Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma quadro

FP3-FRAMEWORK 3C

Programma precedente

JRC-EXPLORES 1C

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 141 del 1992-05-23

Riferimento legislativo

92/273/CEE del 1992-04-29
Migliorare il livello di eccellenza dei laboratori del Centro comune di ricerca (CCR) in settori scientifici selezionati e ricercare nuove idee.

Riassunto

Parte del terzo programma quadro delle azioni comunitarie di ricerca e sviluppo tecnologico (1990-1994) nell'ambito dell'azione III.6. ("Capitale umano e mobilità"), la ricerca esplorativa del Centro comune di ricerca (CCR) è prevista in due decisioni del Consiglio che adottano i programmi 1992-1994 del CCR: la decisione 92/273/CEE e la decisione 92/274/Euratom, entrambe del 29 aprile 1992 (Gazzetta ufficiale n. L 141 del 23.5.1992).

Nella propria comunicazione al Consiglio concernente "Nuove prospettive per il Centro comune di ricerca" (COM(87) 491 del 20.4.1988), la Commissione ha accolto con favore la proposta di dedicare una quota del giro d'affari complessivo del CCR a "ricerche preparatorie", avanzata da un gruppo di industriali di alto grado. Gli argomenti in grado di portare alla selezione di una particolare azione erano:
- il miglioramento della vitalità e del potenziale scientifici;
- l'esplorazione di vie idonee e promettenti;
- la prova di nuove idee o concetti su scala sperimentale ridotta;
- la messa a disposizione di impianti supplementari per visitatori scientifici e borsisti;
- il rafforzamento dell'impatto di attività di gruppo industriali.

Nella riunione del 9 giugno 1988, il consiglio di amministrazione ha approvato per la prima volta alcuni progetti di ricerca esplorativa e il necessario trasferimento di fondi è stato debitamente effettuato in forma di oneri sulle risorse dei programmi specifici di ricerca del CCR.

Suddivisione

- Ricerca esplorativa degli Istituti (discrezionale);
- Ricerca esplorativa del CCR.

Attuazione

La Commissione, assistita dal consiglio di amministrazione del Centro comune di ricerca (CCR), è responsabile dell'attuazione delle attività di ricerca e a tal fine ricorre ai servizi del CCR.

Le proposte provengono, essenzialmente, dai responsabili delle attività scientifiche del CCR. Tale processo viene rafforzato dai pareri scientifici che i comitati consultivi del CCR sono invitati a fornire relativamente all'attività dei loro rispettivi Istituti. Allo stesso tempo, queste proposte vengono esaminate e una selezione effettuata dal Direttore generale, comprendente i temi di ricerca preparatoria per un particolare anno nel programma di lavoro per quell'anno, viene presentata al consiglio di amministrazione del CCR per l'approvazione. Qualora ritenuto necessario, può essere richiesto in merito un parere a esperti esterni indipendenti.

Il programma di lavoro annuale 1992 del CCR descrive, per l'anno 1992, 13 azioni di "Ricerca esplorativa degli Istituti" e 20 azioni di "Ricerca esplorativa del CCR" da eseguire presso gli Istituti del CCR a Geel, Ispra, Karlsruhe e Petten. .

Nel periodo 1988-1991, per le "attività preparatorie di ricerca" poteva essere usata una somma pari al 5% degli importi ritenuti necessari per ciascun programma specifico del CCR. Le decisioni del Consiglio (CEE ed Euratom) che adottano i programmi 1992-1994 del CCR consentono di utilizzare per la "ricerca esplorativa" fino al 6% dei fondi stanziati per ciascun programma specifico.

Un importo pari all'1% del bilancio complessivo del CCR per il periodo 1992-1994 viene riservato quale contributo dei programmi specifici del CCR all'azione centralizzata di diffusione e valorizzazione dei risultati (VALUE II). La diffusione delle conoscenze acquisite mediante l'esecuzione dei progetti sarà assicurata in parte dal programma stesso e in parte dall'azione centralizzata.

Ogni anno, entro il 31 marzo, la Commissione presenterà al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale una relazione riguardante l'attuazione delle attività di ricerca; tale relazione è corredata dalle osservazioni del consiglio di amministrazione. Al termine del programma, inoltre, un gruppo di esperti esterni indipendenti eseguirà una valutazione dei lavori di ricerca; il rapporto di valutazione, corredato del parere del consiglio di amministrazione, sarà trasmesso alle stesse istituzioni.
Numero di registrazione: 316 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-05