Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

ET-SOCRATES 1

Finanziamento del programma

EUR 1 850 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 28 del 2000-02-03

Riferimento legislativo

2000/253/EC del 2000-01-24
Contribuire allo sviluppo di un'istruzione di qualità; rafforzare la dimensione europea dell'istruzione a tutti i livelli; promuovere la cooperazione nel settore dell'istruzione; aiutare ad eliminare gli ostacoli alla cooperazione; incoraggiare le innovazioni connesse con le nuove tecnologie.

Riassunto

La prosecuzione del programma Socrates fa parte di una serie di misure che attuano la nuova generazione di programmi nel campo dell'istruzione (SOCRATES), della formazione (LEONARDO DA VINCI) e della gioventù. Il periodo di attuazione di tutti i programmi inizia il 1° gennaio 2000 e si conclude il 31 dicembre 2006.

Lo stanziamento complessivo di bilancio per questi programmi ammonta a 3.520 milioni di euro: di questa somma, 1.850 milioni sono destinati alla seconda fase del programma SOCRATES, 1.150 milioni andranno alla seconda fase del programma LEONARDO DA VINCI e 520 milioni all'attuazione del piano d'azione comunitaria "Gioventù".

Le decisioni in merito richiedono un'effettiva riformulazione degli attuali programmi e la concentrazione degli interventi comunitari verso un limitato numero di obiettivi, nonché la semplificazione delle procedure. Seguendo gli orientamenti della comunicazione "Verso un'Europa della conoscenza" e le raccomandazioni formulate nell'Agenda 2000, il fulcro della proposta è rappresentato dall'esigenza di garantire opportunità lungo tutto l'arco della vita per ogni cittadino europeo.

Suddivisione

Il programma è composto da otto azioni:

- insegnamento scolastico (Comenius):

rafforzare la dimensione europea dell'istruzione scolastica, incoraggiare la collaborazione transnazionale e promuovere l'apprendimento delle lingue, mediante:

. partenariati scolastici: la creazione di partenariati multilaterali tra scuole per mezzo di strumenti multimediali, in particolare quelli che interessano gli istituti per la formazione degli insegnanti, gli enti locali, le aziende ed i genitori;
. personale preposto all'istruzione scolastica, contribuendo all'evoluzione della carriera del personale implicato nel settore dell'istruzione scolastica, mediante progetti multilaterali di istituti ed organismi che provvedono alla formazione degli insegnanti, anche con l'impiego di strutture multimediali;

- insegnamento superiore (Erasmus):

rafforzare la dimensione europea dell'istruzione superiore a tutti i livelli ed incoraggiare la cooperazione transnazionale tra le università, mediante:

. cooperazione interuniversitaria europea che deve, laddove possibile, impiegare le strutture offerte dai multimedia. Le università partecipanti stipulano un "contratto istituzionale" con la Commissione;
. mobilità degli studenti e dei docenti universitari tra Stati membri, organizzata nel quadro dei "contratti istituzionali";

- istruzione per adulti e nuovi percorsi educativi (Grundtvig):

cercare di incoraggiare l'apprendimento lungo tutto l'arco della vita, in particolare proponendo percorsi educativi alternativi ai cittadini che desiderano acquisire nuove conoscenze. Questa azione completa le precedenti (insegnamento scolastico e superiore) e si rivolge ai giovani che hanno lasciato la scuola senza possedere una sufficiente formazione di base; essa può comportare:

. nuovi approcci educativi, che mirano ad incoraggiare iniziative volte all'elaborazione di metodi d'insegnamento più flessibili e meno formali;
. istruzione per gli adulti, allo scopo di migliorare la qualità dell'istruzione a disposizione dei discenti di età adulta, in particolare rafforzando la collaborazione tra i vari organismi che operano nel settore e rafforzando la dimensione europea dell'istruzione degli adulti;

- insegnamento e apprendimento delle lingue (Lingua):

consente alla Commissione, in partenariato con gli Stati membri, di garantire il coordinamento ed il consolidamento di misure connesse con l'apprendimento delle lingue, allo scopo di promuovere e conservare la diversità linguistica all'interno della Comunità, contribuendo a migliorare la qualità dell'insegnamento e dell'apprendimento delle lingue e promuovendo un agevole accesso ad opportunità di apprendimento lungo tutto l'arco della vita commisurate con le esigenze individuali;

- insegnamento aperto e a distanza e tecnologie dell'informazione e della comunicazione nel settore dell'istruzione (Minerva):

garantire il coordinamento ed il consolidamento delle misure connesse con l'insegnamento aperto e a distanza e con l'impiego delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione nel settore dell'istruzione;

- osservazione e innovazione:

. contribuire alla trasparenza dei sistemi d'insegnamento in Europa, mediante lo scambio di informazioni ed esperienze che trasformino le specificità dei sistemi nazionali in una fonte di qualità dell'istruzione europea;
. nuove iniziative innovative, tra le quali il sostegno ai progetti transnazionali volti allo sviluppo di innovazioni in uno o più settori specifici dell'istruzione;

- azioni comuni:

. sostegno comunitario in favore di azioni comuni nell'ambito della politica della conoscenza, in particolare la formazione professionale ed i programmi per la gioventù a livello comunitario intesi ad ampliare l'accesso alla conoscenza. Il coordinamento tra i vari programmi può essere ottenuto mediante inviti comuni a presentare proposte. La Commissione elaborerà disposizioni comuni in materia d'informazione ed osservazione delle buone prassi nel settore della conoscenza, nonché azioni congiunte in materia di multimedia per l'insegnamento e la formazione;

- misure d'accompagnamento:

. può essere concessa assistenza finanziaria a favore di iniziative tese a promuovere gli obiettivi del programma, purché esse non possiedano i requisiti di ammissibilità per beneficiare di assistenza nell'ambito di altre azioni.

Le azioni saranno realizzate mediante le seguenti misure, sotto forma di operazioni che possono essere combinate fra di esse:

-sostegno alla mobilità delle persone nel settore educativo in Europa;
- promozione della mobilità virtuale nel contesto dell'istruzione, in particolare promuovendo l'accesso ai multimedia educativi;
- sostegno allo sviluppo di reti di cooperazione a livello europeo che consentano lo scambio reciproco di esperienze e buone prassi;
-promozione delle competenze linguistiche e della comprensione delle diverse culture;
- sostegno ai progetti pilota innovativi basati su partenariati transnazionali intesi ad incrementare l'innovazione e la qualità nel settore dell'istruzione, allo scopo di creare prodotti educativi e strumenti per il riconoscimento delle competenze oppure di saggiare ogni nuovo approccio;
- costante miglioramento dei parametri europei, mediante il sostegno alla diffusione delle buone prassi e l'osservazione e la divulgazione dell'innovazione.

Attuazione

La Commissione, unitamente agli Stati membri, garantirà la realizzazione delle azioni rientranti nel programma e l'impiego proficuo dei risultati della prima fase del programma Socrates. Gli Stati membri saranno responsabili dell'organizzazione del coordinamento e della sorveglianza necessari per conseguire gli obiettivi del programma, conformemente alle prassi nazionali. A tal fine, essi istituiranno una struttura per la gestione integrata, destinata all'attuazione del programma, e ciò offrirà, tra l'altro, un'informazione ed una pubblicità efficaci in merito al programma.

Le misure previste dal programma saranno realizzate come azioni comuni, unitamente ad altre azioni comunitarie che fanno parte della politica della conoscenza, in particolare i programmi comunitari nel settore dell'istruzione e le questioni correlate con la gioventù.

La Commissione sarà assistita da un comitato composto da rappresentanti degli Stati membri e presieduto da un rappresentante della Commissione. Il comitato sarà assistito da due sottocomitati competenti in materia di istruzione scolastica e di istruzione superiore, composti da rappresentanti degli Stati membri. Il comitato svolgerà un ruolo fondamentale nella valutazione degli accordi necessari per l'attuazione del programma, dei criteri applicabili per la definizione della ripartizione, nell'ambito delle misure decentrate, degli stanziamenti tra gli Stati membri e degli accordi in merito alla valutazione del programma. Nell'esecuzione del programma la Commissione potrà ricorrere a organizzazioni per la prestazione di assistenza tecnica.

Il programma si rivolge a: tutti gli allievi, studenti od altri discenti; personale del settore dell'istruzione; tutti i tipi di istituti d'istruzione; infine, responsabili, a livello locale, regionale e nazionale, dei sistemi e delle politiche d'istruzione degli Stati membri, nonché organismi pubblici o privati che collaborano con gli istituti d'istruzione.

La partecipazione è aperta ai paesi dell'Europa centrale e orientale (PECO), a Cipro e Malta, ai paesi dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA) e alla Turchia, subordinatamente agli accordi, esistenti o previsti, che stabiliscono la loro partecipazione ai programmi comunitari.

Il programma disporrà di due procedure di selezione:

-procedura di selezione decentrata: la struttura di gestione dello Stato membro seleziona i progetti e destina l'assistenza finanziaria conformemente agli orientamenti in materia;

- procedura di selezione centralizzata: le domande di assistenza finanziaria sono sottoposte alla Commissione, la quale le trasmette alla struttura di gestione dello Stato membro. Le decisioni riguardanti l'assistenza finanziaria destinata ai progetti sono prese dalla Commissione dopo aver ricevuto il parere del comitato.

La Commissione e gli Stati membri effettueranno un monitoraggio continuo del programma. Gli Stati membri sottoporranno alla Commissione entro il 31 dicembre 2003 ed il 30 giugno 2007, rispettivamente, una relazione sull'attuazione del programma ed una sul suo impatto.

La Commissione presenterà al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale ed al Comitato delle regioni una relazione intermedia di valutazione in merito all'attuazione del programma entro il 30 giugno 2004, una comunicazione sulla prosecuzione del programma entro il 31 dicembre 2006 ed una relazione finale entro il 31 dicembre 2007.
Numero di registrazione: 660 / Ultimo aggiornamento: 2000-11-14