Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Azione comune istituente un programma di scambi, di formazione e di cooperazione destinato ai responsabili dell'azione volta a combattere la criminalità organizzata (Falcone), 1998-2002

Finanziamento del programma

EUR 10 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 99 del 1998-03-31

Riferimento legislativo

98/245/JHA del 1998-03-19
Istituzione di un programma di scambi, di formazione e di cooperazione negli Stati membri per l'attuazione di misure volte a combattere la criminalità organizzata.

Riassunto

Tale ordinamento, che istituisce il programma Falcone, fa seguito al piano d'azione, volto a combattere la criminalità organizzata, approvato nel giugno 1997 in occasione del Consiglio europeo di Amsterdam e alle conseguenti priorità fissate per la cooperazione nel settore della giustizia e degli affari interni (il 'terzo pilastro') e recepite dalla risoluzione del Consiglio del 18 dicembre 1997. L'ordinamento si rivolge a tutti coloro che sono attivamente coinvolti nella lotta alla criminalità organizzata e predispone un quadro di sostegno, fondato su un approccio multidisciplinare di vasta portata, che supporta le misure atte ad agevolare l'attuazione del piano d'azione. Esso è destinato a un livello europeo piuttosto che a quello dei singoli Stati membri, in modo da ridurre gli ostacoli che possano frapporsi a una cooperazione più accentuata.

Suddivisione

Si distinguono cinque categorie di azione:

- progetti di formazione e preparazione di moduli di insegnamento per accrescere la conoscenza di aspetti specifici dei regolamenti, della legislazione, delle procedure e delle prassi in uso relativamente alla lotta alla criminalità organizzata;

- progetti comuni di cooperazione tra Stati membri aventi lo scopo di migliorare le capacità e i metodi operativi adottati nella lotta alla criminalità organizzata, avvalendosi eventualmente del temporaneo sostegno di esperti;

- programmi di tirocinio di durata limitata con enti pubblici particolarmente impegnati nella lotta alla criminalità organizzata e organizzazione di riunioni e seminari dedicati a temi specifici;

- progetti aventi come scopo la diffusione e lo scambio di informazioni, che prevedano, tra l'altro, assistenza nella predisposizione di reti di punti di contatto e lo sviluppo di banche dati e di reti di dati riguardanti casi giudiziari e norme giuridiche al fine di intensificare le azioni e la cooperazione tra le istanze ministeriali e gli organismi coinvolti nella lotta alla criminalità organizzata;

- i progetti riguardano:

. . la ricerca volta alla definizione di criteri e di una metodologia comuni per migliorare l'identificazione del fenomeno, l'attuazione della ricerca scientifica, tecnica e comparata ed il suo conseguente coordinamento;
. il confronto e la valutazione degli strumenti di prevenzione, di applicazione coercitiva delle norme e dei procedimenti giudiziari allo scopo di identificare le possibilità di definizione di politiche comuni contro la criminalità organizzata;
. il confronto e la valutazione dei metodi utilizzati dalla polizia, dai funzionari doganali e dall'autorità giudiziaria nella lotta alla criminalità organizzata.

Attuazione

Il programma è stato istituito per il periodo 1998-2002.

La Commissione, assistita da un Comitato presieduto da un suo rappresentante e composto da un rappresentante per ciascuno Stato membro, è responsabile dell'attuazione delle misure esposte nel regolamento. Il Comitato reperirà alcuni esperti nella lotta alla criminalità organizzata i quali, coadiuvati dalla Commissione, redigeranno una bozza di programma annuale con proposte per determinare le misure di attuazione e le modalità di valutazione dei progetti. Gli esperti assisteranno inoltre la Commissione e il Comitato nel compiere un accurato esame delle candidature relative ai progetti.

Le candidature devono essere inoltrate alla Commissione laddove si richieda il finanziamento di progetti. Il sostegno finanziario a qualsivoglia progetto selezionato per il finanziamento non deve oltrepassare l'80% del costo del progetto medesimo.

I criteri adottati ai fini della selezione dei progetti comprendono, tra l'altro:

- il coinvolgimento di almeno due Stati membri;

- il coinvolgimento di organizzazioni pubbliche e private;

- la compatibilità con il piano d'azione volto a combattere la criminalità organizzata;

- il livello qualitativo e di preparazione dell'organizzazione candidata;

- la volontà di promuovere il conseguimento di risultati tali da rafforzare la cooperazione tra Stati membri;

I progetti possono inoltre coinvolgere responsabili nella lotta alla criminalità organizzata nei paesi candidati, con il fine di far loro acquisire una certa familiarità con le misure esistenti e di prepararli all'adesione, sebbene non rientri nei propositi del programma l'assistenza ai paesi dell'Europa centrale e orientale.
Numero di registrazione: 638 / Ultimo aggiornamento: 2000-06-16