Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

ET-PETRA 1

Programma successivo

ET-LEONARDO DA VINCI 1

Finanziamento del programma

EUR 177,4 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 214 del 1991-08-02

Riferimento legislativo

91/387/EEC del 1991-07-22
Inteso a completare e appoggiare le politiche e le attività degli Stati membri tese a garantire che tutti i giovani abbiano accesso ad almeno un anno di formazione professionale iniziale, terminato il corso di studi della scuola dell'obbligo, che porti ad una qualifica professionale riconosciuta dalle autorità competenti dello Stato membro nel quale è conseguita.

Riassunto

La seconda fase del programma PETRA è istituita al fine di garantire la continuazione e lo sviluppo futuro delle attività realizzate nel contesto del programma PETRA I, 1988-92. Il programma comprende misure da intraprendere a livello comunitario volte ad assistere gli sforzi compiuti dagli Stati membri per fornire a tutti i giovani, di età inferiore ai 28 anni, l'accesso ad almeno un anno di formazione professionale. Le azioni coperte del programma mirano anche a:

- completare e appoggiare le politiche degli Stati membri per elevare il livello e la qualità della formazione professionale iniziale, diversificare l'offerta di formazione professionale in modo da offrire possibilità di scelta ai giovani con diversi livelli di attitudine e aumentare l'adattabilità dei sistemi di formazione ai rapidi mutamenti economici, tecnologici e sociali;

- conferire una dimensione comunitaria alle qualifiche professionali, per contribuire a garantire, in particolare, la corrispondenza di tali qualifiche tra gli Stati membri;

- stimolare e sostenere la cooperazione concreta e lo sviluppo di partnership di formazione a livello transnazionale fra gli istituti di formazione, gli ambienti professionali ed i responsabili dello sviluppo locale e regionale;

- sviluppare le opportunità affinché i giovani possano beneficiare di periodi di formazione o di esperienze lavorative in altri Stati membri;

- favorire la cooperazione comunitaria nel settore dell'informazione e dell'orientamento professionali.

Quando, all'inizio del 1995, il programma PETRA II avrà termine, è previsto che le attività nel settore della formazione e dell'istruzione professionale vengano assunte dal programma LEONARDO DA VINCI in seno al quale sarà messa in atto la politica comunitaria in materia di formazione professionale per il periodo 1995-99.

Suddivisione

Tre azioni:

- sostegno a progetti transnazionali di formazione professionale:
. formazione o esperienze lavorative in un altro Stato membro destinate ai giovani ritenuti idonei (di norma i soggiorni hanno una durata di tre settimane);
. elaborazione congiunta di moduli di formazione professionale;
. formazione congiunta degli addetti alla formazione professionale;

-appoggio alle misure volte a favorire l'informazione e l'orientamento professionali:
. scambi di dati sull'orientamento;
. formazione di consulenti e di specialisti in materia di orientamento;

- misure complementari:
la Commissione adotterà le misure complementari che si rendono necessarie, comprese la divulgazione dei risultati mediante pubblicazioni, seminari, ecc.; il continuare ad appoggiare le iniziative di cooperazione transnazionale destinate ad esaminare problematiche specifiche della formazione professionale; e sostegno tecnico per l'attuazione del programma.

Attuazione

La Commissione attua il programma, in concertazione con gli Stati membri. La Commissione è assistita da un comitato consultivo composto da due rappresentanti di ciascuno Stato membro e presieduto da un rappresentante della Commissione. La Commissione deve anche appoggiarsi al Centro europeo per lo sviluppo della formazione professionale (CEDEFOP).

Il programma è destinato ai giovani di età inferiore ai 28 anni che si trovano in una delle seguenti situazioni:

- giovani che seguono una formazione professionale iniziale;
- giovani lavoratori che hanno un impiego o sono disponibili sul mercato del lavoro e sono in possesso di una formazione professionale iniziale o di una esperienza lavorativa pratica;
- giovani che hanno terminato la formazione professionale iniziale e che partecipano ad un perfezionamento professionale per completarla.

L'importo dei mezzi finanziari comunitari ritenuto necessario per la sua attuazione nel triennio è di 177,4 milioni di ECU, di cui 29 milioni di ECU sono destinati per il periodo 1991-1992. L'importo dei finanziamenti per gli anni a seguire sarà determinato dalle autorità di bilancio. Il 30% degli stanziamenti disponibili dovrà essere utilizzato con priorità a favore dei giovani che rientrano nelle ultime due situazioni indicate in precedenza.

Il sostegno finanziario comunitario è assegnato agli Stati membri su base individuale, per contribuire ai costi di soggiorno dei giovani in un altro Stato membro. Il contributo comunitario è fissato ad una media di circa 700 ECU per un soggiorno di tre settimane per giovani che seguono una formazione professionale iniziale e non potrà mai superare i 3.700 ECU per qualsiasi formazione. Per i giovani lavoratori che hanno un impiego o sono disponibili sul mercato del lavoro e sono in possesso di una formazione professionale iniziale o di una esperienza professionale pratica i soggiorni hanno, di norma, una durata di tre mesi. Il contributo comunitario è fissato ad una media di circa 2.700 ECU per un soggiorno di tre mesi e non può mai superare i 4.800 ecu.

La Comunità concede anche un contributo finanziario a progetti di formazione congiunta selezionati, che in media ammonta a circa 30.000 ECU per progetto, per un periodo di due anni. Il sostegno comunitario per le azioni volte a favorire l'informazione e la formazione professionale è assegnato ai progetti proposti con successo dagli Stati membri.

Gli Stati membri devono intraprendere i passi necessari per coordinare ed attuare il programma a livello nazionale, in particolare devono garantire l'esistenza di strutture e meccanismi appropriati tesi a dare espressione agli obiettivi rientranti nel programma. In questo contesto, gli Stati membri devono trasmettere alla Commissione due relazioni precisando i passi compiuti per l'attuazione del programma a livello nazionale. Tali relazioni devono anche comprendere informazioni relative alle attuali disposizioni volte a promuovere e finanziare la formazione professionale iniziale. La prima di queste due relazioni doveva essere presentata entro il 30 giugno 1995, la seconda entro il 30 giugno 1995.

Con PETRA II, l'assistenza tecnica e finanziaria della Comunità per iniziative che partecipano alla rete europea dei partner di formazione (ENTP), istituita con PETRA I, è stata estesa. L'ENTP si occupa di sviluppare una dimensione europea della formazione professionale mediante scambi di giovani e di personale e con lo sviluppo congiunto di corsi e di certificati.

La Commissione vigila affinché le azioni rientranti in PETRA II si complementino con altri programmi ed iniziative comunitari pertinenti, comprese le iniziative adottate nell'ambito dei fondi strutturali.

I risultati ed i successi delle azioni avviate dal programma sono soggette a due valutazioni esterne, la prima nel corso del 1994 e la seconda durante il 1995.

Alla fine del dicembre 1993, la Commissione ha presentato una relazione provvisoria relativa all'attuazione del programma. La relazione finale, comprendente una valutazione dell'attuazione del presente programma, deve essere presentata entro il 31 dicembre 1995. Tali relazioni saranno trasmesse al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale, al Comitato consultivo sulla formazione professionale e al Comitato per l'istruzione (istituito in forza della risoluzione del Consiglio del 9 febbraio 1976, GU n. C 38 del 19.2.1976).
Numero di registrazione: 477 / Ultimo aggiornamento: 1994-09-20