Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 167 del 1996-07-06

Riferimento legislativo

96/413/CE del 1996-06-25
Stabilire una serie di orientamenti che costituiscano la base di un programma d'azione volto a potenziare la competitività dell'industria europea.

Riassunto

Il programma d'azioni è stato realizzato nell'ambito della risposta della Commissione alla risoluzione del Consiglio del 21 novembre 1994 sul rafforzamento della competitività dell'industria europea.

Sebbene la tutela della competitività industriale e il suo potenziamento siano soprattutto compito delle imprese, il programma riconosce che la Comunità e gli Stati membri devono provvedere affinché siano assicurate le condizioni necessarie. In questo quadro, il programma persegue i seguenti obiettivi specifici:

- modernizzare il ruolo industriale delle autorità pubbliche, al fine di liberare le imprese (soprattutto le piccole e medie imprese) da qualsiasi limitazione normativa e amministrativa superflua;
- garantire una concorrenza senza distorsioni sia all'interno che all'esterno della Comunità;
- potenziare la cooperazione industriale;
-promuovere i fattori immateriali di competitività.

Suddivisione

Per questa sezione non è disponibile alcuna informazione.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma d'azione nel rispetto dei seguenti orientamenti principali:

- Realizzazione delle iniziative annunciate nella comunicazione sulla politica di competitività industriale dell'Unione europea:
. investimenti immateriali;
. cooperazione industriale;
. aspetti industriali della concorrenza;
. modernizzazione del ruolo industriale delle autorità pubbliche;

- Agevolazione della nascita della società conoscitiva, in particolare promuovendo la formazione continua;

- Sviluppo della cooperazione industriale, tenendo conto della particolare situazione:
. dei paesi dell'Europa centrale e orientale, dei paesi Baltici e della CSI;
. dei paesi del bacino del Mediterraneo e dell'America Latina;
. dei paesi dell'Asia;
. dei paesi ACP e dell'Africa australe;

- Intensificazione e approfondimento delle relazioni tra l'Unione europea e gli Stati Uniti, soprattutto mediante il sostegno al dialogo transatlantico tra imprese;

-Istituzione in collaborazione con il comitato competente in materia di politica commerciale, con le amministrazioni nazionali e l'industria, di una base di dati relativa agli ostacoli incontrati dalle società europee nei paesi terzi, a seconda dei mercati;

- Analisi del problema del trasferimento dell'industria e dei servizi e relazione da presentare ai direttori generali della DG Industria;

- Miglioramento del funzionamento del mercato interno in particolare nella prospettiva di accelerare il processo di standardizzazione e di intensificare gli sforzi di coordinamento delle iniziative nazionali per quanto riguarda il sostegno alle imprese che devono far fronte ad ostacoli agli scambi all'interno dell'Unione europea;

- Analisi e valorizzazione della complementarità fra le attività industriali e i servizi ad esse collegati;

- Relazione annuale sullo sviluppo della competitività dell'industria europea, in particolare in base ai dati raccolti per il "Panorama dell'industria europea";

- Relazione periodica ai direttori generali della DG Industria sull'andamento del programma d'azione nonché sugli eventuali adeguamenti del programma d'azione per gli anni seguenti.

La Commissione è tenuta a redigere annualmente una relazione valutativa sui risultati raggiunti e, se necessario, a formulare delle proposte appropriate.