Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma specifico di ricerca e di sviluppo tecnologico (CEE) nel settore dei sistemi telematici in aree di interesse generale - Ricerca e ingegneria linguistica -, 1990-1994 -, 1990-1994

Programma quadro

FP3-FRAMEWORK 3C

Programma precedente

FP2-EUROTRA 2

Finanziamento del programma

EUR 22,5 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 192 del 1991-07-16

Riferimento legislativo

91/353/CEE del 1991-06-07
Sviluppare una tecnologia linguistica di base da incorporare in una vasta gamma di applicazioni informatiche di cui il linguaggio naturale costituisce un elemento essenziale, nell'intento di adeguare o superare i limiti e le inefficienze interne alla Comunità, dovute ai diversi linguaggi naturali.

Riassunto

Parte del Programma specifico di ricerca e sviluppo tecnologico nel settore dei sistemi telematici in aree di interesse generale (1990-1994), sezione 6: "Ricerca e ingegneria linguistica", quest'azione si basa sui risultati e sull'esperienza tratta da precedenti iniziative comunitarie come EUROTRA, ESPRIT ed il piano d'azione plurilingue.

Fin dai tardi anni Settanta la Comunità ha promosso attivamente i sistemi (SYSTRAN) e progetti (EUROTRA) di traduzione automatica plutilingue (MT). Sistemi MT pratici ed economicamente validi presuppongono uno sforzo di ricerca a lungo termine e la soluzione di diversi problemi di carattere linguistico ed extralinguistico. E' quindi essenziale ampliare il raggio d'azione delle azioni comunitarie presenti e future nel settore linguistico in modo da comprendervi altre applicazioni, meno ambiziose e pertanto, forse, più realizzabili per il momento. Il programma LRE è volto a promuovere una serie di iniziative di R&S, non soltanto nella traduzione automatica, ma nell'elaborazione dei linguaggi naturali in generale ed in vari tipi di applicazioni derivate.

L'attività di ricerca sarà concentrata sullo sviluppo di un modello linguistico basato su computer e finalizzato alla rappresentazione di testi in varie lingue, nonché sulla messa a punto di tecniche automatizzate che consentano di ridurre il numero interpretazioni possibili di un testo determinato. Lo sviluppo di tecnologie computazionali avanzate favorirà l'applicazione al settore della linguistica dei progressi realizzati nel campo dei sistemi esperti avanzati, delle tecnologie delle basi di dati, dell'elaborazione del discorso e delle architetture informatiche. E' anche volto a creare metodi, strumenti e risorse linguistiche, segnatamente strumenti di software portabili, grammatiche, dizionari, raccolte terminologiche specifiche a campi determinati nonché corpi ampi ed eccellenti, nonché a stimolare l'attività normativa. Taluni progetti pilota di applicazione e dimostrazione contribuiranno a verificare i progressi dell'attività di ricerca ed a dimostrare la fattibilità tecnica ed economica di strumenti, metodi e risorse in ambiente operativo.

Suddivisione

Cinque linee d'azione:

- ricerca d'interesse generale:
. miglioramento dell'interlinguisticità della rappresentazione linguistica di testi/discorsi;
. uso di conoscenze specifiche ad un dato campo per limitare il numero di interpretazioni linguistiche possibili;
. interfaccia con la tecnologia del discorso;
. uso di tecnologie computazionali avanzate;

sviluppo di risorse linguistiche e strumenti computazionali relativi:
. strumenti di software;
. grammatiche;
. dizionari;
. raccolte terminologiche;
. corpi di testi;

- aiuti per la formulazione di norme ed orientamenti e per la codifica e l'interscambio di dati linguistici:
. Ricerca e sperimentazione prenormativa, con particolare attenzione ai dizionari e corpi di testi;
. formazione di un gruppo di esperti europeo;
. partecipazione ai lavori di organizzazioni di normalizzazione nazionali ed internazionali e di organismi prifessionali ed incentivazione degli stessi;

- progetti pilota e di dimostrazione:
. traduzione automatica;
. sintesi e sommari di documenti;
. aiuti per la generazione di documenti mono e plurilingue, l'archiviazione ed il recupero;
. comunicazione uomo-macchina;
. costruzione di basi di conoscenza a partire da testi in linguaggio naturale;
. istruzioni assistite dal computer;

- azioni di supporto e misure accessorie, con particolare attenzione alla formazione nel campo della linguistica computazionale:
. formazione;
. studi, analisi ed indagini;
. programma di presa di coscienza e diffusione delle informazioni.

Attuazione

La responsabilità dell'attuazione del programma, che include progetti di ricerca e di sviluppo tecnologico (RST), progetti pilota e di dimostrazione e misure accessorie, spetta alla Commissione.

I progetti sono oggetto di contratti in compartecipazione finanziaria ed il contributo finanziario della Commissione non può, di regola, superare il 50%. Le università e gli altri centri di ricerca hanno l'alternativa di chiedere, per ciascun progetto, un contributo del 50% dei costi totali ovvero un contributo del 100% dei costi marginali supplementari. I contratti riguardanti i progetti di ricerca in compartecipazione finanziaria devono essere stipulati, di norma, a seguito di una procedura di selezione basata su inviti alla presentazione di proposte pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. In linea generale i progetti devono prevedere la partecipazione di almeno due partner indipendenti tra loro, insediati in Stati membri diversi.

Ai sensi dell'articolo 130n del trattato la Commissione ha la facoltà di negoziare accordi internazionali con paesi terzi membri del COST e, in particolare, membri dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA) nonché i paesi dell'Europa centrale ed orientale, al fine di associarli al programma totalmente o in parte. Laddove la Comunità abbia stipulato accordi quadro di cooperazione tecnica e scientifica con Stati europei non membri gli organismi e le imprese insediati in questi ultimi potranno essere ammessi a partecipare a progetti attuati nel quadro del programma sulla base del criterio del vantaggio reciproco.

I contraenti insediati in tali paesi che partecipano ad un progetto attuato nell'ambito del programma non potranno fruire, per tale programma, del contributo finanziario della Commissione, ma dovranno contribuire alle spese amministrative generali.
Numero di registrazione: 265 / Ultimo aggiornamento: 1992-05-12