Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma specifico di ricerca e di sviluppo tecnologico (CEE) nel settore delle materie prime e del riciclaggio - Riciclaggio dei rifiuti -, 1990-1992

Programma quadro

FP2-FRAMEWORK 2C

Finanziamento del programma

EUR 6 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 359 del 1989-12-08

Riferimento legislativo

89/626/EEC del 1989-11-20
Al fine di incrementare il riciclaggio e l'utilizzo di rifiuti industriali ed urbani, minimizzare l'impatto ambientale negativo dello smaltimento dei rifiuti e conservare le materie prime e l'energia dal flusso di rifiuti misti.

Riassunto

Parte del programma specifico di RST 1990-1992 nel settore delle materie prime e del riciclaggio, REWARD continua il lavoro sul riciclaggio realizzato nel programma di ricerca sui materiali del periodo 1986-1989. E' realizzato in collegamento con il programma di protezione ambientale STEP, che contiene una sezione relativa al trattamento e allo smaltimento di rifiuti tossici e pericolosi, con il programma sulle energie non nucleari JOULE, e con il programma dimostrativo sull'energia della DG XVII.

Suddivisione

Tre sono le aree:

- campionatura, analisi e classificazione dei rifiuti; statistiche sui rifiuti:
. rifiuti domestici e urbani;
. rifiuti industriali;
. emissioni e residui dal trattamento dei rifiuti;

- tecnologie per il riciclaggio:
. separazione e recupero;
. potenziamento e utilizzo di prodotti rigenerati;
. produzione di prodotti chimici;
. prevenzione di emissioni dai trattamenti di riciclaggio;
. potenziamento dei rifiuti lignocellulosici (progetto COST 84);
. compostaggio;

- produzione di energia dai rifiuti:
. produzione e combustione di carburanti derivati da rifiuti (RDF);
. pirolisi e gassificazione.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma sulle materie prime e sul riciclaggio per il periodo 1990-1994, del quale REWARD fa parte. E' assistita da un comitato consultivo composto dai rappresentati degli Stati membri e presieduto da un rappresentante della Commissione.

Il programma è messo in atto tramite progetti di ricerca, azioni concertate, attività di coordinamento, attività educative e di formazione e studi e valutazioni.

I progetti di ricerca sono oggetto di contratti in compartecipazione, dove la partecipazione finanziaria della Comunità di norma non supera il 50% delle spese totali. Tuttavia, la percentuale può variare a seconda della natura e dello stadio di sviluppo della ricerca. Laddove sono coinvolte università e istituti di ricerca, la Comunità può sostenere fino al 100% dei costi marginali di un progetto. I contratti relativi ai progetti di ricerca in compartecipazione devono, di regola, essere conclusi in seguito ad una procedura di selezione basata su bandi di gara pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. I progetti devono, normalmente, essere realizzati da partecipanti provenienti da più di uno Stato membro e devono coinvolgere un partner industriale.

Le azioni concertate constano di azioni da parte della Comunità per coordinare le attività di ricerca individuali svolte negli Stati membri. Possono beneficiare del finanziamento fino al 100% delle spese di coordinamento.

Per quanto concerne le parti del programma relative alle materie prime rinnovabili, alla silvicoltura e ai prodotti del legno (sottoprogramma FOREST) e al riciclaggio dei rifiuti (sottoprogramma REWARD), la Commissione è autorizzata a negoziare accordi con organizzazioni internazionali, gli Stati non membro che partecipano alla cooperazione europea nel campo della ricerca scientifica e tecnologica (COST), e quei paesi europei che hanno concluso accordi quadro in materia di cooperazione scientifica e tecnica con la Comunità, con il fine di associarli completamente o parzialmente al programma.

Nessuna parte contraente con sede al di fuori della Comunità e che partecipa in veste di partner in un progetto può beneficiare del finanziamento comunitario del programma. Questa parte contraente deve contribuire alle spese amministrative generali.

Nell'ambito di REWARD, nessun contratto in compartecipazione può essere finanziato per l'area di ricerca 1 (campionatura, analisi e classificazione dei rifiuti; statistiche sui rifiuti) e per l'area di ricerca 3 (produzione di energia dai rifiuti), attuate unicamente per coordinamento. Questo vale anche per la ricerca sui rifiuti lignocellulosici e composti nell'area di ricerca 2 (tecnologie per il riciclaggio).

Nel corso del secondo anno di attuazione, la Commissione dovrà esaminare il programma sulle materie prime e sul riciclaggio e sottoporre una relazione al Parlamento europeo e al Consiglio. A conclusione del programma un gruppo di esperti indipendenti dovrà condurre una valutazione dei risultati ottenuti e sottoporla agli stessi enti.
Numero di registrazione: 268 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-05