Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

ECSC-COALRES 6C

Riferimento Gazzetta ufficiale

C 67 del 1994-03-04

Riferimento legislativo

94/C67/05
Proteggere efficacemente l'ambiente; diffondere nell'opinione pubblica una maggiore consapevolezza del ruolo del carbone come fonte energetica; migliorare la competitività del carbone; utilizzare razionalmente le risorse comunitarie.

Riassunto

L'articolo 55 del Trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA) stabilisce che la Commissione delle Comunità europee deve incoraggiare le ricerche tecniche ed economiche concernenti la produzione e l'incremento del consumo del carbone e parimenti la sicurezza del lavoro nell'industria carboniera. La ricerca può essere finanziata mediante i fondi provenienti dalle imposizioni sui prodotti CECA e i risultati conseguenti devono essere messi a disposizione di tutti gli interessati nella Comunità.

La Commissione ha fissato a diverse riprese criteri orientativi per la ricerca tecnica nel settore carboniero finanziata dalla Comunità, ai fini di un più efficace raggiungimento degli obiettivi da essa perseguiti nella sua attuale politica.

I risultati conseguiti finora dalla ricerca comunitaria sia nel campo della tecnologia mineraria che in quello dell'utilizzazione del carbone hanno consentito all'industria carboniera europea di compiere importanti progressi mediante la cooperazione a livello comunitario. Tuttavia, la creazione dell'Unione europea e il riconoscimento da parte del Consiglio delle Comunità europee dell'esigenza di procedere, entro il 2002, alla graduale eliminazione del regime previsto dal Trattato CECA e alla contemporanea integrazione delle attività di ricerca della CECA nel quadro della CEE, impongono un'ulteriore razionalizzazione del programma di ricerca sul carbone. Gli orientamenti delineano nuovi obiettivi per la ricerca carboniera che tengono conto di tali cambiamenti e delle finalità e degli obiettivi di altri programmi comunitari relativi ai combustibili solidi, in particolare il programma di ricerca nel settore dell'energia non nucleare (JOULE II), il programma di ricerca siderurgica, il programma di ricerca sull'igiene del lavoro e la sicurezza nelle industrie CECA e il programma THERMIE.

I principali settori tecnici coperti dal programma sono quello della tecnologia mineraria, comprendente le operazioni minerarie e l'infrastruttura mineraria e i metodi di gestione, e quello dell'utilizzazione del carbone, comprendente le operazioni di preparazione, di conversione e di combustione e gassificazione del carbone.

Suddivisione

Protezione dell'ambiente:

- Estrazione:
. metodi per il controllo delle emissioni di metano e per l'impiego del gas di miniera;
. minimizzazione della produzione di polveri e maggiore utilizzazione di esse come materie prime;
. sfruttamento e bonifica delle discariche di sterili;
. riduzione dell'inquinamento idrico: minimizzazione degli effluenti prodotti dalle miniere e dagli impianti per la preparazione del carbone, mediante riciclaggio e reimpiego delle acque;
. fine dell'utilizzazione di fluidi potenzialmente pericolosi nelle apparecchiature minerarie;
. controllo dei cedimenti.

- Utilizzazione del carbone:
. migliore comprensione e previsione delle emissioni solide, liquide e gassose e perfezionamento di tecniche economiche di controllo;
. miglioramento dell'efficacia dei metodi di riduzione delle emissioni di CO2 e di altri inquinanti;
. riduzione dell'inquinamento prodotto dagli impianti di cokificazione;
. impiego dei residui e studio del loro comportamento nelle discariche;
. trasporto, movimentazione e immagazzinamento del carbone non inquinanti;
. tecnologie per l'impiego pulito del carbone.

- Informazioni all'opinione pubblica e agli organismi decisionali.

Miglioramento della competitività del carbone

- riduzione dei costi di produzione del carbone:
. miglioramento della prospezione con l'integrazione, per esempio, di nuove tecniche;
. miglioramento della pianificazione, della modellizzazione, dell'integrazione, della gestione e del controllo delle operazioni;
. miglioramento delle tecniche di scavo dei pozzi, di tracciamento delle gallerie e delle tecniche di sostegno;
. miglioramento delle tecniche di abbattimento;
. miglioramento dei servizi minerari: aumento della meccanizzazione e dell'automazione nei trasporti, sviluppo di sistemi di trasporto in continuo.

- Qualità del prodotto:

. miglioramento delle metodologie per la selezione dei filoni carboniferi e il controllo della qualità del carbone negli impianti di preparazione;
. riduzione della degradazione granulometrica durante l'estrazione;
. miglioramento della preparazione del carbone;
. miglioramento della maneggevolezza del carbone;
. miscelazione del carbone a fini speciali;
. miglioramento della produzione e della qualità dei combustibili speciali.

- Riduzione dei costi di utilizzazione del carbone:
. tecnologie convenzionali e avanzate di generazione dell'energia elettrica;
. sviluppo di sistemi integrati;
. sistemi di cogenerazione;
. riduzione dei costi delle tecnologie per il controllo dell'inquinamento;
. miglioramento della sicurezza, della disponibilità e del rendimento termico;
. miglioramento delle prestazioni, del funzionamento e del controllo.

Utilizzazione razionale delle risorse comunitarie:

. preparazione dei bacini carboniferi;
. valutazione della possibilità di accedere a riserve carbonifere parzialmente esaurite;
. metodologia di valutazione economica delle riserve;
. studio dei fenomeni dinamici e applicazione della geofisica ai lavori di tracciamento ad elevata profondità.

Attuazione

Ogni impresa, istituto di ricerca e persona fisica che intende svolgere ricerche nell'ambito definito dall'articolo 55 del Trattato CECA può presentare domanda di sostegno finanziario alla Commissione delle Comunità europee. Il programma ha cadenza annuale. La Commissione fissa l'entità dei finanziamenti disponibili nel bilancio operativo CECA sulla base delle entrate annuali e delle priorità, in rapporto alle spese previste. Le domande vanno presentate entro il 1° settembre di ogni anno in modo da poter essere prese in considerazione nel programma dell'anno successivo salvo se altrimenti specificato nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. La Commissione introdurrà a breve termine un sistema di presentazione delle proposte su supporto informatico standard (dischetto) per facilitare il trattamento delle proposte.

Per la selezione dei progetti di ricerca da finanziare con la concessione di un contributo CECA, vengono presi in considerazione i seguenti criteri: - gli obiettivi del programma di ricerca; - gli obiettivi della politica energetica comunitaria e della politica generale di ricerca (con particolare riferimento alle ricerche in campo energetico); - l'interesse che la ricerca riveste per la Comunità; - le conseguenze sull'ambiente; - l'intervallo di tempo presumibile intercorrente fra la conclusione della ricerca e l'applicazione pratica dei risultati.

Verrà data precedenza ai progetti che offrono reali possibilità di riproduzione e di dimostrazione della tecnologia in fase di sviluppo. Si privilegeranno le soluzioni con un valido rapporto costi/benefici, anche nei casi in cui la ricerca riguardi esclusivamente la protezione dell'ambiente. Verrà data in generale la priorità a progetti che comportano la collaborazione fra gli Stati membri, pur riconoscendo che la diversità di fattori, quali p.e. le condizioni geologiche, non sempre rende possibile tale collaborazione.

Le informazioni relative alle domande di contributo e alle ricerche in corso vengono trattate con la massima riservatezza dalla Commissione; le relazioni finali sui progetti ultimati vengono comunque pubblicate, in linea con le disposizioni dell'articolo 55 del Trattato CECA che prevede che i risultati delle ricerche vengano messi a disposizione di tutti gli interessati nella Comunità. A questo riguardo, si ritiene importante avvalersi dei mezzi di comunicazione più idonei per diffondere un'immagine positiva del carbone, dei suoi prodotti e della sua utilizzazione. Grande importanza viene inoltre attribuita ad una rapida divulgazione dei risultati della ricerca in una forma direttamente utilizzabile.

I problemi della salute, della sicurezza e delle condizioni di lavoro nelle miniere vengono affrontati in un programma di ricerca CECA separato; è importante tuttavia ricordare che tali aspetti vanno sempre visti in stretta correlazione con i progressi tecnologici e dovranno trovare spazio in tutte le ricerche nel campo della tecnologia mineraria. Quantunque l'asse portante del programma sia la ricerca applicata, uno spazio continuerà ad essere riservato alla ricerca di base, in relazione all'utilizzazione del carbone come strumento per diffondere un'adeguata conoscenza dei procedimenti utilizzati attualmente e al fine di prepararsi a scenari a più lungo termine mediante il sostegno a specifici temi di ricerca.