Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 74 del 1996-03-22

Riferimento legislativo

96/219/EC del 1996-02-26
Finalizzato ad incoraggiare e facilitare la cooperazione tra la Comunità europea ed il Canada nelle attività di ricerca e di sviluppo realizzate da ambo le parti.

Riassunto

Il 19 aprile 1993, la Commissione ha ricevuto un mandato da parte del Consiglio per negoziare un accordo di cooperazione scientifica e tecnologica tra la Comunità europea ed il Canada. L'accordo è stato siglato ad Halifax il 17 giugno 1995 ed è entrato in forza il 27 febbraio 1996 a seguito della conclusione delle procedure formali di ratifica da ambo le parti.

Dalla prospettiva comunitaria, l'obiettivo essenziale dell'accordo è stimolare la cooperazione tra la Comunità ed il Canada in termini di ricerca coperta dai progetti di ricerca nell'ambito dei programmi quadro di RST comunitari e nei settori coperti dall'accordo (vedere il capitolo "suddivisioni" del presente riassunto).

La cooperazione di cui all'accordo deve essere condotta sulla base del mutuo beneficio ed in accordo con i seguenti principi:

- scambi tempestivi di informazioni che potrebbero influire sulle azioni dei partecipanti alle attività di cooperazione;
- tutela efficace della proprietà intellettuale e spartizione equa dei diritti di proprietà intellettuale (come stabilito nell'allegato dell'accordo), nel quadro di leggi e regolamenti applicabili;
- realizzazione bilanciata di benefici economici e sociali da parte della Comunità e del Canada in vista dei contributi fatti alle attività di cooperazione da parte dei rispettivi partecipanti e/o delle parti.

Il presente accordo annulla e sostituisce le clausole che regolavano la collaborazione scientifica e tecnologica contenute nell'accordo quadro tra le Comunità europee ed il Canada per la cooperazione commerciale ed economica.

Suddivisione

La cooperazione è perseguita nelle seguenti aree:

- agricoltura, compresa pesca;
- ricerca medica e sanitaria;
- energia non nucleare;
- ambiente, compresa l'osservazione terrestre;
- silvicoltura;
- tecnologie dell'informazione;
- tecnologie della comunicazione;
- telematica per lo sviluppo economico e sociale;
- preparazione dei minerali.

Attuazione

L'Accordo è amministrato da un comitato per la cooperazione scientifica e tecnologica composto dai rappresentanti della Comunità europea e del Canada, che si riunisce almeno una volta all'anno.

L'accordo è entrato in forza il 27 febbraio 1996, per un periodo di durata non specificato. Tuttavia, può essere concluso da una delle parti in qualunque momento, a fronte di un preavviso di un anno, presentato per iscritto.

L'elenco delle aree in cui è possibile realizzare la collaborazione è contenuto nella sezione "suddivisioni" del presente documento. Altre aree potranno essere aggiunte, a detto elenco, a seguito di un riesame e di raccomandazioni da parte del comitato per la cooperazione scientifica e tecnologica e di decisione presa dalle due parti.

In forza dell'accordo, la cooperazione può assumere le seguenti forme:

partecipazione di persone fisiche o giuridiche comprese le stesse parti, le università, gli istituti di ricerca e altri organismi o imprese, ai progetti di ricerca della Comunità o del Canada, in accordo con le procedure in vigore per ambo le parti;
- condivisione di strutture per la ricerca;
visite e scambi di scienziati, ingegneri o altro personale idoneo agli scopi di partecipazione a seminari, simposi e workshop inerenti la cooperazione in forza dell'accordo;
- scambio di informazioni su prassi, leggi, regolamenti e programmi inerenti la cooperazione in forza dell'accordo;
- altre attività, che possono essere determinate mutualmente da parte del comitato per la cooperazione scientifica e tecnologica, in accordo con le politiche ed i programmi applicabili delle due parti.

I progetti comuni di ricerca sono attuati in forza dell'accordo a seguito dell'istituzione di un piano congiunto di gestione della tecnologie (JTMP); si tratta di un contratto specifico da concludersi tra i partecipanti ad un progetto di ricerca che definisce i rispettivi diritti e le rispettive responsabilità. IL JTMP copre anche questioni legate ai diritti di proprietà intellettuale, esaminando questioni quali: proprietà, tutela, diritti degli utenti per scopi di ricerca e sviluppo, valorizzazione e diffusione, compresi accordi per pubblicazione congiunta, i diritti e gli obblighi di ricercatori in visita e procedure di risoluzione di controversie.
Numero di registrazione: 588 / Ultimo aggiornamento: 2013-08-20