Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 188 del 1994-07-22

Riferimento legislativo

94/457/CE del 1994-06-27
Promuovere e agevolare la cooperazione tra la Comunità europea e l'Australia nelle aree d'interesse comune ove le Parti siano impegnate in attività di ricerca e sviluppo per il progresso della scienza e della tecnologia.

Riassunto

Questo Accordo di cooperazione definisce un contesto formale mediante il quale si possono condurre attività di cooperazione tra la Comunità europea e l'Australia nel campo scientifico e tecnologico. In precedenza, la cooperazione avveniva conformemente all'Accordo di cooperazione scientifica e tecnologica firmato dal governo australiano e dalla Commissione europea nel novembre 1986. Secondo tale Accordo, venivano prese misure che favorivano lo scambio reciproco delle informazioni derivanti dalla ricerca in settori specifici.

Suddivisione

Nessun dettaglio disponibile per questa sezione.

Attuazione

L'Accordo è stato ratificato dalla Comunità europea e dall'Australia nel corso dell'estate 1994. gestito da un Comitato misto di cooperazione per la scienza e la tecnologia (CMCST) composto dai rappresentanti della Commissione europea e dell'Australia. Gli incontri del CMCST si tengono alternativamente nella Comunità europea e in Australia a scadenze concordate reciprocamente (generalmente una volta all'anno).

Secondo l'Accordo, la cooperazione è limitata allo svolgimento di attività nelle seguenti aree:

- biotecnologia;
- ricerca medica e sulla salute;
- scienza e tecnologia marina;
- ambiente;
- tecnologie dell'informazione;
tecnologie di comunicazione.

Le attività di cooperazione potranno includere:

- la partecipazione di persone fisiche e giuridiche, istituti di ricerca ed altri enti (incluse le Parti stesse) ai progetti di ricerca effettuati dalla Comunità o dall'Australia;
- la condivisione delle strutture di ricerca;
- le visite e gli scambi di addetti alla ricerca, ingegneri, tecnici e altro personale competente ai fini di una sua partecipazione a seminari, simposi e corsi pratici;
- lo scambio di informazioni sulle prassi, le leggi, le normative e i programmi che rientrano nell'ambito della cooperazione prevista dal presente Accordo;
- altre attività che possano essere raccomandate dal summenzionato Comitato misto di cooperazione per la scienza e la tecnologia, secondo le politiche ed i programmi delle due Parti.

Le attività di cooperazione sono subordinate alla disponibilità di fondi e alle vigenti disposizioni legislative e regolamentari, alle politiche e ai programmi della Comunità europea e dell'Australia.

Nell'ambito del presente Accordo, i progetti comuni di ricerca saranno attuati solo dopo l'approvazione di un "Piano congiunto di gestione tecnologica" (PCGT). Si tratta di un contratto specifico, da stipulare tra i partecipanti di un progetto di ricerca, che ne definisce i rispettivi diritti e le responsabilità. Il PCGT riguarda inoltre tematiche relative ai diritti di proprietà intellettuale, che prendono in esame aspetti quali: proprietà, protezione, diritti dell'utilizzatore ai fini della ricerca e dello sviluppo, valorizzazione e divulgazione dei risultati, accordi per la pubblicazione congiunta, diritti e obblighi dei ricercatori visitanti e procedure di risoluzione delle controversie.
Numero di registrazione: 617 / Ultimo aggiornamento: 1996-11-25