Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Primo programma congiunto di ricerca (CECA) "Sicurezza nelle industrie della Comunità europea del carbone e dell'acciaio" (1989-1993)

Programma precedente

ECSC-MINESAFE 2C

Finanziamento del programma

EUR 26 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

C 325 del 1989-12-29

Riferimento legislativo

89/C325/02
Verificare che si tenga conto dell'aspetto della sicurezza nella progettazione, nella realizzazione, nella gestione e nella manutenzione dei nuovi processi tecnologici; assicurare che venga presa in considerazione l'armonizzazione delle nozioni tecnologiche e dei metodi di identificazione, di misura e di valutazione dei rischi riguardanti la salute e la sicurezza; rispondere alle esigenze del mondo del lavoro accrescendo la sicurezza dei lavoratori nell'ambiente di lavoro.

Riassunto

Ai sensi dell'articolo 55 del Trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), la Commissione deve incoraggiare le ricerche tecniche ed economiche concernenti la sicurezza del lavoro nelle industrie carbosiderurgiche. I fondi per tali sovvenzioni provengono dalle imposizioni sulla produzione carbosiderurgica previste all'articolo 49 del Trattato CECA.

Fino al 1976 i progetti per la ricerca in materia di sicurezza nelle miniere di carbone e di ferro venivano proposti e accolti singolarmente, a prescindere da qualsiasi programma organico. Tuttavia, il 21 dicembre 1976 la Commissione ha messo a punto un programma quinquennale di ricerca in materia di "sicurezza nelle miniere". A questo, nel 1982, ha fatto seguito un altro programma quinquennale. In precedenza, la sicurezza sul lavoro nell'industria siderurgica è stata oggetto di un solo programma pluriennale all'inizio degli anni '80 (Gazzetta ufficiale n. C 40 dell'11.2.1983), dedicato essenzialmente allo studio delle ripercussioni delle trasformazioni tecnologiche e, in particolare, dell'introduzione della tecnica della colata continua.

Le ricerche concernenti la sicurezza nelle industrie della CECA sono previste anche nei programmi pluriennali che interessano l'ergonomia, la ricerca medica, l'igiene industriale in miniera nonché la lotta contro gli effetti nocivi e molesti nei posti di lavoro e nelle vicinanze degli impianti siderurgici. Gli aspetti concernenti la sicurezza vengono tenuti in considerazione dai programmi per la ricerca tecnica nel settore carbosiderurgico.

Suddivisione

- Siderurgia:
. Altiforni e reparti a monte di essi (cokerie, preparazione del minerale e impianti di sinterizzazione):
affidabilità delle apparecchiature tecniche (nel campo della misurazione, della regolazione e del controllo), sviluppo di ausili tecnico-ergonomici e formazione del personale sui vari aspetti attinenti al processo di produzione e sui relativi rischi;
. Acciaierie:
natura e possibili conseguenze dei rischi riguardanti il personale in tutti i diversi settori delle acciaierie;
. Laminatoi:
ripercussioni dell'automazione e della computerizzazione sulla sicurezza del personale; ampia armonizzazione del grado di impegno richiesto ai dipendenti in relazione alle caratteristiche dell'impianto, tenendo conto in modo particolare degli influssi negativi del posto di lavoro quali, per esempio, il calore, la rumorosità e la presenza di polvere e di fumo;
. Reparti di finitura:
separazione delle sfere operative uomo/tecnica e prodotto ovvero ottimizzazione delle interfacce tra queste due sfere e motivazione del personale a un comportamento più consono alle esigenze della sicurezza facendo acquisire a esso una migliore conoscenza delle relazioni funzionali di un reparto di finitura dal punto di vista tecnico e organizzativo;
. Manutenzione:
sistemi computerizzati di programmazione e di pilotaggio nel settore della manutenzione dal punto di vista della loro efficacia nel campo dell'antinfortunistica;

- Industrie estrattive:
. Incendi e fenomeni di combustione in sotterraneo:
prevenzione più efficace dei fenomeni di autocombustione in sotterraneo, riduzione al minimo dei rischi di incendio e di surriscaldamento e relativa limitazione delle conseguenze sulle apparecchiature, sulla ventilazione e soprattutto sui lavoratori;
. Esplosioni:
proseguimento degli studi sul rischio di ignizione del grisou ad opera degli scalpelli delle macchine durante l'abbattimento;
. Salvataggio:
incremento della sicurezza a breve termine, della rapidità dell'allarme e delle procedure di evacuazione, che devono essere rese più semplici e sicure;
. Sorveglianza, telemetria, presentazione dei dati, telecomando, automazione e comunicazione:
affidabilità dei sensori, delle trasmissioni e delle comunicazioni, miglioramento dei sistemi di identificazione e di localizzazione automatica dei minatori, realizzazione di mezzi di comunicazione altamente efficaci;
. Trasporto e movimentazione:
ottimizzazione dei mezzi e dei metodi di trasporto;
. Elettricità ed energia:
studio della sicurezza delle attrezzature, soprattutto per quanto concerne l'elettrificazione dei cantieri di avanzamento che devono essere dotati di sistemi ad alta tensione, e le condizioni della loro utilizzazione; esecuzione di ricerche miranti alla realizzazione di dispositivi d'interruzione ultrarapida onde limitare la potenza degli archi che si creano a seguito di lesioni meccaniche subite dai cavi; perfezionamento della protezione delle attrezzature elettriche; studio dei problemi legati all'elettricità statica, soprattutto in relazione all'accresciuto impiego di materiali sintetici in sotterraneo;
. Tecnologia degli impianti e dei macchinari:
messa a punto di materiali e attrezzature utilizzabili in miniera in modo soddisfacente quanto a caratteristiche meccaniche, rischio d'incendio, rischio di esplosione, tossicità e idoneità a usi particolari;
. Metodi di coltivazione:
i problemi da affrontare sono quelli relativi alle pressioni dei terreni e all'armatura, al grisù, alle falde freatiche, alla ventilazione, all'intersezione cantiere di avanzamento-galleria;
. Dislocazioni del massiccio, fenomeni connessi, sprigionamenti istantanei:
messa a punto di metodi di prevenzione, studio e trattamento dei segni premonitori, determinazione delle precauzioni da adottare;
. Attività di superficie:
studio dei problemi complementari a quelli che si registrano in sotterraneo (estrazione, trasporto e movimentazione delle attrezzature, trasporto del personale, uso degli esplosivi nelle cave o nelle coltivazioni a cielo aperto) e di quelli specifici delle attività di superficie (impianti di lavaggio, depositi di detriti, coltivazione delle cave e dei giacimenti a cielo aperto, pozzi abbandonati).

Attuazione

La Commissione, assistita dal Comitato consultivo della CECA, è responsabile dell'attuazione del programma. I comitati consultivi - un comitato per la ricerca in materia di sicurezza, un comitato dei produttori e dei lavoratori per la sicurezza e la medicina del lavoro e un comitato di esperti governativi - prestano la necessaria consulenza in sede di esame dei progetti.

I progetti che fruiscono dell'aiuto finanziario della Comunità nell'ambito del presente programma saranno realizzati a cura delle industrie siderurgiche ed estrattive degli Stati membri e degli istituti di ricerca competenti. Un numero crescente di ricerche è ispirato alla messa a punto, all'adattamento e allo sviluppo di procedure o attrezzature. I progetti saranno suddivisi tra gli istituti, le industrie minerarie ed eventualmente i fabbricanti di attrezzature.

Per essere presi in esame e, se del caso, ricevere i finanziamenti nel corso dell'anno successivo, i progetti di ricerca devono pervenire alla Commissione delle Comunità europee entro il 1° ottobre di ogni anno. L'assistenza finanziaria della Comunità non può superare complessivamente il 60% del costo diretto di un progetto.

Informazioni particolareggiate e i risultati della ricerca saranno riportati in EuroAbstracts. Ulteriori informazioni saranno pubblicate nella letteratura scientifica e tecnica accessibile al pubblico; presso la Commissione, inoltre, sarà possibile ottenere, su richiesta, le relazioni complete su qualsiasi ricerca abbia fruito di un aiuto finanziario.

Argomenti

Sicurezza
Numero di registrazione: 209 / Ultimo aggiornamento: 1996-07-18