Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma successivo

JRC-REACTSAFE 2C

Finanziamento del programma

EUR 21,1 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 153 del 1973-06-09

Riferimento legislativo

73/124/Euratom del 1973-05-14
Effettuare indagini sperimentali e teoriche sui principali problemi di sicurezza dei reattori ad acqua leggera (LWR) e dei reattori veloci a metallo liquido autofertilizzanti (LMFBR).

Riassunto

Il programma sulla sicurezza dei reattori è stato elaborato conformemente alla risoluzione del Consiglio del 17 dicembre 1970 relativa alle modalità di adozione dei programmi di ricerca e d'insegnamento (Gazzetta ufficiale n. L 16 del 20.1.1971).

Le attività sono state realizzate presso lo stabilimento di Ispra e sono state incentivate dalla partecipazione di comitati europei e internazionali interessati alla ricerca sulla sicurezza dei reattori, e composti di rappresentanti dei costruttori di reattori, di autorità di omologazione e di servizi e laboratori nazionali.

Suddivisione

Cinque obiettivi:

- Ricerca di engineering associata agli incidenti catastrofici e alla loro prevenzione;

- Fenomeni termoidraulici nel refrigerante connessi con gli incidenti;

-Individuazione preventiva dei guasti;

- Studi di affidabilità;

- Dinamica dei reattori.

Attuazione

La Commissione, assistita dal consiglio di amministrazione del Centro comune di ricerca (CCR), era responsabile dell'attuazione del presente programma; a tal fine si avvaleva dei servizi del CCR (Ispra).

Onde assicurare che la ricerca riguardasse i problemi riscontrati dai progettisti della centrale e dagli organismi che ne hanno autorizzato il funzionamento, si è ritenuto necessario lavorare in stretto contatto con i programmi nazionali. Ciò è stato possibile grazie al comitato consultivo per la gestione del programma Sicurezza che ha costituito cinque gruppi di lavoro ad hoc di specialisti del CCR in questo settore.