Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Istituire un programma d'azione in materia di scambi, di assistenza e di formazione per la protezione dell'euro contro la contraffazione monetaria (programma "PERICLES")

Finanziamento del programma

EUR 4 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 339 del 2001-12-21

Riferimento legislativo

2001/923/EC del 2001-12-17
Sostenere ed integrare le misure intraprese dagli Stati membri e i programmi istituiti o da istituire, al fine di proteggere l'euro dalla falsificazione.

Riassunto

Il Consiglio europeo di Nizza ha invitato gli Stati membri ad adottare nel 2001, al più presto possibile, dispositivi efficaci per prevenire la contraffazione dell'euro.
Il 12 febbraio 2001, il Consiglio Ecofin ha definito gli orientamenti per un progetto di regolamento del Consiglio, che stabilisce le misure necessarie per proteggere l'euro contro la contraffazione.

Il 17 dicembre 2001, il Consiglio ha adottato il programma d'azione "PERICLES", il cui periodo di applicazione inizia il 1° gennaio 2002 e si concluderà il 31 dicembre 2005.
Tale programma intende inglobare:
_ un obiettivo di sensibilizzazione del personale direttamente interessato alla dimensione comunitaria della nuova divisa (in quanto moneta sia di riserva che per le transazioni internazionali);
_ un obiettivo di catalizzatore allo scopo di favorire, attraverso tutti i tipi di azioni appropriate, come tirocini, seminari specializzati o la partecipazione di attori esterni nelle formazioni nazionali e gli scambi di agenti, il ravvicinamento delle strutture e degli agenti interessati, lo sviluppo di un clima di fiducia reciproca e una conoscenza reciproca soddisfacente, in particolare dei metodi di azione e delle difficoltà incontrate;
_ un obiettivo di convergenza dell'azione di formazione dei formatori, nel rispetto delle strategie operative nazionali;
_ un obiettivo di divulgazione, in particolare della normativa e degli strumenti comunitari e internazionali.

In aggiunta, il Consiglio ha adottato una decisione che estende gli effetti della decisione che istituisce un programma di formazione, di scambi e di assistenza per la protezione dell'euro contro la contraffazione monetaria agli Stati membri che non hanno adottato l'euro quale moneta unica (decisione 2001/924/CE)

Suddivisione

Misure
Il contenuto della formazione e del sostegno operativo, costruito attorno ad una impostazione pluridisciplinare e transnazionale, tiene conto non solo delle questioni di sicurezza, ma anche dei problemi dello scambio di informazioni, essenzialmente di tipo tecnico e strategico, e dell'assistenza tecnica e scientifica.

L'attuazione degli scambi di informazioni a livello comunitario dovrà comprendere, in particolare, metodologie di controllo e di analisi per valutare:
_ l'impatto economico e finanziario della contraffazione monetaria;
_ il funzionamento delle banche dati;
_ l'utilizzo di strumenti di individuazione attraverso applicazioni informatiche;
_ i metodi di indagini e di investigazione;
_ l'assistenza scientifica (in particolare banche dati scientifici e vigilanza tecnologica/monitoraggio dei nuovi sviluppi);
_ il funzionamento dei sistemi di allarme rapido;
_ le questioni connesse, come l'importanza dell'obbligo di comunicazione;
_ la protezione dei dati personali;
_ i diversi aspetti della cooperazione;
_ la protezione dell'euro all'esterno dell'Unione europea;
_ le attività di ricerca;
_ la messa a disposizione di competenze operative specialistiche.

Tale politica di formazione si traduce in diverse misure, in particolare l'organizzazione di workshop, incontri e seminari e una politica mirata di tirocini e di scambi di personale.

Il sostegno tecnico, scientifico e operativo riguarda in particolare:
_ qualsiasi misura che permetta di costituire, a livello europeo, degli strumenti pedagogici (raccolte della legislazione dell'Unione europea, bollettini d'informazione, manuali pratici, glossari e lessici, banche dati, in particolare in materia di assistenza scientifica e di sorveglianza tecnologica) o delle applicazioni di sostegno informatiche (software);
_ studi aventi un interesse pluridisciplinare e transnazionale;
_ lo sviluppo di strumenti e di metodi tecnici di sostegno all'attività di individuazione a livello europeo;
_ le strutture specializzate, ad esempio, in materia di tecnica di reprografia e di autentificazione, gli stampatori e incisori;
_ qualsiasi altro organismo in possesso di un know-how particolare, inclusi, se del caso, quelli di paesi terzi e, in particolare, di paesi candidati.

Destinatari delle azioni e dei contributi

Le misure saranno destinate ai seguenti gruppi:
_ personale delle agenzie impegnate nell'individuazione e nella lotta contro la contraffazione (in particolare le forze dell'ordine e le amministrazioni finanziarie, a seconda delle loro specifiche funzioni a livello nazionale);
_ il personale dei servizi di informazione;
_ i rappresentanti delle banche centrali nazionali, delle Zecche o di altri intermediari finanziari;
_ i rappresentanti delle banche commerciali;
_ i magistrati e i giuristi specializzati;
_ qualsiasi altro organo o gruppo professionale interessato (camere di commercio e d'industria o qualsiasi struttura in grado di raggiungere artigiani e commercianti, corrieri).

Oltre al contributo della Commissione, le seguenti parti sono invitate a contribuire, con i loro rispettivi settori di competenza, al raggiungimento degli obiettivi del programma d'azione comunitario:
_ le banche centrali nazionali e la BCE, in particolare il CMS (Counterfeit Monitoring System);
_ i centri di analisi nazionali per le banconote (CAN) e i Centri nazionali di analisi delle monete metalliche (CNAP);
_ il centro tecnico e scientifico europeo (CTSE) e le Zecche nazionali;
_ Europol ed Interpol;
_ Gli uffici nazionali centrali anticontraffazione istituiti ai sensi dell'articolo 12 della Convenzione internazionale per la repressione del falso nummario, firmata a Ginevra il 20 aprile 1929, ed altre agenzie specializzate nella prevenzione, nell'individuazione e nella repressione della falsificazione.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione e del coordinamento del programma, in stretta collaborazione con gli Stati membri. Tale coordinamento deve tener conto delle misure intraprese da altri servizi, in particolare dalla Banca centrale europea (BCE) e da Europol.
La Commissione deve garantire coerenza e complementarità tra questo programma d'azione comunitario, volto alla protezione dell'euro contro la contraffazione ed altri programmi ed attività presenti e futuri.

Il programma è aperto, in funzione delle realtà della diffusione della moneta fiduciaria, delle necessità operative, della valutazione della minaccia e dell'analisi dei rischi, alla partecipazione dei paesi associati candidati all'adesione, in conformità alle condizioni stabilite negli accordi di associazione e nei protocolli aggiuntivi stipulati o da stipulare con tali paesi, che riguardano la partecipazione ai programmi comunitari.

Il programma è inoltre aperto, all'occorrenza, ai paesi terzi, secondo le disponibilità di bilancio comunitario, in conformità alle condizioni ed agli accordi da concludere con questi paesi.

I beneficiari di ciascun progetto selezionato devono presentare alla Commissione una relazione annuale. Al completamento dei progetti, la Commissione valuterà il modo in cui essi sono stati condotti e l'impatto della loro realizzazione, allo scopo di verificare se gli obiettivi fissati in origine sono stati raggiunti.

La Commissione presenterà al Parlamento europeo e al Consiglio:
_ entro il 30 giugno 2005, una relazione esterna di valutazione sulla pertinenza, l'efficienza e l'efficacia del programma ed una comunicazione sull'opportunità di proseguire ed adeguare il presente programma, accompagnata da una proposta appropriata;
_ al completamento del programma e non oltre il 30 giugno 2006, una relazione dettagliata sull'applicazione ed i risultati del programma, che tenga conto, in particolare, del valore aggiunto del contributo finanziario della Comunità.

La presente decisione deve essere recepita dagli Stati membri che hanno adottato l'euro quale moneta unica.
Numero di registrazione: 705 / Ultimo aggiornamento: 2001-12-21