Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Finanziamento del programma

EUR 30 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 63 del 1998-03-04

Riferimento legislativo

del 1998-02-23
Sviluppare un nuovo approccio per le attività della Commissione riguardanti l'analisi, la ricerca, la cooperazione e l'azione in materia di occupazione, nonché per altre azioni comunitarie che favoriscano l'occupazione sulla base di partnership e di cooperazioni con gli Stati membri.

Riassunto

L'azione ESSEN è proposta nel contesto della strategia di sviluppo a medio termine definita nel Libro bianco della Commissione sulla crescita, la competitività e l'occupazione, la quale è stata approvata dai Capi di Stato e di governo al Consiglio europeo di Essen del 10 e 11 dicembre 1993.
Conformemente alla strategia proposta nel Libro bianco della Commissione e in diversi altri documenti che lo hanno seguito, l'azione ESSEN è destinata a stabilire un nuovo approccio all'analisi, alla ricerca, alla cooperazione ed all'azione nel settore dell'occupazione, in modo da creare una piattaforma per lo scambio di informazioni ed esperienze. Questa azione mira inoltre a favorire una più stretta ed efficace collaborazione tra la Comunità e gli Stati membri nel settore della politica in materia di occupazione e di manodopera, nonché a promuovere la razionalizzazione dei lavori di ricerca e di altre attività condotte nel settore delle politiche dell'occupazione, ai livelli comunitario e nazionale.
In questo contesto, l'approccio proposto nell'ambito dell'azione ESSEN contribuirà allo sviluppo di misure prese all'interno degli Stati membri, le quali corrispondano agli orientamenti delineati nel Libro bianco della Commissione sulla crescita, la competitività e l'occupazione.
La ricerca sui problemi e le soluzioni in materia di occupazione costituiscono un elemento chiave dell'azione ESSEN, visto che la ricerca specifica riguarda temi quali: il rapporto tra le politiche dell'occupazione e quelle della tutela dell'ambiente, l'analisi dell'impatto della società dell'informazione sul piano dello sviluppo sociale, le questioni legate alla delocalizzazione economica e al contributo dell'economia sociale per la creazione di nuovi impieghi. Gli studi di prospettiva su questi e su altri argomenti saranno coordinati con il programma specifico di ricerca socioeconomica mirata attuato nell'ambito del quarto programma quadro (1994-1999), in particolare della sezione "Istruzione e formazione" di tale programma.
Le azioni destinate a definire le migliori prassi ed a promuoverne il trasferimento saranno eseguite in cooperazione con gli Stati membri, cercando di concentrare l'attenzione sul partenariato. Si tenterà ugualmente di rispettare la coerenza e la complementarità di tali azioni nei confronti delle attività finanziate attraverso altre fonti nazionali o comunitarie, segnatamente i Fondi strutturali e il programma Leonardo Da Vinci.

Suddivisione

I settori d'interesse son tre:
- istituzione di sistemi permanenti per l'osservazione, il monitoraggio e lo scambio di informazioni comparabili e l'esecuzione di studi sulle politiche ed i sistemi in materia di occupazione, le tendenze del mercato del lavoro e i metodi per la creazione di nuovi impieghi;
- realizzazione di un supporto metodologico e tecnico per progetti destinati ad individuare ed a trasferire le migliori prassi in settori quali l'organizzazione del lavoro, le misure regionali e locali per la creazione di posti di lavoro in risposta a nuove esigenze e le misure destinate ad aiutare alcune categorie di persone particolarmente colpite dalla disoccupazione;
- realizzazione di tutte quelle iniziative capaci di favorire l'ampia diffusione dei risultati ottenuti con l'aiuto delle misure sopracitate, compresa l'assistenza alla preparazione di relazioni con cadenze regolari in materia di occupazione.

Attuazione

La Commissione è responsabile della messa in atto dell'azione, cooperando sulla base del partenariato con gli Stati membri. Le parti sociali saranno pienamente associate alla realizzazione delle attività dell'azione ESSEN, assieme al Comitato permanente sull'occupazione, la quale fungerà da piattaforma principale per i dibattiti.
Per l'attuazione dell'approccio ESSEN sarà predisposto un finanziamento comunitario, il quale consisterà di dotazioni pari al 100 % del costo dei contratti di studi e della prestazione dei servizi, delle riunioni di esperti e dell'organizzazione di conferenze e seminari. Saranno altresì disponibili un finanziamento per sostenere le spese di pubblicazione e di diffusione, concordato sulla base di un'iniziativa della Commissione, ed un aiuto comunitario per le operazioni finanziate congiuntamente con gli organismi pubblici o privati sulla base delle loro richieste. Il contributo comunitario è generalmente inferiore al 75 % delle spese delle operazioni selezionate.
L'autorità di bilancio è responsabile della ripartizione annuale delle risorse finanziarie necessarie per realizzare l'azione ESSEN, conformemente alla procedura di bilancio stabilita. Si calcola tuttavia che una somma di 57 milioni di ecu sarà necessaria per questo quinquennio, il cui valore oscilla dagli 8 milioni di ecu per il 1996 ai 14,5 milioni per il 2000.
I paesi dello Spazio economico europeo, i paesi dell'Europa centrale e orientale, Cipro e Malta, nonché i paesi mediterranei partner dell'Unione, potranno partecipare a talune attività del programma, conformemente alle disposizioni che saranno definite nel contesto delle relazioni dell'Unione europea con questi paesi.
La Commissione dovrà presentare una relazione conclusiva sulla realizzazione delle azioni eseguite nell'ambito di ESSEN al Consiglio, al Parlamento europeo, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni, entro e non oltre il 31 dicembre 2001.
Numero di registrazione: 535 / Ultimo aggiornamento: 2001-07-13