Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 313 del 1997-11-15

Riferimento legislativo

Decisione 97/793/CE del 1997-11-10
Stimolare la cooperazione di RST tra la Comunità europea e la Repubblica sudafricana nelle aree interessate dal programma quadro comunitario e le attività analoghe effettuate in Sudafrica.

Riassunto

Il 22 gennaio 1996, il Consiglio autorizzava la Commissione ad aprire delle trattative con la Repubblica sudafricana al fine di stipulare un accordo di cooperazione nel campo scientifico e tecnologico. Le negoziazioni sono risultate in una bozza siglata da entrambe le Parti il 7 maggio 1996. Le procedure di ratifica della Comunità sono terminate il 10 novembre 1997.

L'accordo è stato redatto nell'ambito di una nuova relazione tra l'Unione europea ed il Sudafrica ed in seguito alle ripetute richieste delle autorità sudafricane di sviluppare relazioni più strette con l'Unione europea nel campo scientifico e tecnologico.

Suddivisione

Nessun dettaglio disponibile per questa sezione.

Attuazione

L'accordo è gestito da un Comitato misto di cooperazione per la scienza e la tecnologia (CMCST) costituito dai rappresentanti della Commissione europea e del Sudafrica. Gli incontri del CMCST si tengono alternativamente nella Comunità europea ed in Sudafrica, in date concordate reciprocamente.

Una volta entrato in vigore, l'accordo è concluso per la durata del Quarto programma quadro. Potrà tuttavia essere rinnovato di comune accordo tra le due Parti per gli specifici programmi che danno esecuzione a successivi programmi quadro di RST della Comunità.

Conformemente all'accordo, la cooperazione riguarda qualsiasi aspetto della ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione relativo ai programmi quadro comunitari e ad attività simili effettuate in Sudafrica. Tale cooperazione potrà assumere le forme seguenti:

partecipazione di enti di ricerca sudafricani a progetti RST connessi con il Quarto programma quadro e reciprocamente la partecipazione di enti di ricerca della Comunità europea a progetti sudafricani in aree di ricerca analoghe;
- utilizzazione in comune delle strutture di ricerca;
visite e scambi di addetti alla ricerca, ingegneri e tecnici;
- partecipazione di esperti a seminari, simposi e corsi pratici;
- scambio di informazioni sulle prassi, le leggi, le normative e i programmi che rientrano nell'ambito della cooperazione prevista dal presente accordo;
- altre attività che potranno essere determinate dal summenzionato Comitato misto di cooperazione per la scienza e la tecnologia, secondo le politiche ed i programmi delle due Parti.

La partecipazione sudafricana ai progetti RST comunitari è soggetta alle norme applicabili per la partecipazione di imprese, istituti di ricerca e università agli specifici programmi RST della Comunità (Gazzetta ufficiale n. L 306 del 30.11.1994). Per quanto riguarda la partecipazione sudafricana allo specifico programma di RST nell'ambito della cooperazione con i paesi terzi e le organizzazioni internazionali (INCO), il Sudafrica è considerato un paese in via di sviluppo.

Tutti i progetti di ricerca coperti dall'accordo, diversi da quelli condotti nell'ambito del programma INCO, sono soggetti alla redazione di un Piano comune di gestione tecnologica (PCGT). Si tratta di un contratto specifico da stipulare tra i partecipanti di un progetto di ricerca che definisce i rispettivi diritti e responsabilità. Il PCGT riguarda inoltre tematiche relative ai diritti di proprietà intellettuale, che prendono in esame aspetti quali: proprietà, protezione, diritti dell'utilizzatore ai fini della ricerca e dello sviluppo, valorizzazione e divulgazione dei risultati, accordi per la pubblicazione congiunta, diritti e obblighi dei ricercatori visitanti e procedure di risoluzione delle controversie.

Le attività di cooperazione sono subordinate alla disponibilità di fondi e alle vigenti disposizioni legislative e regolamentari, alle politiche e ai programmi delle Parti. Ad eccezione delle attività svolte nell'ambito del programma INCO, le spese sostenute dai partecipanti dei progetti di ricerca non comporteranno alcun trasferimento di fondi da una parte all'altra.
Numero di registrazione: 614 / Ultimo aggiornamento: 1998-01-05