Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma successivo

ECSC-ERGONOM 6C

Finanziamento del programma

EUR 15 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

C 270 del 1985-10-22

Riferimento legislativo

85/C270/11
Prendere in esame questioni ergonomiche relative alla sicurezza che sorgono in concomitanza con lo sviluppo tecnologico in seno alle industrie CECA; continuare a fornire un contributo ergonomico alla sanità e alla sicurezza in quei settori dell'industria CECA che non godono appieno dell'apporto di nuove tecnologie; inserire i dati acquisiti dai precedenti programmi ergonomici CECA nella prassi quotidiana delle varie funzioni delle industrie in materia di sanità, sicurezza e approvvigionamento e in quella dei progettisti e costruttori delle attrezzature industriali.

Riassunto

Ai sensi dell'articolo 55 del Trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), la Commissione deve incoraggiare le ricerche tecniche ed economiche concernenti la sicurezza del lavoro nelle industrie carbosiderurgiche. I fondi per tali sovvenzioni provengono dalle imposizioni sulla produzione carbosiderurgica previste all'articolo 49 del Trattato CECA.

Il presente quinto programma ergonomico CECA per le industrie del settore carbosiderurgico si è basato sui risultati del precedente programma (1980-1984) che aveva per oggetto sistemi automatici, impianto e attrezzatura pesante, indumenti e attrezzatura di protezione nonché illuminazione del sottosuolo. Come i suoi predecessori, il programma ha riguardato ufficialmente i quattro paesi membri con industria estrattiva del carbone e gli otto con industria siderurgica. La rete dei gruppi ergonomici nazionali, creata nel corso del quarto programma, ha continuato a coordinare i progetti comunitari ergonomici e, con l'assistenza dell'ufficio centrale per il coordinamento e la diffusione delle informazioni, a mantenere i contatti con gli altri gruppi nazionali e con il comitato di esperti a livello comunitario.

Suddivisione

- Ergonomia e sviluppo tecnologico:
ridurre i rischi per la sicurezza insiti nell'incompatibilità "uomo-macchina" considerando problemi connessi con la progettazione di sistemi hardware e software, l'influenza dell'ambiente di lavoro, l'influenza dell'organizzazione del lavoro nonché la programmazione e la valutazione della formazione dell'operatore;

- Impianti e attrezzature di produzione:
incoraggiare lo studio e la valutazione dei requisiti ergonomici di operazioni basate su impianti e attrezzature di tipo tradizionale al fine di migliorare le condizioni di lavoro;

- Temi specifici:
tre settori specifici di particolare importanza per il miglioramento della sanità e della sicurezza nelle industrie della CECA:
. Rischio di danno biomeccanico:
incoraggiare lo studio, lo sviluppo e la valutazione dei requisiti ergonomici durante la progettazione di attrezzature e utensili al fine di ridurre i rischi di infortuni e di lesioni lombari e muscolari in generale;
. Prevenzione della sordità e comunicazione:
incoraggiare ulteriori studi, sviluppi e valutazioni dei requisiti ergonomici in fase di progettazione di sistemi di prevenzione della sordità e di comunicazione dello stesso tipo;
. Illuminazione del sottosuolo nell'industria mineraria:
incoraggiare gli studi volti a definire i presupposti delle norme ergonomiche per la progettazione dell'illuminazione nelle miniere;

- Valorizzazione dei risultati:
tramite l'ufficio informazione e coordinazione dell'azione comunitaria ergonomica, incoraggiare le attività necessarie per garantire la diffusione e l'utilizzazione dei risultati dei precedenti programmi ergonomici.

Attuazione

La Commissione era responsabile dell'attuazione del programma, assistita dal comitato dei produttori e dei lavoratori per la sicurezza e la medicina del lavoro, da un comitato di esperti governativi e dal comitato di esperti per il quinto programma ergonomico CECA, in seno al quale sono rappresentati tutti i gruppi di lavoro ergonomici nazionali delle industrie carbosiderurgiche. Il comitato di esperti ha eseguito il coordinamento del programma di ricerca tramite gruppi di lavoro specializzati per i diversi settori del programma. La rete costituita dal citato comitato di esperti, dai gruppi di lavoro in campo ergonomico e dall'ufficio informazione e coordinazione dell'azione comunitaria ergonomica ha assicurato la diffusione delle scoperte importanti e degli attuali progressi e sviluppi a beneficio dei settori industriali interessati.
Numero di registrazione: 222 / Ultimo aggiornamento: 1996-07-18