Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma sulle misure di assistenza finanziaria per le piccole e medie imprese (PMI) innovative e che creano posti di lavoro - l'iniziativa per la crescita e l'occupazione, 1998-2000

Finanziamento del programma

EUR 450 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 155 del 1998-05-29

Riferimento legislativo

98/347/EC del 1998-05-19
Intesto a stimolare la creazione di posti di lavoro promuovendo e rafforzando la creazione e la crescita di PMI innovative, sostenendo i loro investimenti mediante una maggiore disponibilità di finanziamenti. Il programma sarà rivolto alle PMI con un potenziale di crescita e quindi di occupazione.

Riassunto

All'incontro del Consiglio d'Europa del giugno 1997, e nel contesto delle misure atte ad attenuare la disoccupazione, la Banca europea per gli investimenti (BEI) ed il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) furono invitati a sviluppare una struttura atta a fornire capitale di rischio per progetti di alta tecnologia di PMI. Il Consiglio ha riconosciuto il legame tra PMI, innovazione, tecnologia e nuovi posti di lavoro, nonché il ruolo del capitale di rischio nell'appoggiare la creazione di posti di lavoro.

In seguito alla sua approvazione al Summit europeo sull'occupazione, svoltosi a Lussemburgo il 20 ed il 21 novembre 1997, per l'iniziativa crescita e occupazione sono stati stanziati 450 milioni di ECU per il triennio (1998-2000). Di tale cifra, 30 milioni di ECU sono destinati ad azioni e a progetti innovativi sul mercato del lavoro nel 1998. Nell'ambito del programma, gli strumenti finanziari a sostegno dell'iniziativa e le iniziative di creazione di posti di lavoro rafforzano la struttura europea per la tecnologia (SET) finanziata dalla BEI e amministrata dal FEI, aprendo una 'finestra per il capitale di rischio'. Essi sostengono joint venture transnazionali tra PMI situate sul territorio dell'Unione europea e istituiscono, nell'ambito del FEI, uno speciale fondo di garanzia atto a facilitare l'assunzione di rischi da parte di istituti, fornendo il finanziamento alle piccole e medie imprese.

L'evoluzione del programma fa seguito ed integra il terzo programma pluriennale per le piccole e medie imprese (PMI) nell'Unione europea, 1997-2000 (SMEAP 3C) ed il programma per la diffusione e l'ottimizzazione di risultati e delle attività nel settore della ricerca e dello sviluppo tecnologico, compresa la dimostrazione, 1994-1998 (INNOVATION).

Suddivisione

Il programma si compone di tre strumenti complementari:

- strumento di avvio delle SET:

un programma di capitale di rischio gestito dal Fondo europeo per gli investimenti (FEI) che fornisce una partecipazione di capitale di rischio alle PMI, principalmente nelle prime fasi e/o alle PMI innovative, mediante investimenti in fondi di capitale di rischio specializzati. Può anche stimolare investimenti in fondi che operano nelle regioni o in settori tecnologici specifici. Rafforza lo strumento europeo per la tecnologia, istituito dalla BEI in collaborazione con il FEI, adottando una politica di investimento che coinvolge un profilo di rischio più alto, sia per quanto riguarda i fondi intermediari sia le loro politiche di investimento.

- joint venture europee:

un programma per contributi finanziari a sostegno della creazione di joint venture transnazionali da parte di PMI nell'ambito della Comunità. Il contributo comunitario è inteso a coprire una parte delle spese sostenute nell'ideazione e nell'istituzione di joint venture transnazionali. Si basa sull'iniziativa limitata, lanciata nell'ambito del terzo programma pluriennale per le PMI, approvando un meccanismo di sostegno per la creazione di joint venture transnazionali, per PMI nella Comunità.

- Strumento di garanzia per le PMI:

un programma di garanzia gestito dal FEI, dove la Comunità fornisce fondi per coprire i costi delle garanzie e delle controgaranzie emesse dal FEI, al fine di promuovere un aumento dei prestiti alle PMI, accrescendo la capacità dei programmi di garanzia operanti negli Stati membri, nel settore pubblico e privato. Può anche sostenere strumenti di condivisione dei rischi delle PMI che la BEI (o altri istituti appropriati) possono rendere disponibili.

Attuazione

Le fasi iniziali del programma saranno messe in atto nel periodo 1998-2000.

Gli elementi principali della messa in atto di ciascuna delle tre strutture sono i seguenti:

- strumento di avvio della SET:

. operato dal FEI su base fiduciaria. Gli obiettivi saranno fondi di minori dimensioni o di nuova istituzione, che coprono regioni specifiche o si incentrano su specifici settori industriali o tecnologie, oppure fondi per capitali di rischio legati ai centri di ricerca e ai poli di ricerca applicata;

. Gli intermediari saranno selezionati conformemente alla migliore prassi commerciale e di mercato, in modo corretto e trasparente;

. L'investimento massimo globale ammonterà al 25% del capitale netto complessivo tenuto dal relativo fondo, oppure fino al 50% massimo in casi eccezionali (quali nuovi fondi considerati avere un probabile effetto catalitico particolare nello sviluppo di mercati di capitale di rischio, per una tecnologia specifica o in una regione specifica). Nessun impegno per un singolo fondo di capitale di rischio sarà superiore a 10 milioni di ECU;

. La SET, per i fondi di capitale di rischio, assumerà condizioni tra i 5 e i 12 anni. Nessuna forma di investimento supererà i 16 anni;

. Nel corso dei primi 4 anni di attuazione del programma, possono essere effettuati dei reinvestimenti. In alcune circostanze, il periodo di reinvestimento può essere esteso fino a 3 anni;

. I fondi budgetari a sostegno del programma saranno tenuti in un conto fiduciario separato, fruttifero e gli interessi maturati saranno aggiunti alle risorse dello strumento;

. La regolarità dei pagamenti sarà verificata dalla Corte dei sindaci della Comunità europea.

- Joint venture europee:

. Accessibile alle PMI tramite intermediari, che possono essere banche o altri istituti finanziari. Saranno selezionati sulla base di un invito a presentare manifestazioni di interesse, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale delle Comunità europee. L'idoneità sarà verificata dalla Commissione, alla luce degli obiettivi del programma;

. Le PMI sottoporranno domande per ottenere contributi finanziari mediante gli intermediari, che saranno responsabili della valutazione delle domande e, se necessario, le inoltreranno alla Commissione;

. I progetti saranno finanziati per un ammontare massimo di 100.000 ECU per ciascuno, elargiti alla PMI tramite l'intermediario finanziario. I pagamenti avverranno in due tranche:

i pagamenti della prima tranche, ammontante fino a 50.000 ECU per coprire il 50% delle spese idonee sostenute per concepire e preparare il progetto, saranno elargiti in due rate. Un anticipo rimborsabile pari al 50% (massimo 25.000 ECU) pagato non appena la domanda è stata accettata dalla Commissione, ed un secondo pagamento del 50% (massimo 25.000 ECU) fatto dietro presentazione di documenti relativi alle spese affrontate e di una valutazione dettagliata del progetto. Ad accettazione avvenuta, l'anticipo rimborsabile sarà convertito in contributo;

i pagamenti della seconda tranche, che coprono fino al 10% dell'investimento, saranno elargiti dopo che la Commissione avrà ricevuto prove soddisfacenti sull'avvenuto investimento e sull'avvio dell'attività. Ciascuna PMI che riceverà i pagamenti della seconda tranche, sarà obbligata a continuare ad inviare alla Commissione informazioni relative alle attività della joint venture istituita e al numero di posti di lavoro creati, per cinque anni.

. Il programma sarà gestito esternamente da contraenti selezionati sulla base di un invito a presentare manifestazioni di interesse;

. le joint venture devono creare attività economiche e comportare investimenti, nonché la creazione di posti di lavoro in seno alla Comunità. I partner devono sostenere un ruolo attivo nella joint venture ed assumere un ruolo attivo (sebbene joint venture in cui un partner possiede più del 75%, non sono considerate idonee). Ciascuna nuova joint venture deve essere costituita da almeno due PMI, di due diversi Stati membri;

. saranno prese delle misure atte a consentire alla Corte dei sindaci della Comunità europea o alla Commissione di accedere a dichiarazioni per pagamenti, nonché ai pagamenti stessi.

- Strumento di garanzia per le PMI:

. operato dal FEI su una base fiduciaria;

. la dotazione coprirà il costo complessivo dello strumento, comprese le perdite di garanzia del FEI e ogni altra spesa o altro costo idonei allo strumento. Il costo dello strumento (alla Comunità) sarà coperto in modo tale da non superare le imputazioni budgetarie fatte dal FEI;

. gli intermediari saranno sistemi di avallo operanti negli Stati membri nel settore pubblico o privato. Essi saranno selezionati utilizzando la migliore prassi commerciale e di mercato;

. Per l'idoneità al prestito, delle PMI, saranno determinati criteri finanziari individuali per ciascun intermediario, nel quadro delle garanzie esistenti; la priorità sarà data alle piccole imprese aventi fino a 100 dipendenti. Sarà dedicata particolare attenzione a prestiti per finanziare attività immateriali;

. Le garanzie concesse dal FEI, saranno relative a prestiti individuali in uno specifico portafoglio prestiti. Le garanzie emesse dal FEI copriranno una parte del rischio di credito intrinseco nel portafoglio prestiti alla base, con il rischio condiviso con l'intermediario finanziario interessato;

. I fondi budgetari a sostegno del programma saranno tenuti in un conto fiduciario nel FEI, fruttifero e gli interessi maturati saranno aggiunti alle risorse dello strumento. Il FEI si riserva il diritto di addebitare sul conto fiduciario i pagamenti, per andare incontro alle proprie obbligazioni;

. le garanzie individuali delle PMI matureranno, di norma, dopo 5 o 10 anni;

. La regolarità dei pagamenti sarà verificata dalla Corte dei sindaci della Comunità europea.

La Commissione presenterà annualmente al Parlamento europeo e al Consiglio, una relazione in merito all'attuazione del programma e ai diversi schemi sottostanti.
Numero di registrazione: 651 / Ultimo aggiornamento: 2001-06-28