Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Programma specifico 2002-2006 di ricerca e formazione, che deve essere svolto dal Centro comune di ricerca attraverso azioni dirette per la Comunità europea dell'energia atomica.
FP6

FP6-EURATOM-JRC - Programma specifico 2002-2006 di ricerca e formazione, che deve essere svolto dal Centro comune di ricerca attraverso azioni dirette per la Comunità europea dell'energia atomica.

Programma quadro

FP6-EURATOM

Programma precedente

FP5-EAECJRC C

Programma successivo

FP7-EURATOM-JRC

Finanziamento del programma

EUR 290 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L294/ del 2002-10-29

Riferimento legislativo

2002/838/Euratom del 2002-09-30
Le attività del CCR nel settore nucleare tendono a sostenere le relative politiche comunitarie e gli obblighi specifici conferiti dal trattato alla Commissione.

Riassunto

Il Centro comune di ricerca (CCR) svolge la sua missione per fornire un supporto tecnico e scientifico personalizzato per quanto riguarda concezione, sviluppo, attuazione e controllo delle politiche UE. Agisce nell'interesse comune degli Stati membri, essendo libero da interessi particolari, privati o nazionali.

Il 6° Programma quadro 2002-2006 (PQ6) contiene un programma specifico per le azioni che devono essere svolte dal CCR. Il contributo del CCR al PQ6 integra ad un tempo le raccomandazioni formulate nell'ambito delle recenti valutazioni del CCR e gli obblighi derivanti dalla riforma della Commissione.
Esso prevede in particolare:
- Un più spiccato orientamento agli utenti.
- Attività di interconnessione per creare una vasta base di conoscenze e, nello spirito dello Spazio europeo della ricerca (SER), mettere in più stretto rapporto i laboratori, l'industria e le autorità di regolamentazione degli Stati membri per quanto riguarda il supporto scientifico e tecnologico (S&T) fornito alle politiche dell'UE.
- La concentrazione delle attività su alcuni temi prescelti, fra cui la formazione dei ricercatori per mantenere la perizia nel settore nucleare dell'UE e negli Stati membri associati.

Il coordinamento sarà garantito con le azioni indirette di cui al programma specifico Euratom.

Nei suoi settori di competenza, il CCR punterà a creare sinergie con le priorità tematiche previste da altri programmi specifici. Questo sarà realizzato soprattutto attraverso la partecipazione ad azioni indirette onde apportare un eventuale valore aggiunto (ad es. tramite la comparazione e la convalida di test e metodi o l'integrazione dei risultati per il processo di concezione politica).
Maggiori informazioni sul 6° programma quadro sono disponibili sul sito Internet CORDIS FP6 al seguente indirizzo:
http://www.cordis.lu/fp6/

Suddivisione

L'obiettivo principale sarà sviluppare ulteriormente la collaborazione attraverso un networking che porti ad un ampio consenso su una serie di questioni di questo tipo a livello europeo e mondiale. L'applicazione dei controlli di sicurezza da parte dell'ufficio omonimo di Euratom (Euratom Safeguards Office - ESO) e dell'IAEA richiede un supporto R&S e un'assistenza diretta. Sarà rivolta un'attenzione particolare alla cooperazione con i futuri Stati membri dell'Unione europea. Le attività di formazione saranno una componente importante per il CCR al fine di dotare l'Unione europea di una futura generazione di scienziati con le competenze e le conoscenze specialistiche necessarie in campo nucleare. I principali settori di ricerca saranno pertanto i seguenti:
- gestione dei residui radioattivi e controllo di sicurezza delle materie nucleari;
- sicurezza dei diversi tipi di reattore, controllo e metrologia nel settore delle radiazioni ionizzanti.
%Gestione dei residui radioattivi e controlli di sicurezza delle materie nucleari

_ Trattamento e stoccaggio del combustibile esaurito e dei residui ad alta attività.
- Gestione dei residui radioattivi e controlli di sicurezza delle materie nucleari;
- lavori sui processi fondamentali che determinano il comportamento del combustibile irradiato;
- Test e valutazione per migliorare ulteriormente la separazione (partitioning) degli elementi radiotossici presenti nel combustibile esaurito;


_ Controlli di sicurezza nucleare e non proliferazione.

- Supporto diretto alle ispezioni (ESO e IAEA) e agli esercenti e ricerche per far fronte ad esigenze future;

- Sviluppo del monitoraggio dell'ambiente, monitoraggio via satellite e sistemi innovativi di gestione dei dati e dell'informazione;
- Trasferimento dell'"acquis communautaire" tecnologico nel campo dei controlli di sicurezza nei paesi candidati;



sicurezza dei diversi tipi di reattore, controllo delle radiazioni ionizzanti e metrologia

_ Sicurezza dei diversi tipi di reattore
- Sostenere le autorità per la sicurezza e gli esercenti di centrali nucleari istituendo reti in materia di invecchiamento, rilevamento dei danni, ispezioni in servizio e valutazione dell'integrità strutturale;


- Sviluppo di una cultura comune di sicurezza nei paesi dell'Europa centrale e orientale è un altro campo di attività del CCR, in particolare a livello di misure di sicurezza operativa, potenziamento delle centrali, integrità strutturale, prevenzione e gestione degli incidenti.;
- Interazioni meccaniche e chimiche all'interfaccia combustibile/rivestimento e sul comportamento del combustibile a elevato tasso di irraggiamento;
- Analisi e valutazione di diversi elementi di sicurezza dei sistemi di produzione di energia di vario tipo, attualmente allo studio in diversi.

_ Controllo delle radiazioni ionizzanti e metrologia
- Ricerca sui mezzi per proteggere le persone e l'ambiente dagli effetti delle radiazioni ionizzanti;
- Sicurezza nucleare e controlli di sicurezza, controllo delle radiazioni ionizzanti previsto dal trattato e della misurazione delle radiazioni ionizzanti di bassissimo livello;
-

Attuazione

Questo programma viene attuato per il periodo 2002-2006. La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma specifico.
% Per l'attuazione del programma specifico la Commissione elabora un programma di lavoro, che descrive in modo particolareggiato gli obiettivi e le priorità tecnico-scientifiche, e stabilisce il calendario e le modalità di attuazione. Il programma di lavoro tiene conto delle pertinenti attività di ricerca svolte dagli Stati membri, dagli Stati associati e dalle organizzazioni europee e internazionali. Esso è aggiornato in funzione delle necessità.

La Commissione riferisce periodicamente circa l'andamento generale dell'attuazione del programma specifico. In particolare, valuta se gli obiettivi, le priorità e le risorse finanziarie sono ancora adeguati all'evoluzione della situazione. All'occorrenza presenta proposte per adeguare o integrare il programma specifico 2002-2006.

La Commissione elabora un rapporto annuale sulle attività del Centro comune di ricerca. Questi rapporti vengono trasmessi al Parlamento europeo, al Consiglio e al Comitato economico e sociale.


Il programma dovrebbe essere attuato secondo criteri di flessibilità, efficienza e trasparenza, nel rispetto delle esigenze degli utilizzatori del CCR, delle politiche comunitarie, e degli interessi finanziari della Comunità. Le attività di ricerca svolte nell'ambito del programma dovrebbero essere eventualmente adattate in funzione di queste esigenze e degli sviluppi scientifici e tecnologici.

Il CCR deve attuare le attività di ricerca e formazione tramite azioni dirette, in particolare i compiti affidati alla Commissione dal trattato. La Commissione deve portare avanti i compiti che le sono stati assegnati nel campo della fissione nucleare, avvalendosi della competenza tecnica del CCR. Nello svolgimento delle sue attività, e se opportuno e fattibile, il CCR parteciperà a od organizzerà reti di laboratori pubblici e privati presso gli Stati membri o presso i consorzi di ricerca europea a supporto del processo decisionale europeo. Particolare attenzione sarà dedicata alla cooperazione con l'industria, soprattutto le piccole e medie imprese.

Anche gli enti di ricerca stabiliti in paesi terzi potranno collaborare ai progetti fra la Comunità e i paesi terzi in questione. Sarà dedicata particolare attenzione alla cooperazione con i laboratori e gli istituti di ricerca dei paesi candidati all'adesione, dei paesi dell'Europa centrale e orientale e dell'ex Unione Sovietica.

Tra le misure di accompagnamento deve essere prevista:
- l'organizzazione di visite del personale del CCR a laboratori nazionali, laboratori industriali e università;
- la promozione della mobilità dei giovani ricercatori;
- la formazione specializzata incentrata sulla competenza e sulla sicurezza in campo nucleare;
- l'organizzazione di visite a istituti del CCR da parte di ricercatori ed esperti nazionali distaccati;
- scambio sistematico di informazioni;
- la valutazione scientifica e strategica indipendente dei risultati dei progetti e dei programmi.

Osservazioni

Non esistono attualmente acronimi ufficiali per il programma.