Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma di azione volto a promuovere l'innovazione nel settore della formazione professionale in conseguenza al mutamento tecnologico nella Comunità europea (EUROTECNET), 1990-1994

Programma precedente

ET-EUROTECNET 1

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 393 del 1989-12-30

Riferimento legislativo

89/657/EEC del 1989-12-18
Inteso a promuovere l'innovazione nel settore della formazione professionale di base e continua, in risposta ai mutamenti tecnologici in atto e futuri e al loro impatto sull'occupazione, sul lavoro e sulle qualifiche e competenze necessarie.

Riassunto

Il secondo programma EUROTECNET, come già il primo, affonda le sue radici nella decisione del Consiglio 63/266/CEE del 2 aprile 1963 (Gazzetta ufficiale n. 63 del 20.4.1963) che determinava i principi generali per attuare una politica comune di formazione professionale.

Nelle riunioni tenutesi a Londra (il 5 e 6 dicembre 1986) e a Madrid (il 26 e 27 giugno 1989), il Consiglio europeo ha sottolineato l'importanza delle azioni aventi l'obiettivo di migliorare la formazione e il carattere fondamentale della promozione delle risorse umane attraverso la formazione per lo sviluppo economico e sociale. Il Consiglio nel 1987 ha adottato un terzo programma d'azione per la formazione professionale dei giovani e la loro preparazione alla vita adulta e professionale (PETRA) nella quale ha sottolineato la necessità di sviluppare le capacità di adattamento dei sistemi di formazione professionale ad una rapida evoluzione tecnologica, economica e sociale. La comunicazione della Commissione al Consiglio del 18 aprile 1985, successiva alla risoluzione del Consiglio del 2 giugno 1983 (Gazzetta ufficiale n. C 166 del 25.6.1983), indicava l'importanza di sviluppare la cooperazione tra gli Stati membri per mettere a profitto le opportunità offerte dalle nuove tecnologie nei sistemi di formazione professionale.

Suddivisione

- rete di progetti innovativi nazionali o transnazionali atti a sviluppare e migliorare le politiche ed i sistemi di formazione professionale per le nuove tecnologie negli Stati membri;

- misure comunitarie intese ad appoggiare e completare quelle intraprese da e entro gli Stati membri:
. promuovere l'uso di approcci innovativi per adeguare la formazione professionale di base e anche quella continua al mutamento tecnologico;
. intraprendere ricerche e analisi al fine di adeguare la formazione professionale di base e continua alle conseguenze del mutamento tecnologico;
. organizzare campagne e attività d'informazione.

Attuazione

La Commissione, assistita da un comitato consultivo composto dai rappresentanti degli Stati membri, è responsabile dell'attuazione del programma con l'appoggio del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (CEDEFOP). Essa deve informare regolarmente il comitato consultivo per la formazione professionale in merito agli sviluppi del programma e garantire la coerenza e la complementarità con gli altri programmi comunitari relativi alla formazione professionale e/o allo sviluppo tecnologico.

I risultati dei progetti nazionali o transnazionali intrapresi dagli Stati membri e le misure adottate dalla Commissione formano oggetto di valutazioni esterne, la prima volta durante il primo semestre del 1992 e la seconda durante il primo semestre del 1994; dette valutazioni saranno trasmesse al Consiglio, al Parlamento europeo e al Comitato economico e sociale, ponendo in evidenza le modalità di finanziamento del programma. Entro il 30 giungo 1995, la Commissione trasmette agli stessi organismi una relazione finale sui risultati del programma.

L'importo globale stimato necessario per finanziare il programma nel corso dei primi tre anni del periodo quinquennale (1990-1994) ammonta a 7,5 milioni di ECU.
Numero di registrazione: 173 / Ultimo aggiornamento: 1990-11-13