Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma successivo

HS-TIDE 1

Finanziamento del programma

EUR 18 million
Stimolare la creazione in Europa di un mercato interno della tecnologia della riabilitazione per agevolare l'integrazione socioeconomica delle persone disabili e degli anziani.

Riassunto

TIDE è un'iniziativa precompetitiva di ricerca e sviluppo tecnologico nel settore della tecnologia della riabilitazione a favore delle persone anziane e dei disabili. Tali tecnologie coprono un'ampia gamma di settori, che comprendono le tecnologie dell'informazione, le tecnologie della comunicazione e le tecnologie di controllo.

TIDE è stata avviata e preparata dai servizi della Commissione affiancati da un gruppo multidisciplinare di esperti europei indipendenti, molti dei quali partecipanti al progetto COST 219 "Futuri impianti informatici e di telecomunicazione per le persone disabili". Gli esperti che collaborano all'iniziativa TIDE provengono da industrie di ogni dimensione, da istituti universitari e di ricerca sugli handicap e da organizzazioni rappresentative delle persone disabili e degli anziani.

L'attività prevista da TIDE deve essere conforme a cinque principi fondamentali:
- Orientamento verso il mercato:
i progetti devono sfruttare le possibilità offerte dal completamento del mercato interno e portare in breve tempo allo sviluppo di prototipi di prodotti e servizi ad elevato contenuto tecnologico e con un buon potenziale commerciale;
- Innovazione e adeguamento della tecnologia:
particolare risalto va dato all'innovazione, all'adeguamento, nonché all'applicazione d'avanguardia della nuova tecnologia e alla sua integrazione secondo opportune norme internazionali;
- Impostazione multidisciplinare:
i progetti sfrutteranno le scarse risorse scientifiche, tecniche e commerciali disponibili negli Stati membri, assicurando un rilevante valore aggiunto dalla cooperazione paneuropea, tenendo nel debito conto il contesto sociale, economico e normativo del lavoro tecnico;
- Verifica tecnologica:
la tecnologia della riabilitazione deve essere valutata con l'aiuto di utilizzatori finali reali o potenziali, ricorrendo sia a collaudi in situazioni reali sia a scenari;
- Orientamento verso l'utilizzatore:
gli utilizzatori devono essere coinvolti nei progetti e nell'ambito dei medesimi si dovrebbero esprimere le dichiarazioni degli utilizzatori finali sulle proprie esigenze e prospettare i vantaggi offerti loro dalle soluzioni tecnologiche.

Si prevede che tutti i progetti a carattere tecnologico partecipino alle attività trasversali condotte nell'ambito di TIDE. Tra queste si annoverano la creazione del consenso, studi di mercato, analisi "costi-benefici", incremento dell'efficienza e formulazione di norme tecniche unificate.

Suddivisione

Quattro settori tecnici:

- Tecnologia di controllo:
tecnologie di controllo ambientale, sedie a rotelle a trazione elettrica, sistemi di robotica, ecc.

- Tecnologie della comunicazione:
. terminali (accesso, comunicazione personale, ecc.);
. elaborazione di segnali (sistemi di allarme, dispositivi acustici avanzati, ecc.);

- Tecnologie di sistemi integrati:
case intelligenti, sistemi di orientamento e spostamento, ecc.;

- Tecniche di fabbricazione:
applicazione di CAD/CAM alla fabbricazione di ortesi e protesi, ecc.

Attuazione

La Commissione, assistita da un comitato di esperti, è responsabile dell'attuazione del programma.

I progetti sono oggetto di contratti a compartecipazione finanziaria in cui il contributo finanziario della Comunità non può, di norma, superare il 50%. I contratti devono essere stipulati, in genere, dopo una procedura di selezione basata su inviti a presentare proposte pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. Il primo invito a presentare proposte pubblicato il 21 marzo 1991 (GU C 76) può essere considerato l'inizio del programma.

Per la fase 1991 del programma è stata stanziata una dotazione di bilancio di 8 milioni di ECU per realizzare 21 progetti pilota e per valutare la necessità e la fattibilità di azioni più ampie. Un finanziamento di 10 milioni di ECU è stato stanziato per continuare il programma nel 1992.