Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma comunitario (CEE) nel campo dell'analisi strategica, della previsione e della valutazione in materia di ricerca e di tecnologia (MONITOR), 1989-1993

Programma quadro

FP2-FRAMEWORK 2C

Programma precedente

PRE-FAST 2

Programma successivo

FP4-TSER

Finanziamento del programma

EUR 22 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 200 del 1989-07-13

Riferimento legislativo

89/414/CEE del 1989-06-20
Condurre analisi strategiche di sviluppo scientifico e tecnologico, studiare le prospettive di cambiamento e migliorare le metodologie di valutazione dei programmi di R&S al fine di identificare nuove direzioni e priorità per la politica comunitaria e mostrare più chiaramente le relazioni tra R&S e altre politiche comuni.

Riassunto

Parte del secondo Programma quadro di ricerca e sviluppo tecnologico (1987-1991) alla subattività 8.3: "Previsione e valutazione ed altre misure di sostegno, inclusi i dati statistici", il programma integra la previsione (FAST), l'analisi strategica (SAST) e la valutazione (SPEAR) in materia di ricerca e di tecnologia. Le attività di previsione condotte secondo il programma FAST sono un seguito ri-orientato ai programmi FAST precedenti, mentre le attività SPEAR sono conformi al piano di azione comunitario relativo alla valutazione delle attività comunitarie di R&S per gli anni dal 1987 al 1991 (EVAL 2C).

I tre componenti sono volti a costituire per quanto possibile un tutto integrato, mirante a raggiungere l'obiettivo generale del programma, e cioè dirigere il corso della ricerca comunitaria, e come tali costituiscono parte integrante di un gruppo di strumenti di previsione ed analisi allestiti nell'ambito della Commissione. Tuttavia, sono chiaramente distinti in termini di natura dei "prodotti" attesi e richiedono quindi approcci e modi di organizzazione specifici.

Il programma comporta la costituzione di due reti "12+1", una collegata a FAST e l'altra a SPEAR, per garantire lo scambio e la diffusione delle informazioni e la promozione all'interno della Comunità di mezzi più efficaci di previsione e valutazione delle attività di R&S e di valorizzazione dei loro risultati.

Suddivisione

Tre attività principali:

- analisi strategica e dell'impatto (SAST):
lo svolgimento di analisi "mirate" in un campo scientifico, settore tecnologico o su un tema di attualità, all'interno o all'esterno della Comunità, al fine di identificare le opzioni a disposizione della politica sulla scienza e tecnologia della Commissione e delle interazioni con altre politiche;

- previsioni FAST:
esame delle prospettive di scambio scientifico e tecnologico e l'interazione con gli sviluppi socioeconomici per produrre analisi globali e proiezioni a lungo termine;

valutazione dei programmi di R&S (SPEAR):
miglioramento delle basi teoriche e metodologiche di valutazione dei programmi comunitari di R&S al fine di migliorare i metodi di organizzazione e di gestione degli stessi alla luce dell'esperienza nazionale ed internazionale, per aumentarne l'efficacia.

Attuazione

La Commissione, assistita da un comitato consultivo composto dai rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione stessa, è responsabile per l'attuazione del programma.

MONITOR viene attuato, tra l'altro, mediante il coinvolgimento di centri o équipe di ricerca dei paesi della Comunità, specializzati in analisi strategiche e dell'impatto, nella previsione e nella valutazione dei programmi di R&S, e particolarmente costituendo reti, organizzando workshop, seminari, ecc. Inoltre, si organizzeranno visite da parte di scienziati di istituti e governi nazionali i quali parteciperanno alle diverse attività ed alla diffusione delle conoscenze e dei risultati ottenuti dalle attività SAST, FAST e SPEAR mediante pubblicazioni sulle ricerche, note sulle politiche, organizzazione di "giornate MONITOR" nazionali ed altre iniziative pubblicitarie.

Le suddette attività vengono intraprese principalmente mediante contratti di studi e servizi da svolgere per conto della Commissione. Come regola generale, ove appropriato, i contratti vengono assegnati sulla base di inviti a presentare proposte o gare d'appalto (limitate o pubbliche) pubblicate sulla Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. Il contributo finanziario della Comunità può coprire sino al 100% della spesa totale. I contratti stipulati dalla Commissione regolano i diritti e gli obblighi di ciascuna parte, ivi compresi i metodi di diffusione, protezione e valorizzazione dei risultati delle ricerche.

La Commissione è autorizzata a negoziare accordi con gli Stati non membri e le organizzazioni internazionali, al fine di una loro associazione totale o parziale al programma. Ciò si applica in particolar modo ai paesi che partecipano alla cooperazione europea nel campo della ricerca scientifica e tecnica (COST) ed a quelli che hanno finalizzato accordi di cooperazione quadro scientifica e tecnica con la Comunità. Nel caso di tali accordi quadro, le organizzazioni e le imprese costituite in detti paesi possono, su una base di un beneficio reciproco, diventare partner in un progetto intrapreso nell'ambito del programma.

Nel corso del terzo anno di attuazione, la Commissione dovrà rivedere il programma e presentare un rapporto al Parlamento ed al Consiglio europeo. Al termine del programma, dovrà inoltre presentare a questi stessi enti una valutazione finale dei risultati ottenuti.
Numero di registrazione: 123 / Ultimo aggiornamento: 1990-03-26