Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

OTH-MEDIA 2

Finanziamento del programma

EUR 50 million
Tale programma intende attribuire agli operatori dell'industria audiovisiva le competenze necessarie affinché possano valersi pienamente della dimensione europea e internazionale del mercato e dell'utilizzazione delle nuove tecnologie, mediante il miglioramento della formazione professionale di tali operatori e l'incoraggiamento alla cooperazione ed allo scambio di know-how attraverso la creazione di reti.

Riassunto

A causa della sua frammentazione, l'industria europea dei contenuti audiovisivi non è ancora del tutto capace di resistere alla sempre maggiore concorrenza a livello mondiale. Il programma MEDIA, relativo al periodo 2001-2005, ha l'obiettivo di creare condizioni ottimali basate su una strategia coerente e su obiettivi chiari, allo scopo di superare tali difficoltà e consentire agli operatori europei di posizionarsi nel miglior modo possibile in tali nuovi mercati, valorizzando nel contempo la diversità culturale europea.
Il settore delle industrie della società dell'informazione, compresa l'industria dei contenuti audiovisivi, si è rivelato uno dei più dinamici nell'economia dell'Unione europea. Nel 1995 e nel 1997 l'industria audiovisiva ha dato lavoro rispettivamente a 950.000 ed a 1.030.000 persone nell'Unione europea. Si prevede che entro il 2005 il reddito prodotto da tale mercato aumenterà del 70 % e ciò potrebbe portare alla creazione, in quel periodo, di oltre 300.000 posti di lavoro altamente qualificati. In considerazione di tale nuovo ambiente, dei risultati della valutazione del programma MEDIA 2 e delle consultazioni intraprese dalla Commissione, si rivela necessario un incremento delle risorse a disposizione del programma.

Il programma MEDIA (2001-2005) dispone di stanziamenti pari a 400 milioni di euro. Una parte di tale programma riguarda la formazione continua per i professionisti dell'audiovisivo (MEDIA-TRAINING) e ad essa sono destinati 50 milioni di euro, mentre l'altra parte si occupa dello sviluppo, della distribuzione e della promozione e riceverà 350 milioni di euro (MEDIA +). Lo stanziamento complessivo per MEDIA 2 (1996-2000) era stato di 310 milioni di euro.
Il programma MEDIA-TRAINING mira ad incoraggiare l'attuazione di iniziative di formazione paneuropee in grado di consentire agli operatori dell'industria audiovisiva di aumentare la loro competenza e la loro competitività sul mercato internazionale. Esso si fonda sulla stretta collaborazione e sullo scambio di know-how tra i diversi partner operanti nel campo della formazione: scuole di cinematografia e televisione, università, centri di formazione specialistica, società di produzione e distribuzione.

Suddivisione

Settori oggetto del programma:

_ applicazione delle nuove tecnologie, in particolare di quelle digitali, alla produzione di programmi audiovisivi con elevato valore aggiunto commerciale ed artistico;
_ gestione economica, finanziaria e commerciale, compresi il quadro normativo e le modalità di finanziamento, produzione e distribuzione dei programmi audiovisivi;
_ tecniche di scrittura delle sceneggiature.

Dovranno essere messe in atto le seguenti azioni prioritarie:
_ promuovere l'utilizzo delle nuove tecnologie nell'organizzazione e nello svolgimento dei corsi di formazione per consentire la formazione a distanza;
_ mettere l'accento sulla formazione nell'ambito della distribuzione, della promozione e del marketing delle opere audiovisive europee;
_ sviluppare i programmi di formazione volti a promuovere diversi profili professionali nel settore dei multimedia (sceneggiatori, infografici, sviluppatori di programmi Internet e gestori di siti web);
_ assicurare la cooperazione e lo scambio di know-how internazionale tra i diversi soggetti;
_ promuovere i tirocini.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma ed è assistita da un comitato consultivo composto da rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione.
A tal fine essa può ricorrere a consulenti e ad uffici di assistenza tecnica che dovranno essere selezionati, in seguito a gara d'appalto, in base all'esperienza da essi posseduta nel settore. L'assistenza tecnica sarà finanziata mediante le risorse del programma.
Allo scopo di raggiungere un livello massimo di coordinamento, la Commissione garantisce che vi sia collaborazione tra le attività di formazione ed i progetti di sviluppo sostenuti nel quadro del programma MEDIA +. In tale contesto le informazioni in merito ai meccanismi di sostegno offerti dal programma saranno fornite agli operatori che prendono parte alle attività di formazione continua.

Il programma è aperto alla partecipazione dei paesi associati dell'Europa centrale e orientale nonché a Cipro, Malta, alla Turchia ed agli Stati EFTA membri dell'accordo SEE. Il programma è inoltre aperto alla partecipazione dei paesi che sono parti della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla televisione transfrontaliera. L'apertura del programma ai paesi terzi europei è soggetta ad un esame preliminare della compatibilità della loro legislazione nazionale con l'acquis comunitario. Il programma è altresì aperto alla cooperazione con altri paesi terzi sulla base di stanziamenti supplementari e modalità specifiche da convenire negli accordi con le parti interessate. % LNel corso dell'attuazione del programma la Commissione lavora in stretta collaborazione con gli Stati membri e consulta altresì i partner interessati, garantendo che la partecipazione dei professionisti al programma rifletta la diversità culturale europea. Essa incoraggia la collaborazione degli istituti di formazione, del settore professionale e delle imprese con gli ideatori di moduli nell'ambito delle loro attività. Essa facilita l'accoglienza dei tirocinanti, in particolare di quelli provenienti da paesi e regioni con scarsa capacità di produzione e/o con un'area linguistica o geografica limitata.
La Commissione redigerà due rapporti di valutazione che dovranno essere presentati al Parlamento europeo, al Consiglio ed al Comitato economico e sociale:

_ un rapporto intermedio, redatto due anni dopo l'avvio del programma, che cercherà di fornire una valutazione iniziale dei risultati conseguiti, allo scopo di effettuare eventuali cambiamenti e adattamenti nella seconda parte del programma;
_ un rapporto conclusivo al termine del programma.
Numero di registrazione: 680 / Ultimo aggiornamento: 2001-02-01