Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Iniziativa comunitaria a favore dell'occupazione e della valorizzazione delle risorse umane - "Occupazione - YOUTHSTART" (promozione dell'inserimento dei giovani nel mercato del lavoro), 1994-1999

Finanziamento del programma

EUR 441 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

C 180 del 1994-07-01

Riferimento legislativo

94/C180/08 del 1994-07-01
Promuovere l'inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, soprattutto quelli privi di qualificazioni di base o di formazione.

Riassunto

YOUTHSTART è una delle quattro parti inserite nell'iniziativa comunitaria in materia di occupazione e di valorizzazione delle risorse umane; le altre tre sono: "NOW", teso alla promozione delle pari opportunità per le donne; "HORIZON", che mira a promuovere l'inserimento dei portatori di handicap sul mercato del lavoro; "INTEGRA", relativo ad un migliore accesso al mercato del lavoro ed a migliori possibilità occupazionali per i gruppi vulnerabili).

YOUTHSTART è stato istituito nel contesto del Libro bianco della Commissione sulla crescita, la competitività e l'occupazione, che mette in rilievo la necessità di maggiori sforzi volti a permettere una partecipazione effettiva dei giovani al mercato del lavoro. Il programma mira a stimolare le azioni negli Stati membri tramite la messa a punto di programmi nazionali su misura, basati sulle esigenze di ogni Stato membro e, a lungo termine, alla progressiva introduzione di misure in grado di assicurare a tutti i giovani l'accesso all'occupazione a tempo pieno o ad una forma riconosciuta di istruzione e formazione.

Al fine di valorizzare al massimo YOUTHSTART le iniziative attuate nel quadro del programma devono essere vincolate alla fissazione di norme ed obiettivi approvati. Esempi di norme ed obiettivi ai quali l'iniziativa potrebbe contribuire in maniera sostanziale:

- collegamento coerente con il mercato del lavoro;
- norme minime di formazione/qualificazione;
- consulenza indipendente;
- adeguato collocamento post attività;
- retribuzione;
- una gamma completa di "infrastrutture sommesse" (assistenza ai figli, alfabetizzazione, ecc.);
- funzione della previdenza sociale ed opportunità di scambi transnazionali pianificate e strutturate.

Suddivisione

Iniziative ammissibili:

- Sviluppo di adeguati sistemi di orientamento professionale, consulenza e collocamento nei settori pubblico e privato, come opportuno, incluso:
. fissazione di obiettivi e norme per l'orientamento della carriera, preformazione, formazione professionale, l'apprendistato, attività di collocamento, misure di sostegno e valutazione;
. individuazione, adattamento e trasferimento degli attuali modelli di buone pratiche inerenti l'inserimento dei giovani nel mercato del lavoro;
. Ideazione, sviluppo ed offerta di criteri innovativi per l'inserimento dei giovani nel mercato del lavoro;
. favorire un'interazione più attiva tra l'insegnamento, la formazione professionale ed il mercato del lavoro al fine di rafforzare in generale le opportunità di occupazione;

- offerta di formazione e collocamento, incluso:
.programmi di formazione e collocamento strutturati per i giovani, con particolare rilievo al miglioramento ed al rafforzamento delle competenze professionali, personali, imprenditoriali e linguistiche, da coordinare efficacemente con le attività di formazione e collocamento programmate su scala locale;
. formazione di formatori e del personale di collocamento, segnatamente coloro che progettano ed offrono servizi a livello locale, al fine di migliorare l'inserimento dei giovani nel mercato del lavoro;
. favorire esperienze speciali di formazione e collocamento, segnatamente nei settori dell'arte, del patrimonio culturale, della protezione dell'ambiente, della rigenerazione urbana e dei servizi di assistenza;
. applicazione di modelli innovativi in grado di sostenere e rafforzare l'attività locale;

- aiuti alla creazione di occupazione, in particolare tramite la cooperazione transnazionale, incluso:
. iniziative rivolte ai giovani che intendono lavorare in modo autonomo, con particolare attenzione allo sviluppo di relazioni con giovani imprenditori di altri Stati membri, agenzie di commercio transnazionale e reti di autoaiuto;
. scambi transnazionali tra agenzie di sviluppo locali al fine di individuare ed applicare sostegni e modelli di sviluppo innovativi;
. aiuti alle iniziative locali volte all'inserimento dei giovani, segnatamente nei settori dell'arte, del patrimonio culturale, della protezione dell'ambiente, della rigenerazione urbana e dei servizi di assistenza;

- diffusione dell'informazione ed azioni di sensibilizzazione, in particolare su scala transnazionale, incluso:
. iniziative volte ad una maggiore sensibilizzazione ai particolari problemi di inserimento che i giovani devono affrontare ed alle risposte possibili, soprattutto delle parti sociali ed agenzie interessate;
. aiuti destinati ai relativi servizi d'informazione a livello nazionale, regionale e locale;
. attività d'informazione volte a promuovere il programma Occupazione -YOUTHSTART tra i giovani.

Attuazione

Le attività previste dal programma YOUTHSTART fanno parte dell'iniziativa comunitaria in favore dell'occupazione e della valorizzazione delle risorse umane (OCCUPAZIONE), 1995-1999. Esse devono integrare l'introduzione o lo sviluppo di misure adeguate nell'ambito dei programmi ed azioni nazionali incentivate nel quadro dei programmi del Fondo sociale europeo (FSE) e LEONARDO DA VINCI.

Le azioni volte a migliorare le prospettive occupazionali dei giovani saranno finanziate in compartecipazione dagli Stati membri, dalla Comunità e, qualora opportuno, dalle imprese ed altri organismi. Se i dipendenti di un'impresa partecipano alle varie operazioni che rientrano nel programma, l'impresa in questione è tenuta a finanziare una parte proporzionale dei loro costi di partecipazione. Il programma si applica all'intero territorio dell'Unione, sebbene si presti particolare attenzione alle necessità delle regioni svantaggiate. Di conseguenza, alcune iniziative si applicheranno soltanto alle regioni prioritarie (obiettivi 1, 2, 5b e 6).

Gli Stati membri sono invitati a presentare entro il 1° novembre 1994 proposte di aiuti nel quadro della parte YOUTHSTART dell'iniziativa Occupazione, sotto forma di programmi operativi o di contributi globali. Conformemente alle norme che regolamentano i Fondi strutturali, dette proposte devono comprendere una valutazione generale della situazione con l'indicazione degli obiettivi da raggiungere ed includere un calendario, i criteri e le procedure di attuazione, controllo e valutazione. Le proposte presentate dagli Stati membri sono approvate dalla Commissione.

Le proposte selezionate ricevono un aiuto comunitario sotto forma di contributi tratti da uno stanziamento di 1,835 MECU, di cui 441 MECU sono riservati all'attuazione di azioni che rientrano nel programma YOUTHSTART. Dello stanziamento globale riservato all'attuazione dell'iniziativa Occupazione, 0.9 miliardi di ECU sono riservati alle regioni obiettivo 1 e 6.

LSe opportuno la Comunità sovvenziona i programmi nazionali predisposti dagli Stati membri tramite i quadri di sostegno comunitari. Risorse più limitate, ma accuratamente mirate, dovranno essere messe a disposizione di azioni pilota. Nell'ambito del programma, la ripartizione delle risorse tra gli Stati membri si basa sulla relativa gravità dei problemi strutturali, con particolare rilievo per i relativi livelli di disoccupazione, nonché sulla qualità delle proposte presentate ai fini di programmi operativi e contributi globali. Al fine di incentivare i programmi operativi transnazionali due o più Stati membri possono presentare una domanda unica di aiuto finanziario, di loro iniziativa o per iniziativa della Commissione.

L'assistenza tecnica può comprendere la diffusione di informazioni ed altre azioni di sensibilizzazione, consulenza e servizi specializzati, la creazione o lo sviluppo di reti su scala comunitaria, volte a favorire l'innovazione e la cooperazione transnazionale, lo sviluppo e l'uso comune di basi di dati sui servizi di formazione ed occupazione, oltre ad altri aspetti dell'organizzazione del mercato del lavoro, ecc.

In ciascuno Stato membro, un unico comitato di controllo sarà responsabile dell'attuazione delle azioni del programma. Nel corso del periodo di pianificazione ed alla fine di esso la Commissione procederà alla valutazione dei risultati dei programmi presentati, in collaborazione con gli Stati membri. La Commissione userà gli obiettivi specificati dagli Stati membri nelle loro proposte come base di valutazione dei progressi. Il Parlamento europeo, il Comitato di gestione delle iniziative comunitarie ed i comitati di controllo nazionali saranno tenuti perfettamente al corrente dei risultati di tali valutazioni e delle azioni avviate a seguito di esse.

Al fine di garantire lo scambio di buone pratiche ed esperienze YOUTHSTART incentiverà lo sviluppo di reti strutturate di progetti e programmi.