Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

REG-LEADER 2

Finanziamento del programma

EUR 2 020 million
LEADER+ mira a promuovere l'elaborazione e l'attuazione di strategie innovative di sviluppo per le zone rurali mediante la realizzazione di partenariati attivi che operano a livello locale.

Riassunto

Il 21 giugno 1999 il Consiglio ha adottato un pacchetto di nuovi regolamenti sui Fondi strutturali, noto come Agenda 2000, per il periodo di programmazione 2000-2006. Il nuovo regolamento si fonda sulla concentrazione delle azioni strutturali su tre priorità e sulla riduzione del numero delle iniziative comunitarie da 13 a 4.
Le nuove iniziative previste dall'Agenda 2000 sono le seguenti:

_INTERREG, che mira a favorire la cooperazione transfrontaliera, transnazionale ed interregionale;
_LEADER, che promuove lo sviluppo rurale mediante le iniziative di gruppi di azione locale;
_EQUAL, che prevede lo sviluppo di nuove strumenti di lotta contro tutte le forme di discriminazione e le ineguaglianze nell'accesso al mercato del lavoro;
_URBAN, che stimola la rivitalizzazione economica e sociale dei centri urbani, delle città e delle zone adiacenti in crisi.
LEADER+ è una delle quattro iniziative comunitarie attuate nel quadro dei Fondi strutturali per il periodo 2000-2006. Alle quattro iniziative sarà destinato uno stanziamento pari al 5,35 per cento delle risorse dei Fondi strutturali per il periodo 2000-2006. Per tale periodo è previsto complessivamente un contributo comunitario di 2.020 milioni di euro, finanziati dalla sezione FEAOG-Orientamento.

LEADER+, piuttosto che una semplice continuazione dell'attuale iniziativa LEADER II, sarà un'iniziativa più ambiziosa volta a promuovere l'attuazione di strategie integrate di alto profilo, ai fini dello sviluppo delle zone rurali. L'iniziativa darà particolare risalto alla cooperazione e alla costituzione di reti tra zone rurali.

Suddivisione

LEADER+ comprende tre sezioni:

_ sezione 1: sostegno a strategie di sviluppo rurale a carattere integrato ed innovativo. Tali strategie si fondano su un partenariato tra gli operatori a livello locale e su un approccio "ascendente" che privilegi le iniziative proposte dagli operatori locali;
_ sezione 2: sostegno a forme di cooperazione interregionale e transnazionale;
_ sezione 3: creazione di reti tra tutte le zone rurali dell'UE, beneficiarie o meno di LEADER+, e tra tutti gli operatori dello sviluppo rurale.

Tutte le zone rurali dell'Unione europea possono partecipare all'iniziativa. Tuttavia beneficerà del contributo finanziario a titolo delle sezioni 1 e 2 un numero ristretto di territori.
Beneficiari del contributo LEADER+ sono i "Gruppi di azione locale". Tali gruppi sono costituiti da partner dei vari ambienti socioeconomici della regione interessata.
La valutazione ex ante è di competenza delle autorità che elaborano il programma relativo all'iniziativa LEADER+ e viene eseguita da esperti indipendenti secondo procedimenti riconosciuti. L'indipendenza implica che tali esperti non debbano essere direttamente coinvolti nell'ideazione, nell'attuazione, nella gestione o nel finanziamento del programma. Le istituzioni pubbliche non sono escluse, se rispondono ai criteri di indipendenza e competenza, ad esempio se ricorrono a tecniche aggiornate.

Attuazione

La valutazione di LEADER+ comprende vari livelli di attuazione e di definizione degli obiettivi.

A livello europeo, va tenuto conto di una serie di obiettivi generali e specifici nell'attuazione del programma; la valutazione ex ante deve comprendere il modo in cui tali obiettivi sono stati considerati nell'elaborazione del programma.
A livello nazionale/regionale, per ognuno dei programmi devono essere definiti gli obiettivi specifici volti all'attuazione di LEADER+. Questi obiettivi che sono specifici dei programmi presentati nell'ambito dell'iniziativa e che sono diretti a rispondere ai problemi particolari del territorio in causa, sono diversi dagli obiettivi dell'iniziativa comunitaria, pur essendo ad essi complementari.
Infine gli obiettivi definiti a livello dei "Gruppi di azione locale" dovrebbero corrispondere agli obiettivi fissati per i due livelli di cui sopra. Tuttavia, come stato già detto nei criteri di selezione, questi obiettivi fanno parte della valutazione ex-ante.
Numero di registrazione: 673 / Ultimo aggiornamento: 2000-11-23