Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

ENV-ACE 1

Programma successivo

ENV-ACNAT

Finanziamento del programma

EUR 24 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 207 del 1987-07-29

Riferimento legislativo

2242/87/CEE del 1987-07-23
Proteggere l'ambiente e la salute umana mediante: la messa a punto di tecnologie pulite; il riciclaggio e la riutilizzazione dei rifiuti; l'individuazione e il ripristino di siti contaminati da sostanze e/o rifiuti pericolosi; la realizzazione di nuove tecniche di misurazione e di controllo; la protezione dei biotopi minacciati; la decisione di azioni appropriate relative ai terreni minacciati o degradati.

Riassunto

In linea con il programma d'azione delle Comunità relativo all'ambiente (1987-1991), rappresenta la seconda azione nello specifico settore. Rispetto alla precedente azione, sono stati ampliati i settori di applicazione.

Nel settore dei biotopi era importante che la Comunità contribuisse al mantenimento e al ristabilimento di biotopi gravemente minacciati che accolgono specie in pericolo, ai sensi della direttiva del Consiglio 79/409/CEE del 2 aprile 1979 (Gazzetta ufficiale n. L 103 del 25.4.1979), concernente la conservazione degli uccelli selvatici.

Suddivisione

Sei settori di applicazione:

- Tecnologie pulite:
progetti dimostrativi tesi allo sviluppo di nuove tecnologie "pulite", vale a dire poco o per nulla inquinanti, e tali da consumare meno risorse naturali, nei settori seguenti:
. trattamento delle superfici;
. industria del cuoio;
. industria tessile;
. industrie della cellulosa e della carta;
. industria chimica;
. industria agroalimentare;

- Riciclaggio e riutilizzazione dei rifiuti:
progetti dimostrativi volti allo sviluppo di tecniche per il riciclaggio e la riutilizzazione dei rifiuti (comprese le acque di scarico), nei settori seguenti:
. riciclaggio dei metalli;
. scarichi;
. industria del cuoio;
. industrie estrattive;
. industria chimica;
. industria agroalimentare;

- Individuazione di sostanze e/o rifiuti pericolosi:
progetti dimostrativi volti all'elaborazione di tecniche di individuazione e di ripristino di siti contaminati da sostanze e/o rifiuti pericolosi;

- Metodi di misurazione e di sorveglianza:
progetti dimostrativi volti alla messa a punto di tecniche e metodi nuovi di misurazione e di sorveglianza della qualità dell'ambiente naturale;

- Biotopi:
progetti a carattere incentivante volti a contribuire al mantenimento o al ristabilimento di biotopi fortemente minacciati che accolgono specie in pericolo;

- Terreni minacciati o degradati:
progetti a carattere incentivante volti a contribuire alla protezione o al ristabilimento dei terreni minacciati o degradati da incendi, processi di erosione e desertificazione.

Attuazione

Le domande di sostegno finanziario per i progetti dimostrativi in questo settore sono compilate in risposta a gare d'appalto preparate dalla Commissione. Tali domande vengono trasmesse alla Commissione, con copia alle autorità competenti dello Stato membro interessato. La Commissione, dopo aver consultato il comitato consultivo, decide se concedere o rifiutare il sostegno finanziario e negozia anche i contratti necessari.

Un elenco delle azioni beneficiarie del sostegno finanziario comunitario viene pubblicato annualmente. Tale sostegno finanziario viene concesso alle persone fisiche o giuridiche responsabili del progetto e variava tra il 30% e il 50% ad eccezione dei progetti inerenti ai biotopi (non oltre il 75%). In caso di sfruttamento commerciale dei risultati di un progetto, la Comunità può richiedere il rimborso del proprio contributo finanziario.

La Commissione presenta al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale una relazione annuale in merito all'azione.
Numero di registrazione: 134 / Ultimo aggiornamento: 1998-05-11