Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma quadro

FP4

Programma precedente

FP3-JOULE 2

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 334 del 1994-12-22

Riferimento legislativo

94/806/CE del 1994-11-23
Migliorare la sicurezza energetica garantendo servizi energetici durevoli ed affidabili a costi e condizioni convenienti; ridurre l'impatto della produzione e dell'uso di energia, in particolare le emissioni di CO2; rafforzare le basi tecnologiche dell'industria energetica.

Riassunto

JOULE concerne le attività di ricerca e sviluppo che rientrano nel programma relativo all'energia non nucleare, mentre THERMIE riguarda le attività di dimostrazione.

Le attività di ricerca e sviluppo connesse all'energia sono suddivise in quattro aree principali:

Area 1: strategia di ricerca e sviluppo tecnologico nel settore dell'energia: finalizzata allo sviluppo di una strategia europea di RST globale in materia energetica che integri tutte le dimensioni connesse (ossia ambiente, sviluppo economico, ecc.).

Area 2: uso razionale dell'energia: finalizzata ridurre il consumo energetico ed a stimolare la penetrazione nel mercato di tecnologie innovative efficaci e pulite nelle costruzioni, nell'industria e nei trasporti.

Area 3: energie rinnovabili: finalizzata a stimolare l'introduzione di energie rinnovabili (biomassa e rifiuti, energia eolica, energia solare, ecc.) nel sistema energetico.

Area 4: combustibili fossili: finalizzata a ridurre le emissioni e ad aumentare l'efficacia di utilizzo e conversione dei combustibili fossili.

Suddivisione

Cinque aree:

- strategie di RST nel settore energetico:
per sviluppare una strategia europea globale nel campo della RST, integrando ogni aspetto connesso all'energia, segnatamente lo sviluppo ambientale ed economico a livello mindiale, regionale e locale:
. analisi globale delle opzioni in materia di politica di RST nel settore dell'energia;
. ricerca socioeconomica nel settore dell'energia;
. modellatura (al fine di completare ed applicare una nuova generazione di modelli macro e microeconomici il cui sviluppo si è iniziato durante il Terzo programma quadro);
. tribuna economica energia-ambiente (per promuovere il dialogo tra gli attori coinvolti nella ricerca, nell'industria e nella politica);
. sinergie (per giungere ad una migliore comprensione delle politiche degli Stati membri in materia di politica di RST nel settore dell'energia ed individuare sinergie adeguate tra le attività comunitarie e nazionali);
. promozione di tecnologie (tramite l'effettiva diffusione dei risultati RST e la messa a punto di programmi di formazione basati su tecnologie nuove);

- uso razionale dell'energia:
le azioni sono imperniate sul lato della domanda di energia e volte a ridurre il consumo energetico e ad incentivare la penetrazione di tecnologie innovative, efficienti e pulite nel mercato:
. uso razionale dell'energia negli edifici;
. uso razionale dell'energia nell'industria;
. industria energetica e pile di combustibile;
. uso razionale dell'energia nei trasporti;

- energia rinnovabile:
per rendere possibile e stimolare l'introduzione nel sistema energetico di energie rinnovabili che offrano vantaggi sostanziali sotto il profilo della protezione dell'ambiente, delle emissioni di, CO2 e di una sicurezza di approvvigionamento energetico a lungo termine sono sovvenzionate inoltre nuove iniziative volte a rafforzare l'integrazione socioeconomica delle energie rinnovabili:
. integrazione di energie rinnovabili;
. energia fotovoltaica solare;
. energie rinnovabili negli edifici;
. energia eolica;
. energia da biomassa e rifiuti;
. energia idroelettrica, energia geotermica, immagazzinameto dell'energia ed altre opzioni future;

- combustibili fossili:
le azioni sono volte a ridurre tutte le emissioni, aumentando l'efficienza di conversione ed utilizzo dei combustibili fossili e migliorando la vitalità economica dei sistemi di conversione energetica basata sui combustibili fossili:
. tecnologie pulite per i combustibili solidi;
. combustione generica;
. nuovi combustibili nei trasporti;
. idrocarburi;

- diffusione di tecnologie energetiche (soprattutto THERMIE):
quest'azione riguarda specificatamente la diffusione delle tecnologie energetiche, comptelando la terza attività del Quarto programma quadro.

Attuazione

La Commissione (DG XII) è responsabile dell'attuazione del componente di R&S del programma specifico nel settore dell'energia non nucleare, con l'assistenza di un comitato consultivo formato di rappresentanti degli Stati membri e presieduto da un rappresentante della Commissione.

Sono sovvenzionati progetti di R&S in compartecipazione finanziaria realizzati da consorzi che comprendono imprese, centri di ricerca ed università. Il livello del contributo finanziario della Comunità non supera normalmente il 50% dei costi del progetto.

Possono anche essere concesse sovvenzioni per azioni concertate e reti tematiche. Le azioni concertate sono volte a coordinare progetti di RST realizzati nell'ambito del presente programma e da altri organismi pubblici e privati. Il contributo comunitario può coprire fino al 100 % dei costi amministrativi e di rete.

Le reti tematiche sono destinate a raccogliere tutti gli attori principali coinvolti nello sviluppo di tecnologie energetiche particolari a scopi di formazione, di analisi e di sviluppo del mercato. Il contributo comunitario può raggiungere il 100 % dei costi supplementari accettabili.

E' compreso altresì un certo numero di misure preparatorie, di accompagnamento e supporto al fine di rendere più efficiente il programma migliorandone l'accessibilità per i potenziali partecipanti e rafforzandone l'impatto. Dette misure, che non sempre sono attuate sulla base di un bando di gara, includono:

- studi a sostegno del programma;
- convegni, seminari,, workshop o altre riunioni scientifiche o tecniche;
- ricorso ad esperti esterni;
- pubblicazioni scientifiche;
- attività di formazione;
- valutazione indipendente dell'amministrazione del programma e della realizzazione delle attività;

Infine sono state istituire misure di incentivazione a favore delle PMI per incoraggiare queste ultime a svolgere una funzione più ampia nello sviluppo e nell'utilizzo di energie. Sono disponibili due generi di azioni:
- premio di esplorazione per aiutare le PMI a preparare progetti di ricerca completi;
- ricerca in cooperazione, un tipo di progetto volto a promuovere la R&S a favore delle PMI che non dispongono di mezzi di R&S o i cui mezzi sono inadeguati.

Ulteriori dettagli relativi a tali premi esplorativi sono disponibili su questa base di dati, nel sommario delle misure di stimolo per le PMI (abbreviazione del programma =TPMI C).

I dettagli dei bandi di gara destinati ai progetti R&S e la versione integrale dei fascicoli informativi e dei programmi di lavoro possono essere ricavati dal sito Web ella biblioteca documentaria CORDIS.

Ulteriori informazioni dettagliate in materia di attuazione del programma specifico nel settore dell'energia non nucleare sono riportate nel sommario del programma JOULE-THERMIE.
Numero di registrazione: 626 / Ultimo aggiornamento: 2012-04-30