Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Quinto programma di ricerca (CECA) "Lotta tecnica contro gli effetti nocivi e molesti nei posti di lavoro e nelle vicinanze degli impianti siderurgici" (1985-1989)

Programma precedente

ECSC-WORKENV 4C

Finanziamento del programma

EUR 20 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

C 338 del 1985-12-31

Riferimento legislativo

85/C338/02
Affrontare talune priorità definite in funzione di due tipi di esigenze: quelle fissate dalle direttive comunitarie e dalle legislazioni nazionali, da un lato, e quelle dello sviluppo tecnologico e del crescente problema del trasferimento dell'inquinamento, dall'altro.

Riassunto

Ai sensi dell'articolo 55 del Trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), la Commissione deve incoraggiare le ricerche tecniche ed economiche concernenti la produzione e l'incremento del consumo del carbone e dell'acciaio e parimenti la sicurezza del lavoro nelle industrie carbosiderurgiche. I fondi per tali sovvenzioni provengono dalle imposizioni sulla produzione carbosiderurgica previste all'articolo 49 del Trattato CECA.

Mentre il secondo programma relativo alla lotta tecnica agli inquinamenti nell'industria siderurgica (1967-1973) era quasi completamente dedicato al problema dell'inquinamento atmosferico, il terzo programma (1974-1978) ha esteso il proprio campo d'azione per comprendere i problemi connessi con il trattamento delle scorie e delle acque residue. Il quarto (1979-1983) e il quinto programma (1985-1989) hanno proseguito le ricerche in questi stessi settori ma ne hanno ampliato ancora di più l'ambito per comprendere inquinamento acustico, impatto ambientale nonché salute e sicurezza nel luogo di lavoro. Gli obiettivi generali del quinto programma erano in conformità con quelli stabiliti dalla Commissione in campo ambientale e, in particolare, con quelli del terzo programma d'azione in materia ambientale e con le direttive comunitarie recepite nelle varie legislazioni nazionali.

Suddivisione

- Lotta contro l'inquinamento atmosferico sui luoghi di lavoro, all'interno degli stabilimenti e nelle loro adiacenze:
le ricerche volte a risanare l'atmosfera sul posto di lavoro e all'interno degli stabilimenti sono indispensabili, poiché sono un obiettivo permanente;

- Lotta contro l'inquinamento delle acque dolci e delle acque marine:
hanno assunto carattere di priorità le ricerche rese necessarie dalla progressiva applicazione della direttiva del Consiglio relativa all'inquinamento causato da talune sostanze pericolose scaricate nell'ambiente idrico della Comunità;

- Problema dei residui:
al problema dei residui nella sua generalità (riduzione del volume, trattamento, riciclaggio, valorizzazione e messa in discarica) è stata attribuita la massima priorità;

- Studi di impatto:
gli studi di impatto, gli inventari delle emissioni, i modelli previsionali delle ricadute delle polveri e della diffusione e trasformazione degli agenti inquinanti negli stabilimenti siderurgici e nelle loro adiacenze, sono imperativi e hanno costituito l'oggetto di una particolare attenzione unitamente alla prevenzione dei rischi tecnologici;

Inquinamento acustico:
le ricerche si sono incentrate sul miglioramento delle attuali tecniche di insonorizzazione. Parallelamente, sono state tenute in particolare considerazione la segnalazione, la localizzazione e l'identificazione delle fonti di nocività acustica suscettibili di influire sulla salute dei lavoratori e sulla qualità dell'ambiente siderurgico.

Attuazione

La Commissione era responsabile dell'attuazione del programma ed era assistita da tre comitati consultivi: il comitato di ricerca, il comitato dei produttori e lavoratori per la sicurezza e la medicina del lavoro nonché il comitato degli esperti governativi. I progetti, della durata dai due ai tre anni, sono stati realizzati da istituti di ricerca nelle industrie carbosiderurgiche. L'aiuto finanziario accordato dalla Comunità non superava il 60% dei costi diretti di ciascun progetto. Le relazioni sulle ricerche erano a disposizione del pubblico e in Euroabstracts sono state pubblicate sintesi delle relazioni finali o informazioni sui progetti.
Numero di registrazione: 210 / Ultimo aggiornamento: 1996-07-18