Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma di lavoro della Commissione riguardante un progetto sperimentale per la raccolta, il coordinamento e l'uniformazione dell'informazione sullo stato dell'ambiente e delle risorse naturali nella Comunità (1985-1990)

Programma successivo

ENV-EEA

Finanziamento del programma

EUR 10,5 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 176 del 1985-07-06

Riferimento legislativo

85/338/CEE del 1985-06-27
Valutare l'utilità, la fattibilità dal punto di vista tecnico e il funzionamento di una base d'informazione sullo stato dell'ambiente per la politica comunitaria in materia di ambiente; fornire informazioni utili per tale politica su temi prioritari (biotopi, depositi acidi, ambiente mediterraneo).

Riassunto

Il programma CORINE è stato avviato inizialmente per fornire informazioni coerenti e comparabili sullo stato dell'ambiente e delle risorse naturali nella Comunità utili al programma d'azione comunitario in materia ambientale 1982-1986 (Gazzetta ufficiale n. C 46 del 17.02.1983), utili per l'esecuzione di azioni nei seguenti settori prioritari: integrazione della dimensione ambientale nelle altre politiche comunitarie, lotta contro l'inquinamento atmosferico locale e transfrontaliero, protezione dei biotopi di notevole importanza per la conservazione della natura nella Comunità e protezione dell'ambiente nella regione mediterranea.

I dati relativi ai temi prioritari sono stati raccolti, completati da una serie di dati di base, e organizzati in un sistema d'informazione geografica operativo. I temi presi in esame dal sistema comprendono: biotopi, aree protette, inquinamento atmosferico (inventario CORINAIR), risorse idriche e del territorio, erosione del terreno e delle zone costiere, vegetazione potenziale naturale, copertura del terreno, modelli idrici, qualità delle acque di balneazione, tipi di terreno, clima, unità amministrative, litorale e confini nazionali, regioni FESR, centri urbani, dati socioeconomici, traffico aereo e centrali termonucleari. I dati del sistema sono disponibili su supporto sia magnetico (forma digitale) che "cartaceo" (carte geografiche, estratti dagli elenchi, tabelle, relazioni).

I risultati del programma hanno dimostrato la necessità e la fattibilità dal punto di vista tecnico di un sistema permanente d'informazione. Inoltre, il programma ha permesso la definizione precisa delle condizioni necessarie alla realizzazione e alla gestione di tale sistema. Alla luce di tali risultati, il Consiglio dei ministri dell'ambiente ha deciso di trasformare il prototipo del programma CORINE in un sistema permanente d'informazione nel quadro dell'Agenzia europea dell'ambiente sostenuto da una rete europea di informazione e osservazione in materia ambientale (Regolamento (CEE) del Consiglio n. 1210/90 del 7 maggio 1990, Gazzetta ufficiale n. L 120 dell'11.5.1990).

Suddivisione

- Applicazione prioritaria del programma a problemi di importanza comunitaria:
. biotopi di massima importanza per la conservazione della natura nella Comunità:
individuazione e descrizione di tali biotopi;
. Depositi acidi:
contribuire alla soluzione del problema dell'inquinamento atmosferico locale e transfrontaliero comunemente designato con il termine di "piogge acide";
. protezione dell'ambiente nella regione mediterranea:
raccogliere e organizzare informazioni coerenti sulle risorse e sulle caratteristiche ambientali più direttamente interessate dai programmi di sviluppo;

- Miglioramento della comparabilità e della disponibilità dei dati, nonché dei metodi di analisi dei dati, per garantire la coerenza dei risultati a livello comunitario:
. dati sull'ambiente raccolti negli Stati membri e a livello internazionale:
organizzazione di un processo di scambio reciproco di informazioni sui lavori in corso o previsti e costituzione di un inventario delle fonti, delle categorie e delle definizioni dei dati e dei sistemi d'informazione sull'ambiente; inoltre, progetti transfrontalieri e sostegno a lavori degli Stati membri o delle organizzazioni internazionali per migliorare la disponibilità di dati comparabili a livello comunitario;
. Metodi d'analisi dei dati:
scelta di metodi di elaborazione dei dati forniti dal telerilevamento e scelta di tecniche informatiche per gestire le informazioni sullo stato dell'ambiente nella Comunità, nonché per uniformare i sistemi d'informazione nazionali o regionali.

Attuazione

La Commissione, assistita da un comitato composto di rappresentanti degli Stati membri, assicurava l'esecuzione del programma seguendo le linee direttrici fissate nella comunicazione della Commissione al Consiglio "Impostazione metodologica per un sistema di informazione sullo stato dell'ambiente e delle risorse naturali nella Comunità europea".

Le informazioni raccolte sono rese pubbliche, previo accertamento della loro conformità alle norme della Commissione e degli Stati membri relative alla divulgazione delle informazioni, in particolare per quanto riguarda la riservatezza.

Nel 1988 la Commissione ha presentato al Parlamento europeo e al Consiglio una relazione sullo stato di avanzamento del programma, contenente proposte di future linee direttrici. Nel 1991 una relazione finale è stata presentata alle stesse istituzioni.
Numero di registrazione: 226 / Ultimo aggiornamento: 1990-08-23