Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Finanziamento del programma

EUR 2,9 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 38 del 1994-02-09

Riferimento legislativo

94/78/CE del 1994-01-24
Sviluppare e realizzare un sistema di informazioni statistiche comunitarie per la ricerca, lo sviluppo e l'innovazione.

Riassunto

Il 22 luglio 1993, quale risposta alla generale richiesta di informazioni statistiche precise e comparabili, il Consiglio ha adottato il programma quadro per azioni prioritarie nel settore dell'informazione statistica (1993-1997). Il presente programma, incentrato in modo più particolare sulle statistiche relative a ricerca, sviluppo e innovazione rientra in questo quadro generale.

Il programma mette a disposizione un quadro coerente per lo sviluppo delle statistiche comunitarie in materia di ricerca, sviluppo e innovazione onde fornire valide informazioni statistiche (che consentano di effettuare raffronti tra Stati membri, le loro regioni e tra l'Unione europea e i suoi partner commerciali) necessarie alla formulazione dei programmi e delle politiche, tra cui:

-il Quarto programma quadro di RST (1994-1998) e gli specifici programmi attuati nel suo ambito;
- la gestione dei Fondi strutturali;
- la promozione dell'innovazione tecnologica;
-il coordinamento delle politiche nazionali di R&S.

A questo fine, gli obiettivi specifici del programma sono incentrati sui seguenti aspetti:

- definire un quadro di riferimento comunitario per le statistiche in materia di ricerca, sviluppo e innovazione che precisi i concetti e i metodi più appropriati per sostenere le corrispondenti politiche comunitarie e per soddisfare le esigenze delle amministrazioni nazionali, regionali e locali, delle organizzazioni internazionali, degli operatori economici, delle associazioni professionali e del pubblico in generale;

- istituire un sistema di informazioni statistiche comunitarie per la ricerca, lo sviluppo e l'innovazione;

-promuovere e sostenere l'armonizzazione delle statistiche in materia di ricerca e sviluppo e innovazione negli Stati membri;

- favorire la divulgazione di informazioni comparabili.

Suddivisione

Sei settori:

- Analisi e valutazione della domanda degli utenti per statistiche in materia di ricerca, sviluppo e innovazione, tenendo conto della fattibilità e della redditività, onde definire azioni e priorità:
per raccogliere informazioni, e quindi procedere a una loro analisi, sulle esigenze dei principali utenti, ossia le istituzioni comunitarie, il CREST, le amministrazioni nazionali, regionali e locali, le organizzazioni internazionali e gli operatori economici;

- Miglioramento, se necessario, del quadro metodologico esistente:
mettere a punto un quadro di riferimento per le statistiche in materia di ricerca, sviluppo e innovazione, comprendente sia i dati esistenti a livello nazionale sia quelli complementari raccolti a livello comunitario, al fine di migliorare la comparabilità tra i dati dei diversi Stati membri (la metodologia sarà elaborata ulteriormente in stretta collaborazione con l'OCSE);

- Individuazione delle informazioni statistiche esistenti in materia di ricerca, sviluppo e innovazione:
sostenere lo sviluppo del quadro metodologico rilevando l'entità dei dati accessibili in materia di ricerca, sviluppo e innovazione negli Stati membri e favorire la comparazione;

- Predisposizione degli elementi organizzativi e tecnici di un sistema comunitario di informazioni statistiche per la ricerca, lo sviluppo e l'innovazione, comprese le statistiche delle attività in materia di ricerca e sviluppo finanziate dalla Comunità. Le priorità saranno le seguenti:
. risorse (forme di finanziamento delle attività di R&S, tanto private quanto pubbliche; personale di R&S; spesa per R&S per settore);
. risultati (innovazione tecnologica nelle imprese; scambi di beni e servizi ad alto contenuto tecnologico);
. a seconda delle circostanze verranno anche intrapresi dei lavori sulle ripercussioni dirette della ricerca sui brevetti e sulla bibliografia;

- Effettuazione di indagini pilota:
sperimentare la fattibilità di alcune operazioni di raccolta dei dati nel contesto dello sviluppo del quadro metodologico;

- Sviluppo degli strumenti statistici di base:
semplificare il più possibile le procedure di raccolta dei dati per i fornitori e in particolare minimizzare gli oneri che gravano sulle imprese, pur preservando nel contempo la qualità delle informazioni. Tra gli strumenti statistici figureranno registri, tecniche di scambio elettronico di dati (EDI), sistemi di classificazione, campionamenti, questionari, strumenti per il trattamento delle indagini e sistemi di analisi dei dati.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma pluriennale per lo sviluppo delle statistiche comunitarie in materia di ricerca, sviluppo e innovazione in conformità delle disposizioni stabilite nel programma quadro per azioni prioritarie nel settore dell'informazione statistica (decisione 93/464/CEE, Gazzetta ufficiale n. L 219 del 28.8.1993). La Commissione è assistita dal comitato del programma statistico istituito nel quadro della decisione 93/464/CEE.

La Commissione ricorre alla perizia degli esperti nazionali, in particolare nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico, ai fini dell'attuazione del programma. Da parte loro, gli Stati membri dovevano accertare e analizzare le esigenze degli utenti nazionali circa i dati comunitari in materia di statistiche sulla ricerca e lo sviluppo tecnologico e sull'innovazione e trasmettere, nel limite del disponibile, appropriate informazioni alla Commissione entro ottobre 1994. La Commissione era responsabile del coordinamento di tale attività.

Al fine di assistere la Commissione nell'attuazione delle specifiche azioni previste dal programma (vedere in proposito la sezione "Ripartizioni" del presente documento), gli Stati membri forniscono le statistiche esistenti in materia di ricerca, sviluppo e innovazione, nonché le informazioni circa la metodologia utilizzata per elaborare tali statistiche, compresi i dati dichiarati riservati dagli Stati membri conformemente alle disposizioni nazionali o comunitarie.

Il 14 febbraio 1996, la Commissione ha presentato una relazione interlocutoria in merito ai progressi effettuati nell'attuazione del programma (COM(96) 42). Al termine del programma, la Commissione stilerà una relazione finale di valutazione.
Numero di registrazione: 592 / Ultimo aggiornamento: 1998-06-22