Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma quadro

FP3-FRAMEWORK 3C

Programma precedente

FP2-SPES

Programma successivo

FP4-TMR

Finanziamento del programma

EUR 562 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 107 del 1992-04-24

Riferimento legislativo

92/217/CEE del 1992-03-16
Contribuire ad accrescere la quantità e la qualità delle risorse umane disponibili in materia di ricerca e di sviluppo tecnologico di cui gli Stati membri necessiteranno nei prossimi anni; ottimizzare l'utilizzazione delle loro infrastrutture tecniche e scientifiche favorendo in tal modo la creazione di una vera e propria comunità scientifica e tecnica europea.

Riassunto

Parte del Terzo programma quadro delle azioni comunitarie di ricerca e di sviluppo tecnologico (1990-1994) nell'ambito dell'attività III.6 ("Capitale umano e mobilità"), il programma si fonda sulle azioni svolte nell'ambito dei programmi SCIENCE (1988-1992), SPES (1989-1992) e "Accesso ai grandi impianti" (1989-1992) e ne estende il lavoro. Le sue attività di formazione completano quelle svolte nell'ambito di altri programmi comunitari specifici, quali COMETT e EUROTECNET.

Il programma si articola intorno a due assi principali: la formazione e la mobilità del personale e la costituzione di reti. Per il suo particolare carattere orizzontale, il presente programma copre tutti i settori scientifici e tecnici, comprese le scienze economiche e della gestione.

L'obiettivo di queste varie attività sarà di aumentare la mobilità dei ricercatori comunitari, in particolare dei giovani ricercatori di livello post-dottorale, consentendo loro, attraverso periodi di tirocinio, di sviluppare un'attività di ricerca in un gruppo o in un laboratorio di qualità riconosciuta situato in uno Stato membro diverso dal paese di provenienza. L'aiuto finanziario può essere assegnato a giovani ricercatori di livello dottorale, segnatamente nelle discipline scientifiche in cui vi sia penuria di ricercatori di livello post-dottorale. Potranno altresì beneficiare del programma i ricercatori affermati che abbiano bisogno di una formazione specifica in un campo diverso dal proprio o al fine di utilizzare le loro competenze scientifiche in nuovi campi. Inoltre, possono beneficiare di un contributo finanziario comunitario ricercatori affermati (come "visiting professor" incaricati della ricerca) onde permettere di sviluppare progetti di ricerca e sviluppo in centri situati in regioni svantaggiate della Comunità, in modo da garantire in loco la formazione di vari giovani ricercatori.

Nell'ambito di tale contesto, il programma comprende azioni volte a incoraggiare l'accesso alle grandi installazioni scientifiche e/o tecniche esistenti nella Comunità, accrescendo in questo modo le possibilità di formazione avanzata offerte ai ricercatori europei e permettendo loro di familiarizzarsi con l'uso di tali installazioni nell'esecuzione di progetti di ricerca.

La costituzione delle reti di ricerca prevista dal presente programma è di fondamentale importanza per la realizzazione degli obiettivi di ricerca e di sviluppo tecnologico della Comunità in quanto consolida e completa gli effetti strutturanti dei programmi tematici. Come regola generale, le reti di cooperazione scientifica e tecnica comprendono cinque laboratori e/o gruppi di ricerca pubblici o privati, di almeno tre Stati membri, che lavorino congiuntamente ad almeno uno o più progetti di ricerca e sviluppo. Sarà particolarmente incentivata l'associazione di laboratori di alta qualità con laboratori promettenti situati in regioni meno favorite della Comunità.

Suddivisione

Quattro settori:

- Sviluppo di un sistema comunitario di borse per la formazione alla ricerca:
i partecipanti alle azioni di formazione sono scelti sulla base di una procedura a due livelli volta a combinare gli organismi ospitanti con i ricercatori che desiderino partecipare all'azione comunitaria:
. beneficiari individuali di borse di formazione:
scienziati della Comunità, in particolare giovani ricercatori a livello dottorale o post-dottorale, selezionati per partecipare a progetti avanzati di ricerca di durata da sei mesi a due anni;
. laboratori o gruppi di ricerca riceventi i beneficiari delle borse:
tre categorie di organismi - gruppi di ricerca o laboratori, gruppi di ricerca o laboratori raggruppati per costituire delle reti intraeuropee, istituzioni che offrono grandi installazioni - selezionati per ricevere, separatamente o insieme (in caso di reti), i beneficiari delle borse di formazione;

- Reti di ricerca per la cooperazione tecnica e scientifica:
sostegno finanziario a gruppi di ricerca o laboratori raggruppati in reti intra-europee al fine di elaborare temi o progetti scientifici e tecnici:
sostegno finanziario a organismi dotati di grandi installazioni inteso a coprire i costi per favorire l'accesso dei ricercatori ospiti.

- Conferenze europee:
sostegno finanziario a organismi, associazioni scientifiche o società erudite che organizzano serie di incontri ad alto livello per discutere le più recenti attività nei campi scientifici e tecnologici di punta.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'esecuzione del programma ed è assistita da un comitato composto dai rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione.

Il programma comprende azioni di formazione e misure di accompagnamento.

I partecipanti verranno selezionati sulla base di inviti a presentare proposte pubblicati nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee. I beneficiari individuali delle borse devono essere cittadini degli Stati membri della Comunità o persone fisiche residenti nella Comunità europea. I laboratori o i gruppi di ricerca devono collocarsi nel contesto delle entità aventi una personalità giuridica stabilita nella Comunità, quali centri di ricerca, istituti universitari, fondazioni scientifiche aventi un'attività di ricerca propria o società industriali. Eccezionalmente, ai fini del presente programma, il Centro europeo di ricerca nucleare (CERN), che ha sede a Ginevra, ma che ha la maggior parte degli impianti nel territorio della Comunità, può partecipare ai contratti.

Le borse comunitarie coprono due tipi di spese: quelle relative ai ricercatori stessi e quelle relative all'amministrazione delle borse. I costi amministrativi comprendono quelli della Commissione e quelli dell'organizzazione ospitante, compreso un contributo alle spese per la ricerca sostenute dal beneficiario, in casi particolari debitamente giustificati. L'importo relativo ai ricercatori deve coprire le spese per il mantenimento e la mobilità e le spese speciali per la pubblicazione dei risultati.

Per i gruppi di ricerca o i laboratori che partecipano all'azione sulle reti intra-europee, le diverse forme di sostegno devono essere oggetto di un contratto. Il contributo della Comunità copre le spese sostenute per l'assunzione di ricercatori al di fuori della rete, necessari per completare il progetto di ricerca, i costi accessori derivanti dalla cooperazione internazionale, un contributo alle spese per la ricerca e i costi amministrativi. Il contributo della Comunità rappresenta in generale il 100% del costo marginale dell'azione (compreso l'intero costo della borsa di ricerca).

Per i laboratori o i gruppi di ricerca che partecipano all'azione sull'accesso alle grandi installazioni, l'entità del contributo della Comunità è subordinata alla qualità e al carattere unico dell'installazione, all'interesse dimostrato dai potenziali utenti, al rapporto costi/benefici del contributo comunitario, all'importanza che l'installazione riveste per la Comunità in relazione al potenziale scientifico e tecnico complessivo della Comunità.

Per gli organismi partecipanti all'azione volta allo sviluppo di conferenze europee il sostegno finanziario della Comunità copre segnatamente le spese di partecipazione dei giovani scienziati che assistono alle conferenze, dando la precedenza a quelli provenienti dalle regioni meno favorite.

Le misure di accompagnamento consistono, in particolare, nell'uso delle risorse che consentono una buona esecuzione tecnica, una buona gestione e valutazione del programma, nonché l'adeguata diffusione e accessibilità dei risultati delle azioni e del coordinamento della formazione, e la crescente consapevolezza dei partecipanti al programma.

Il Centro comune di ricerca (CCR) contribuirà allo svolgimento delle attività del presente programma attraverso le proprie attività nel settore del capitale umano e della mobilità.

La Commissione è autorizzata a negoziare accordi internazionali con paesi terzi che sono membri della COST, in particolare i paesi membri dell'EFTA, e con i paesi dell'Europa centrale e orientale per associarli all'insieme o a una parte del programma. Gli organismi e le imprese stabiliti nei paesi terzi europei possono essere ammessi a un'azione intrapresa nel quadro del presente programma. Nessun organismo contraente stabilito al di fuori della Comunità e partecipante a un'azione intrapresa nel quadro del programma può beneficiare del finanziamento comunitario del programma stesso. Siffatto organismo partecipa alle spese amministrative generali.

L'importo del finanziamento comunitario ritenuto necessario per l'esecuzione del programma ammonta a 562 milioni di ECU, compresa una somma equivalente all'1% del bilancio riservata quale contributo del programma all'azione centralizzata di diffusione e di valorizzazione dei risultati.

La diffusione dei risultati del programma sarà svolta nell'ambito del programma stesso nonché attraverso un'azione centralizzata.

Nel corso del secondo anno di realizzazione del programma la Commissione procede a un riesame del medesimo e trasmette una relazione sui risultati di tale riesame al Parlamento europeo e al Consiglio. Al termine del programma un gruppo di esperti indipendenti procede a una valutazione dei risultati conseguiti dal programma; la relazione di tale gruppo, accompagnata dai commenti della Commissione, viene presentata al Parlamento europeo e al Consiglio.
Numero di registrazione: 187 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-05