Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 216 del 1994-08-20

Riferimento legislativo

2062/94 del 1994-07-18
Si propone di fornire agli organi comunitari, agli Stati membri e agli ambienti interessati, le informazioni tecniche, scientifiche ed economiche utili nel campo della sicurezza e della salute sul lavoro.

Riassunto

L'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro è stata istituita al fine di sostenere gli sforzi della Comunità, degli Stati membri e degli altri organismi nel promuovere il miglioramento, in particolare dell'ambiente di lavoro, in un contesto di tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori. Per raggiungere lo scopo, l'agenzia ha il compito di:

- raccogliere e diffondere le informazioni tecniche, scientifiche ed economiche negli Stati membri per informare gli organi comunitari, gli Stati membri e gli ambienti interessati; tale raccolta è intesa ad analizzare le priorità e i programmi nazionali esistenti e a fornire i dati necessari per le priorità ed i programmi della Comunità;

- raccogliere le informazioni tecniche, scientifiche ed economiche sulla ricerca relativa alla sicurezza e alla salute sul lavoro nonché sulle altre attività di ricerca che comportano aspetti connessi alla sicurezza e alla salute sul lavoro e di diffondere i risultati della ricerca e delle attività di ricerca;

- promuovere e sostenere la cooperazione e lo scambio in materia di informazioni e di esperienza tra gli Stati membri nel campo della sicurezza e della salute sul lavoro, compresa l'informazione sui programmi di formazione;

- organizzare conferenze e seminari, nonché scambi di esperti degli Stati membri nel settore della sicurezza e della salute sul lavoro;

- fornire agli organi comunitari e agli Stati membri le informazioni obiettive, di carattere tecnico, scientifico ed economico, necessarie per la formulazione e l'attuazione delle politiche adeguate ed efficaci volte a proteggere la sicurezze e la salute dei lavoratori;

-stabilire, in collaborazione con gli Stati membri, e coordinare una rete tenendo conto dello agenzie e delle organizzazioni a livello nazionale, comunitario ed internazionale, che forniscono questo tipo di informazioni e servizi;

- raccogliere e mettere a disposizione le informazioni relative alle questioni di sicurezza e di salute sul lavoro in provenienza e a destinazione di paesi terzi e delle organizzazioni internazionali (OMS, OIL, ecc.);

- fornire informazioni tecniche, scientifiche ed economiche sui metodi e sugli strumenti destinati a realizzare attività preventive, con particolare riguardo ai problemi specifici delle piccole e medie imprese;

- contribuire allo sviluppo dei futuri programmi d'azione comunitari relativi alla promozione della sicurezza e della salute sul lavoro, fatte salve le competenze comunitarie.
Tra i diversi compiti, l'Agenzia fornirà alla Commissione le informazioni necessarie per semplificare l'individuazione, la preparazione e la valutazione delle norme e misure nel settore della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori, segnatamente per quanto concerne l'impatto della legislazione sulle imprese, e in particolare sulle PMI.

Suddivisione

Per questa sessione non sono disponibili dettagli.

Attuazione

Le attività dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro sono dirette da un consiglio d'amministrazione composto da un rappresentante per ciascuno Stato membro e da tre rappresentanti della Commissione. Inoltre, sono presenti un numero uguale di membri in rappresentanza delle organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro. Ad eccezione dei rappresentanti della Commissione, tutti gli altri membri sono nominati su proposta degli Stati membri per un triennio. Tra i membri sono eletti un presiedente e tre vicepresidenti, il cui mandato assume la stessa durata del consiglio d'amministrazione.

L'Agenzia ha a capo un direttore nominato anch'egli dal consiglio d'amministrazione su proposta della Commissione per un periodo di cinque anni, rinnovabile. Il direttore, legale rappresentante dell'Agenzia, è responsabile dell'amministrazione ordinaria dell'Agenzia, compresa l'elaborazione e l'attuazione corretta delle decisioni e dei programmi adottati dal consiglio d'amministrazione, l'esecuzione del bilancio dell'Agenzia, la preparazione della relazione annuale e del progetto preliminare di bilancio dell'Agenzia.

Le attività dell'agenzia sono finanziate con uno stanziamento per la Commissione e da altre entrate provenienti da pagamenti ricevuti come corrispettivo di servizi resi. Il contributo finanziario della Commissione è calcolato sulla base di un progetto di bilancio presentato alla Commissione dal consiglio d'amministrazione, documento che deve essere trasmesso ogni anno entro il 31 marzo.

Il consiglio d'amministrazione è responsabile dell'adozione del programma di lavoro annuale dell'Agenzia sulla base di una bozza elaborata del direttore previa consultazione della Commissione e del comitato consultivo per la sicurezza, l'igiene e la protezione della salute sul luogo di lavoro. I programmi annuali si inseriscono in un programma di rotazione che copre un periodo di quattro anni.

Nel condurre le attività assegnatele, all'Agenzia è richiesto di lavorare, come appropriato, con le istituzioni, le fondazioni, gli organismi specialistici ed i programmi esistenti a livello comunitario al fine di evitare la creazione di sforzi doppi. In particolare, l'Agenzia deve lavorare a stretto contatto con la fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro avente base a Dublino ed i programmi comunitari relativi alla sicurezza, all'igiene e alla salute su lavoro.

Una rete, che funzionerà come sistema di monitoraggio europeo per raccogliere informazioni sulla sicurezza e sulla salute sul lavoro, dovrà essere istituita e coordinata dall'Agenzia. Composta dai principali componenti delle reti di informazione nazionale, punti focali nazionali e qualsiasi centro specifico a venire, l'obiettivo della rete è di garantire il massimo beneficio che può derivare a livello comunitario per lavori già eseguiti da parte di organizzazioni nella Comunità e negli Stati membri. La rete sarà istituita in cooperazione con gli Stati membri e deve diventare operativa nel corso del 1996.

Prima della fine di settembre 1999, il Consiglio riesaminerà il regolamento che istituisce l'Agenzia sulla base di una relazione da parte della Commissione. In questo frangente, gli attuali incarichi dell'Agenzia saranno affrontati e, se necessario, modificati.

L'informazione ed i dati forniti oppure emanati dall'Agenzia possono essere pubblicati e devono essere resi accessibili al pubblico, in sintonia con gli orientamenti stesi dal consiglio d'amministrazione e soggetti a conformarsi alle norme della Commissione e degli Stati membri in merito alla diffusione di informazioni, in particolare in materia di riservatezza.
Numero di registrazione: 534 / Ultimo aggiornamento: 1998-05-11