Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

PRE-ENVPROT 3C

Programma successivo

FP2-STEP

Finanziamento del programma

EUR 55 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 159 del 1986-06-14

Riferimento legislativo

86/234/CEE del 1986-06-10
Fornire le informazioni necessarie, a breve, medio e lungo termine, per sostenere l'adozione del Programma comunitario di azione ambientale e promuovere il coordinamento delle attività nazionali di ricerca a livello comunitario.

Riassunto

Parte del Primo programma quadro (1984-1987) legato alla sottoattività 8.2.: "Ambiente e Climatologia", questo programma ha costituito la parte centrale del Programma di azioni di ricerca (RAP) "Ambiente" (Primo programma quadro) ed era strettamente legato alla ricerca ambientale condotta presso il Centro comune di ricerca nonché ad altri programmi comunitari di ricerca.

Suddivisione

Argomenti di ricerca:
- effetti degli inquinanti sulla salute;
- effetti ecologici degli inquinanti, e cioè sugli obiettivi non umani;
- valutazione delle sostanze chimiche e, in particolare, miglioramento della metodologia di prova;
- qualità dell'aria, comprendente gli effetti dell'inquinamento dell'aria sugli ecosistemi terrestri (ad es. foreste) ed acquatici;
- qualità dell'acqua: protezione dell'ambiente delle acque dolci, degli estuari e marino;
- qualità del terreno: un approccio integrato alla protezione del suolo;
- ricerca sulla rumorosità;
- ricerca sugli ecosistemi: acquisizione di conoscenze di base sulle dinamiche degli ecosistemi e della loro vulnerabilità;
- ricerca sui rifiuti, con grande importanza attribuita al trattamento dei rifiuti tossici e pericolosi ed al riciclaggio;
- riduzione dell'inquinamento mediante tecnologie "pulite" e tecnologie avanzate di riduzione del livello;
- base scientifica per la legislazione e la gestione dei temi ambientali.

Azioni concertate:
- effetti dell'inquinamento dell'aria sugli ecosistemi terrestri ed acquatici
- comportamento psico-chimico degli inquinanti atmosferici;
- microinquinanti organici nell'ambiente acquatico;
- trattamento ed uso della morchia organica e dei rifiuti liquidi agricoli;
- ecologia bentica costiera;
- qualità dell'aria negli ambienti chiusi e suo impatto sull'uomo;
- protezione delle specie;
- nuove tecnologie e protezione dell'ambiente:
. impatto ambientale dei nuovi processi tecnologici;
. impatto ambientale dei nuovi prodotti tecnologici;
. uso delle nuove tecnologie di protezione ambientale;
- compatibilità delle fibre con l'ambiente e la salute.

Attuazione

La Commissione, assistita dal Comitato consultivo di gestione e coordinamento (CGC) su Ambiente e Climatologia, era responsabile per l'attuazione del programma, condotto in parte mediante contratti di ricerca e di coordinamento ed in parte mediante azioni concertate. Sono state inoltre prese delle misure circa la possibilità di estendere le ricerche di laboratorio e sul campo alle attività di valutazione, al fine di stabilire una base scientifica consolidata per la legislazione e la gestione in materia di protezione dell'ambiente.

Il Consiglio ha concluso accordi con altri Stati, in particolare quelli coinvolti nella cooperazione europea nel campo della ricerca scientifica e tecnica (COST), al fine di associarli al programma.

Il programma è stato rivisto alla fine del secondo anno. Gli Stati membri partecipanti e la Comunità hanno scambiato regolarmente tra loro informazioni sull'esecuzione delle attività di ricerca che comportavano azioni concertate. Al termine del programma e dopo essersi consultata con il CGC, la Commissione ha inviato agli Stati membri ed al Parlamento europeo un rapporto sommario sull'attuazione ed i risultati di queste azioni.