Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Finanziamento del programma

EUR 97 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 269 del 1995-11-11

Riferimento legislativo

95/468/EC del 1995-11-06
Finalizzata a migliorare l'efficienza del mercato interno consentendo alle amministrazioni di trasmettere informazioni essenziali tramite reti telematiche interoperative. E' volto al coordinamento dello sviluppo e della realizzazione di applicazioni e servizi telematici che consentano alle amministrazioni a livello nazionale ed europeo di trasferire informazioni ad un numero di aree critiche.

Riassunto

Il programma IDA è stato creato nel novembre 1995 dalla Decisione del Consiglio 95/468/EC, obiettivo della stessa è determinare la contribuzione comunitaria ad alcuni progetti nel campo dello scambio telematico di dati tra amministrazioni al fine di facilitare la cooperazione tra di esse.

La home page IDA sul World Wide Web fornisce aggiornamenti relativamente a tutti gli aspetti del programma, compresi compendi e descrizioni pratiche di progetti telematici attualmente patrocinati da IDA. La home page IDA è reperibile al seguente indirizzo:

http://www.ispo.cec.be/ida/idahome.htm

Occorre tener conto del fatto che il programma IDA non è un programma di ricerca e sviluppo.

Suddivisione

Per questa sezione non è disponibile alcuna informazione.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma IDA, assistita da un comitato costituito dai rappresentanti degli Stati membri e presieduto da un membro della Commissione.

La partecipazione al programma IDA è aperta alle amministrazioni degli Stati membri e a qualsiasi altra autorità pubblica (a livello nazionale, regionale o locale); alle istituzioni comunitarie e alle Agenzie europee.

I progetti attualmente in fase di attuazione in seno a IDA sono quelli identificati dalla decisione del Consiglio (95/468/EC) che identifica un elenco di aree dove è stata individuata la necessità di sostegno comunitario. Questi riguardano:

- l'introduzione pratica della posta elettronica sulla base di X.400;

- il miglioramento della trasmissione telematica dei dati tra gli Stati membri e tra gli Stati membri e le istituzioni della Comunità;

- la facilitazione del processo decisionale della Comunità, cioè soprattutto della comunicazione e della gestione di documenti ufficiali;

- lo sviluppo nel campo delle seguenti attività orizzontali:
. la fornitura di servizi generici come trasferimento di messaggi, trasferimento di archivi e accesso a banche dati;
. struttura dei dati e modello di riferimento che implichino la definizione di norme architetturali comuni, attività di normalizzazione e loro attuazione pratica, in particolare il NSPP (National Service Pilot Projects);
. quadro giuridico e contrattuale e controllo della qualità;

- il sostegno delle Agenzie europee per misure preparatorie dello scambio telematico di dati (Agenzia europea dell'ambiente, Ufficio di armonizzazione nel mercato interno, Agenzia europea di valutazione dei medicinali, Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze, Centro di traduzione degli organi dell'Unione);

- attuazione pratica di progetti di telematica transeuropei nei seguenti settori:
. dazi e tasse (VIES/Sites, Excise Control, Quota, Scent-CIS/Fiscal, Taric, EBTI, Transit;
. pesca (Fides);
. agricoltura (Animo, Physan, Shift);
. sicurezza sociale (Sosnet, Eures);
. commessa pubblica (Simap);
. sanità (CARE (sistema d'allarme avanzato e farmacovigilanza), Reitox);

- statistica (SISR/DSIS, compresi Extracom e SERT);

- politica commerciale (SIGL);

- politica competitiva (Fourcom);

cultura (ITCG - traffico illegale di beni culturali).

Conformemente a quanto previsto dalla decisione del Consiglio, il sostegno comunitario può anche essere fornita per altri progetti che soddisfano le esigenze del trasferimento telematico di dati tra amministrazioni.

Le risorse finanziarie destinate all'attuazione delle azioni nell'ambito di IDA per il 1997 è di 37 milioni di ECU, che si aggiungono ai 60 milioni di ECU stabilito dalla decisione del Consiglio per gli anni 1995 e 1996.
Numero di registrazione: 336 / Ultimo aggiornamento: 1998-05-07