Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma d'azione per l'attuazione di una politica di formazione professionale della Comunità europea Leonardo da Vinci, 1995-1999

Programma precedente

ET-COMETT 2

Programma successivo

ET-LEONARDO DA VINCI 2

Finanziamento del programma

EUR 620 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 340 del 1994-12-29

Riferimento legislativo

94/819/CE del 1994-12-06
Garantire l'attuazione di una politica di formazione professionale che sostiene e integra l'azione degli Stati membri e promuovere la cooperazione tra gli Stati membri in modo da ottenere gradualmente un'area europea aperta di formazione e qualifiche professionali.

Riassunto

La proposta rispetta il principio della sussidiarietà e include due parti complementari: un quadro comune di obiettivi per promuovere uno sviluppo coerente della formazione professionale nella Comunità ed una serie di misure comunitarie al fine di sostenere e integrare le iniziative degli Stati membri.

Il quadro comune di obiettivi è inteso a promuovere una maggior cooperazione tra gli Stati membri per garantire lo sviluppo coerente di una politica di formazione professionale comunitaria e mira a:

- favorire l'adattamento ai cambiamenti industriali, particolarmente mediante la formazione e la riqualificazione professionale;

- migliorare la formazione professionale iniziale e la formazione continua per favorire l'inserimento ed il reinserimento nel mercato del lavoro;

- favorire l'accesso alla formazione professionale e promuovere la mobilità di istruttori e tirocinanti, particolarmente dei giovani;

- promuovere la cooperazione sulla formazione tra gli istituti di formazione e le imprese;

- sostenere scambi di informazioni e di esperienze su tematiche comuni ai sistemi di formazione degli Stati membri.

Il programma di misure comunitarie della Commissione è inteso a semplificare la molteplicità delle attuali iniziative, per garantire una migliore trasparenza ed una migliore definizione degli obiettivi e per aumentare proprio l'impatto.

Suddivisione

Quattro settori:

Settore I - Supporto al miglioramento dei sistemi e dei dispositivi di formazione professionale negli Stati membri:

- Ideazione e realizzazione di progetti pilota transnazionali:
supporto comunitario all'ideazione, messa a punto e sperimentazione dei progetti pilota transnazionali riguardanti la cooperazione nei seguenti settori:
. miglioramento della qualità della formazione professionale iniziale e del passaggio dei giovani alla vita attiva;
. miglioramento della qualità dei dispositivi di formazione professionale permanente degli Stati membri;
. informazione e orientamento professionali;
. promozione della parità delle possibilità tra uomini e donne nella formazione professionale;
. miglioramento della qualità dei dispositivi di formazione professionale a favore delle persone svantaggiate sul mercato del lavoro;

- Programmi transnazionali di collocamenti e di scambi:
supporto comunitario ai seguenti programmi transnazionali di collocamenti e di scambi:
. programmi transnazionali di collocamenti di giovani in formazione professionale iniziale;
. programmi transnazionali di collocamenti di giovani lavoratori;
. programmi transnazionali di scambi per istruttori;

Settore II - Supporto al miglioramento delle azioni di formazione professionale anche mediante la cooperazione università-impresa riguardanti le imprese e i lavoratori:

- Ideazione e realizzazione di progetti pilota transnazionali:
supporto comunitario all'ideazione, messa a punto e sperimentazione di progetti pilota transnazionali riguardanti la cooperazione nei settori seguenti:
. innovazione nella formazione professionale, al fine di tener conto dei cambiamenti tecnologici e del loro impatto sul lavoro e sulle qualifiche e competenze necessarie;
. investimento nella formazione professionale permanente dei lavoratori;
. trasferimento delle innovazioni tecnologiche nell'ambito della cooperazione tra imprese e università in materia di formazione professionale permanente;
. promozione della pari opportunità in materia di formazione professionale da uomini e donne attraverso la realizzazione di progetti legati allo sviluppo di prospettive di carriera delle donne, in particolare qualora esse siano sottorappresentate;

- Programmi transnazionali di collocamenti e di scambi:
supporto comunitario all'ideazione, messa a punto e sperimentazione di progetti pilota transnazionali riguardanti la cooperazione nei settori seguenti:
. programmi transnazionali di collocamenti e di scambi:
. programmi transnazionali di scambi tra imprese e/o organismi di formazione;
. programmi transnazionali di scambi di responsabili della formazione;

Settore III - Supporto allo sviluppo delle competenze linguistiche, delle conoscenze e della diffusione delle innovazioni nel settore della formazione professionale:

- cooperazione per il miglioramento delle competenze linguistiche:
. ideazione e realizzazione di progetti pilota transnazionali (relativamente ad aree quali la messa a punto e la diffusione di tecniche di valutazione delle esigenze in materia di competenze linguistiche; l'ideazione di curricula congiunti e di supporti didattici innovatori, compreso il riconoscimento delle conoscenze linguistiche acquisite; la messa a punto di materiale didattico adeguato alle esigenze specifiche di ciascun settore professionale o economico e di metodi di autoapprendimento delle lingue; l'ideazione di progetti pilota transnazionali intesi alla realizzazione di udienze conoscitive linguistiche delle imprese);
. programmi transnazionali di scambi per gli istruttori e i tutori nel settore delle competenze linguistiche tra imprese e organismi di formazione linguistica;

- Sviluppo delle conoscenze nel settore della formazione professionale:
. indagini ed analisi nell'ambito della formazione professionale;
. scambi di dati comparabili nel settore della formazione professionale;

- Sviluppo della diffusione delle innovazioni nell'ambito della formazione professionale:
. progetti di demoltiplicazione;
. programmi transnazionali di scambi;

Settore IV - Misure collaterali:

- Rete di cooperazione tra gli Stati membri:
Sarà accordato un supporto comunitario:
. alle attività delle strutture create negli Stati membri per assicurare il coordinamento nazionale e l'organizzazione dell'attuazione del programma;
. alle iniziative prese dagli Stati membri per la costituzione di partnership transnazionali di formazione professionale al fine di presentare progetti pilota transnazionali;
. alle iniziative prese dagli Stati membri per assicurare la trasparenza del presente programma, per facilitarne l'accesso, potenziare la diffusione e il trasferimento dei metodi, prodotti e strumenti elaborati e dei risultati ottenuti dalle misure comunitarie;

- Misure d'informazione, controllo e valutazione alle quali sarà accordato un supporto comunitario in cooperazione tra la Commissione, gli Stati membri e le strutture nazionali.

Attuazione

La Comunità contribuirà al finanziamento delle spese connesse alle misure. Il contributo finanziario ai progetti transnazionali potrà raggiungere il 75% delle spese, con un massimo di 100.000 ecu all'anno. Il contributo finanziario della Comunità ai programmi transnazionali di collocamenti e di scambi sarà compreso tra 5.000 e 10.000 ecu per beneficiario. Il contributo finanziario della Comunità alla rete varia tra il 50% ed il 100% e potrà raggiungere il 100% delle spese per gli studi e le analisi, le azioni relative all'apprendimento delle lingue e le misure di sostegno. La Commissione sarà assistita da un comitato consultivo composto da due rappresentanti per ciascuno Stato membro e presieduto dal rappresentante della Commissione. Dodici rappresentanti delle parti sociali parteciperanno ai lavori del comitato quali osservatori. La Commissione vigila sulla coerenza complessiva fra il presente programma ed i programmi d'azione comunitari nel settore dell'istruzione e creerà collegamenti operativi adeguati tra il programma e le attività nel quadro del dialogo sociale a livello comunitario. La Commissione si assicura l'ausilio del Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (CEDEFOP) nell'attuazione del presente programma. Il presente programma costituisce oggetto di una valutazione periodica, realizzata in comune dalla Commissione e dagli Stati membri. I risultati delle misure comunitarie costituiscono oggetto di valutazioni esterne e obiettive periodiche. Gli Stati membri trasmettono alla Commissione, entro il 31 dicembre 1995 e successivamente ogni due anni, relazioni sull'attuazione del presente programma. La Commissione presenterà al Consiglio, al Parlamento europeo ed al Comitato economico e sociale una relazione intermedia sulla fase di lancio del programma entro il 30 giugno 1998, e prima del 30 giugno 2000 una relazione sull'attuazione del programma.
Numero di registrazione: 452 / Ultimo aggiornamento: 1998-05-07