Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma (CEE) settoriale di ricerca e sviluppo nel settore dell'ambiente (protezione ambientale e climatologia) - azioni indirette e concertate - Protezione ambientale -, 1981-1985

Programma precedente

PRE-ENVPROT 2C

Programma successivo

FP1-ENVPROT 4C

Finanziamento del programma

EUR 41,3 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 101 del 1981-04-11

Riferimento legislativo

81/213/CEE del 1981-03-03
Investigare sulle fonti ed esaminare il trattamento dell'inquinamento e degli inconvenienti per l'ambiente, incluso il rumore, al fine di ridurli o prevenirli; esaminare la protezione e la conservazione degli ambienti naturali; valutare la qualità della gestione dei dati ambientali .

Riassunto

Questo terzo programma comunitario nel settore ambientale faceva parte del programma settoriale di ricerca e sviluppo 1981-1985 nel settore dell'ambiente (protezione ambientale e climatologia). Il quadro di riferimento era formato dagli obiettivi e principi di una politica ambientale della Comunità approvati dal Consiglio con la risoluzione del 17 maggio 1977 riguardante il secondo programma d'azione comunitario nel settore dell'ambiente (1977-1981) .

Suddivisione

Cinque aree di ricerca:

- fonti, percorsi ed effetti delle sostanze inquinanti:
metalli pesanti, microsostanze inquinanti organiche e nuove sostanze chimiche, amianto ed altre fibre, qualità dell'aria, qualità delle acque superficiali e sotterranee, inquinamento termico, qualità dell'ambiente marino, inquinamento sonoro;
- riduzione e prevenzione dell'inquinamento e degli inconvenienti:
liquami, tecnologie di riduzione dell'inquinamento, tecnologie pulite, effetti ecologici del trattamento dei rifiuti solidi, tecniche di pulizia nel cmpo dell'inquinamento da oli, impatto delle nuove tecnologie;
- protezione, conservazione e gestione degli ambienti naturali:
studi sugli ecosistemi, cicli biogeologici, conservazione degli ecosistemi, gestione dell'avifauna, risanamento degli ecosistemi danneggiati;
- gestione delle informazioni ambientali:
banche di dati sulle sostanze chimiche ambientali; valutazione, stoccaggio ed esplorazione dei dati; cartografia ecologica;
- sistemi interattivi complessi: interazioni uomo-ambiente.

Azioni concertate (revisione 1984):

- comportamento fisico-chimico delle sostanze inquinanti presenti nell'atmosfera (COST 611/1);
- microsostanze inquinanti organiche nell'ambiente acquatico (COST 641/1);
- trattamento ed uso di liquami organici e di residui agricoli liquidi (COST 681/1);
- ecosistemi del fondo marino costiero (COST 647/1);
- Effetti dell'inquinamento atmosferico sugli ecosistemi terrestri ed acquatici (COST 612/1).

Attuazione

Per quanto riguarda le azioni indirette ed il cordinamento delle stesse, tenuto conto delle azioni concertate, la responsabilità dell'attuazione del programma spettava alla Commissione, assistita dal comitato consultivo in materia di gestione dei programmi (CCMGP) nel settore della protezione ambientale.

L'informazione ottenuta dal programma è stata diffusa come stabilito nel regolamento del Consiglio (CEE) N° 2380/74 del 17 settembre 1974 (Gazzetta ufficiale N° L 255 del 20.9.1974), recante le prescrizioni di diffusione delle informazioni relative ai programmi di ricerca della Comunità economica europea.

Ai sensi dell'articolo 228 del Trattato la Commissione era autorizzata a stipulare accordi con i paesi terzi, in particolare quelli implicati in una collaborazione europea nel settore della ricerca scientifica e tecnica (COST), nell'intento di associarli al programma in tutto o in parte.

Alla fine del terzo anno si è proceduto ad un riesame del programma, sottoposto a revisione l'anno successivo. Al termine, la Commissione ha trasmesso al Consiglio ed al Parlamento europeo una relazione conclusiva sull'attuazione e sui risultati delle azioni concertate.
Numero di registrazione: 27 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-05