Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Ricerca settoriale e programma di sviluppo (CEE) nel settore della ricerca in campo medico e della sanità pubblica - azione concertata, 1982-1986

Programma precedente

PRE-MHR 2C

Programma successivo

FP2-MHR 4C

Finanziamento del programma

EUR 13,3 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 248 del 1982-08-24

Riferimento legislativo

82/616/EEC del 1982-08-17
Per accrescere l'efficacia del lavoro di R&S degli Stati membri nel settore della ricerca in campo medico e di sanità pubblica mobilizzando il potenziale di ricerca dei programmi nazionali e garantendo il loro graduale coordinamento a livello comunitario e anche per migliorare la conoscenza scientifica e tecnica in questo settore, con particolare attenzione al potenziale per lo sviluppo industriale ed economico.

Riassunto

Svolto con riferimento alla risoluzione del Consiglio del 14 gennaio 1974 (Gazzetta ufficiale N. C 7 del 29.1.1974) in merito ad uno schema di programma iniziale delle Comunità europee nel settore della scienza e della tecnologia, questo terzo programma di ricerca sanitaria settoriale comprendeva 33 progetti. A parte i nuovi progetti di interesse comune, copriva il proseguimento dei tre progetti di azioni concertate relativi al primo programma (1978-1981) e l'integrazione dei quattro progetti relativi al secondo (1980-1984). I fondi rimasti dalle dotazioni del periodo 1980-1982 sono stati incorporati nello stanziamento.

Suddivisione

I tre sottoprogrammi:

- problemi sanitari:
progetti associati ai problemi sanitari della nascita e dell'età avanzata con interruzione all'adattamento;

- risorse sanitarie:
sviluppo della ricerca sui servizi sanitari, della tecnologia sanitaria e delle risorse umane;

- ambiente personale (alimentazione e prodotti farmaceutici):
comprensione dell'impatto delle abitudini alimentari e dell'assunzione di sostanze stupefacenti sulla salute.

Attuazione

La Commissione, assistita da un Comitato generale di azioni concertate e da quattro separati comitati di azioni concertate (COMACs), era responsabile dell'attuazione del programma tramite il metodo di azioni concertate. Questo significava che gli Stati membri sceglievano i progetti di ricerca da coordinare a livello comunitario, li realizzavano presso i propri istituti nazionali interamente finanziati dai propri stanziamenti nazionali.

La Comunità era autorizzata a concludere accordi con Stati non membri partecipanti alla ricerca scientifica e tecnologica (COST) con l'obiettivo di associarli completamente o parzialmente al programma.

Gli Stati membri e la Commissione hanno scambiato tutte le informazioni utili relative all'esecuzione della ricerca coperta dalla decisione. Prima del termine del terzo anno, il programma è stato preso in esame in vista di una sua possibile revisione. La relativa relazione è stata inviata al Consiglio e al Parlamento europeo.

Argomenti

Medicina e sanità