro brillante

Il progetto OLLA ("Organic LEDs for ICT and lighting applications"), sostenuto dall'UE con 12 Mio EUR in finanziamenti, potrebbe essere giunto alla sua conclusione, ma il consorzio ha annunciato un'estensione della collaborazione mediante il progetto OLED100.eu. Il partenariat...
Progetto UE presenta luci brillanti per un futuro brillante
Il progetto OLLA ("Organic LEDs for ICT and lighting applications"), sostenuto dall'UE con 12 Mio EUR in finanziamenti, potrebbe essere giunto alla sua conclusione, ma il consorzio ha annunciato un'estensione della collaborazione mediante il progetto OLED100.eu. Il partenariato, creato tra aziende europee leader, si misurerà con la tecnologia per illuminazione OLED (diodo organico a emissione di luce). L'obbiettivo del progetto è quello di migliorare l'efficienza, la durata e la dimensione dei diodi a emissione di luce.

Coordinato da Patrick Keur, OLED100.eu inizia il primo settembre 2008 e finisce nel 2011. I partner del progetto tentano di ottenere un'efficienza luminosa di 100 lumen per watt, di allungare la durata di oltre 100.000 ore, di ampliare l'area a un metro per un metro e di ridurre i costi di produzione a 100 EUR al metro quadro o anche meno.

Per quasi due decenni gli scienziati hanno cercato dei modi per trasformare l'energia elettrica in luce visibile utilizzando mezzi diversi dalle sorgenti a incandescenza. Essi hanno anche provato a offrire al mercato delle luci molto efficienti e completamente personalizzabili nella forma, nel colore e nell'aspetto. Tuttavia, essi hanno concentrato le loro energie soltanto sulle applicazioni per display. Alcune fonti ora dicono che il potenziale della tecnologia OLED è grande, in particolare poiché gli OLED possono dare una miriade di prodotti che offrono alta efficienza e alta luminosità, diversi aspetti, oltre a varie forme e combinazioni di colori.

Fonti dicono che il contributo di OLED100.eu alla tecnologia dell'illuminazione si dimostrerà positivo. Il team di ricerca aggiunge che OLED possiede il potenziale per diventare, come fonte di luce, la scelta numero uno per varie applicazioni, tra cui retroilluminazione per display a cristalli liquidi (LCD), luci di emergenza, segnalazioni e insegne pubblicitarie.

Entro il 2023, questi particolari diodi saranno riusciti a rimpiazzare tutte le luci usate attualmente, sia a incandescenza che a fluorescenza, e OLLA avrà aiutato con successo a far iniziare questo fenomeno. OLLA ha di recente presentato la tecnologia di base per una fonte di luce bianca OLED altamente efficiente basata sulla tecnologia Novaled PIN OLEDTM.

"L'elevata efficienza, combinata con i valori di durata estrapolati, dimostra che OLED è una tecnologia importante per le applicazioni nel campo dell'illuminazione, poiché consente dei design innovativi e dei risparmi energetici per i prodotti futuri in questo settore," ha spiegato Peter Visser, capo del progetto OLLA.

Da parte sua, il dott. Martin Vehse della Novaled ha detto, "La tecnologia Novaled PIN ha il potenziale per migliorare ulteriormente l'efficienza luminosa. Essa è in linea con la roadmap tecnologica [che indica] che nel futuro prossimo si potranno ottenere alcuni OLED 100 lm/W."

I risultati ottenuti in OLLA includono anche il lancio di grandi OLED privi di ossido di indio e stagno (ITO), i primi OLED stampati su un'ampia superficie e un numero di prodotti dimostrativi per le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC).

I ricercatori affermano che tutti i principali partecipanti nei progetti OLLA e OLED100.eu hanno rafforzato la loro cooperazione e hanno fornito le loro competenze per far decollare questa tecnologia innovativa il prima possibile, in particolare per i mercati internazionali.

Fonte: Progetto OLLA

Informazioni correlate

Numero di registrazione: 29665 / Ultimo aggiornamento: 2008-07-16
Categoria: Altro
Fonte: ec