Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma successivo

REG-RECITE 2

Finanziamento del programma

EUR 48 million
Contribuire alla coesione economica e sociale sostenendo reti di cooperazione tra regioni e città comunitarie che intendano realizzare progetti economici in comune.

Riassunto

Il programma RECITE ha operato nel quadro delle priorità stabilite, per il periodo 1989-93, dall'articolo 10 del regolamento del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) (2052/88, Gazzetta ufficiale n. L 185 del 15.7.1988). Durante questo periodo, tramite l'articolo 10 del regolamento FESR si è provveduto a finanziare progetti pilota che promovessero gli scambi di esperienze e lo sviluppo della cooperazione tra regioni comunitarie.

Questo regolamento è stato modificato dal regolamento n. 2083/93 (Gazzetta ufficiale n. L 193 del 31.7.1993). Nel quadro dell'articolo 10 del nuovo regolamento, il FESR fornisce sostegno ad alcuni progetti pilota tesi allo sviluppo di nuove vie d'introduzione dell'innovazione e del trasferimento di tecnologia nel programma regionale mediante progetti di dimostrazione. Particolari in merito alle azioni prioritarie da realizzare nel corso del periodo di programmazione 1995-99 sono disponibili nella banca dati dei programmi di RST CORDIS.

Nel corso del periodo 1989-93 le azioni di cooperazione interregionale nel quadro dell'articolo 10 sono state imperniate su tre programmi: PACTE (programma d'azione per le autorità locali), OUVERTURE/ECOS (cooperazione locale e regionale nella Comunità europea e nell'Europa centrale e orientale) e il presente programma, RECITE. Il programma RECITE, in particolare, si proponeva di:

- promuovere il rapido trasferimento del know-how in particolare dalle zone più avanzate a quelle meno favorite della Comunità;
- creare economie di scala per i partecipanti mediante l'attuazione di programmi comuni e lo svolgimento di attività congiunte su progetti specifici;
- incoraggiare l'efficienza amministrativa dei governi regionali e locali, segnatamente nelle zone meno favorite della Comunità;
- prestare assistenza allo sviluppo delle politiche comunitarie, in modo particolare laddove abbiano un impatto sullo sviluppo regionale.

Le azioni realizzate in seno al programma RECITE continuano nel corso del periodo 1995-99 nell'ambito del "programma per la cooperazione interregionale e l'innovazione economica regionale" istituito, per tale periodo, nel quadro dell'articolo 10 del regolamento FESR.

Suddivisione

Per questa sezione non è disponibile alcuna informazione.

Attuazione

La Commissione europea (DG XVI) era responsabile dell'attuazione del programma RECITE in conformità delle disposizioni dettate dal regolamento del Consiglio 2052/93.

Nell'ambito del programma sono stati lanciati due inviti a presentare proposte (1990 e 1991), conclusi con lo stanziamento di 48 milioni di ECU per finanziare la realizzazione di 36 reti di cooperazione interregionali. Tali reti, composte di autorità locali e regionali di almeno due Stati membri, erano incentrate su settori quali:

- sviluppo economico regionale e locale;
- pianificazione regionale e urbana;
- trasporti;
- ambiente;
- turismo e attività ricreative;
- istruzione e formazione;
- servizi di emergenza;
- pubblica amministrazione;
- sviluppo rurale;
-energia e risorse locali.

Qualsiasi autorità regionale o locale della Comunità poteva partecipare a una rete finanziata nell'ambito del programma, a condizione di rappresentare una regione o una città di almeno 50.000 abitanti (erano previste disposizioni che, in casi eccezionali, non tenessero conto di tale limite). Le proposte di progetti potevano essere presentate da un gruppo di autorità regionali o locali operanti congiuntamente o da un ente internazionale che rappresentasse le autorità regionali e locali a livello comunitario.

Nel quadro del programma, il finanziamento comunitario per i progetti selezionati era pari a un massimo del 75% delle spese ammissibili sostenute dalle autorità nelle regioni dell'obiettivo 1 (regioni il cui sviluppo è in ritardo) e del 50% di quelle sostenute in tutte le altre regioni ammissibili. La dotazione di bilancio destinata all'attuazione delle azioni nell'ambito delle 36 reti variava da 300.000 ECU a 2 milioni di ECU per rete.
Numero di registrazione: 598 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-05