Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Finanziamento del programma

EUR 192,5 million
L'obiettivo di questo programma è di assicurare il mantenimento del supporto statistico esistente per le decisioni relative alle politiche attuali e per il soddisfacimento delle ulteriori esigenze derivanti dalle nuove iniziative politiche della Comunità.

Riassunto

L'unione economica e monetaria esige un considerevole impegno per la fornitura di statistiche monetarie, della bilancia dei pagamenti e finanziarie, relative alla Comunità. Quest'ultima deve poter accedere tempestivamente ad informazioni statistiche comparabili fra gli Stati membri che siano aggiornate, affidabili, pertinenti e prodotte nel modo più efficace possibile per formulare, attuare, controllare e valutare le proprie politiche. La disponibilità di statistiche comparabili aggiornate, di buona qualità, è spesso una condizione necessaria per attuare le politiche comunitarie. Al fine di garantire la coerenza e la comparabilità delle informazioni statistiche nella Comunità è necessario stabilire un programma statistico comunitario quinquennale che individui gli orientamenti, i settori principali e gli obiettivi delle azioni previste in relazione alle priorità fissate.

Nel tener conto delle risorse a disposizione delle autorità nazionali e della Commissione, il presente programma rispecchia le priorità fondamentali della politica comunitaria:
- unione economica e monetaria
- allargamento dell'Unione europea
- competitività, sviluppo sostenibile ed agenda sociale.

Esso assicura nel contempo il mantenimento del supporto statistico esistente per le decisioni relative agli attuali settori politici ed il soddisfacimento di ulteriori esigenze derivanti da nuove iniziative politiche della Comunità.
Le istituzioni ed i cittadini dell'UE hanno bisogno di strumenti concreti per verificare la necessità e lo stato d'avanzamento delle iniziative politiche europee. Informazioni statistiche di elevata qualità sono di primaria importanza per rispondere a questa esigenza. Eurostat (Istituto statistico delle Comunità europee) ha come compito principale l'elaborazione e la diffusione di informazioni pertinenti e tempestive riguardanti un'ampia gamma di tematiche sociali, economiche ed ambientali, a sostegno delle politiche attuali e future dell'UE. In una e-Europe in evoluzione, le informazioni statistiche devono essere rese disponibili nella forma e nei tempi voluti dall'utente. Di conseguenza, nel corso della durata di questo programma sarà necessario compiere ulteriori sforzi al fine di garantire che i cittadini abbiano accesso ad una quantità sempre maggiore di informazioni di base sull'evoluzione dell'economia, della società e dell'ambiente nell'UE. Il SSE (Sistema statistico europeo) deve sviluppare ulteriormente le proprie strutture e strategie affinché il sistema nel suo insieme mantenga e sviluppi la qualità e l'efficacia necessarie per rispondere alle esigenze di tutti gli utenti.

Le priorità dei lavori statistici sono gestite in base a quattro diverse categorie di attività:

_ Esigenze dettate dalle politiche comunitarie come individuate dalla Commissione
- Unione economica e monetaria (UEM): tutte le statistiche necessarie per la fase III dell'UEM ed il Patto per la stabilità e la crescita.
- Allargamento dell'UE: inclusione di quei gruppi di indicatori statistici di importanza essenziale per i negoziati d'adesione e per l'integrazione nel SSE dei paesi candidati.
- Competitività, sviluppo sostenibile ed agenda sociale: in particolare, le statistiche sul mercato del lavoro, l'ambiente, i servizi, le condizioni di vita, le migrazioni e l'eEurope.
- Indicatori strutturali per consolidare ulteriormente i lavori, come richiesto dal vertice di Lisbona.

_ Principali progetti riguardanti i settori di attività primari, cui sarà applicato un metodo formale di gestione
- Attività infrastrutturali per intensificare il funzionamento del SSE in un'Europa resa più ampia ed allargata.
- Progetti specifici (statistiche sulla nuova economia, compresi settori quali la società dell'informazione e l'innovazione, statistiche sulla ricerca e lo sviluppo, fra cui l'analisi comparativa delle politiche nazionali di RST, statistiche congiunturali, indicatori a sostegno delle politiche per uno sviluppo sostenibile ed indicatori di esclusione sociale e povertà).

_ Supporto statistico alle politiche in corso
- Proseguimento di attività statistiche a sostegno degli attuali settori politici comunitari quali l'agricoltura, la politica regionale, il commercio estero, ecc.

_ Altri settori
Altri settori per la raccolta di dati statistici non citati nelle altre 3 priorità, ma tuttavia necessari per finalità politiche.

Suddivisione

Sintesi dei fabbisogni statistici europei considerati nella prospettiva delle necessità politiche dell'Unione europea, definite in base ai titoli secondo cui si articola il trattato dell'Unione europea, come approvato ad Amsterdam:
_ Titolo I - Libera circolazione delle merci

Il nuovo sistema dovrebbe quindi essere incentrato sulla fornitura di risultati che soddisfino le esigenze della Comunità, secondo rigorosi requisiti qualitativi in termini di copertura, affidabilità e disponibilità. Il contenuto dei risultati dovrebbe essere definito in modo tale da semplificare i requisiti attuali, tenendo conto, nel contempo, dell'evoluzione delle esigenze con il progredire dell'integrazione europea. Si intraprenderà anche un'azione per migliorare l'affidabilità delle statistiche sui prezzi delle importazioni e delle esportazioni, per consentire una misurazione più efficace della competitività interna dei prodotti dell'Unione. Al termine del programma quinquennale, la Commissione avrà adeguato e migliorato i sistemi di rilevazione statistica degli scambi di merci fra gli Stati membri ed i paesi terzi, tenendo in considerazione lo sviluppo delle esigenze di informazione, nonché il contesto economico ed amministrativo.

_ Titolo II - Agricoltura

- Agricoltura
Lo sforzo principale nel quinquennio 2003-2007 consisterà, come per il programma 1998-2002, nel gestire questo vasto insieme di statistiche relative all'agricoltura ed effettuare i necessari aggiornamenti. Si continuerà a prestare particolare attenzione alla dimensione ambientale, attraverso lo sviluppo delle statistiche necessarie per l'analisi dell'interconnessione fra l'agricoltura e l'ambiente, incluso il miglioramento delle statistiche sull'uso dei fertilizzanti e dei pesticidi, sull'agricoltura biologica e sulle azioni volte a mantenere la biodiversità e gli habitat rurali.

- Silvicoltura
In questo settore particolare attenzione deve essere prestata alla conservazione ed al miglioramento della collaborazione con le organizzazioni internazionali, soprattutto per lo sviluppo di criteri ed indicatori specifici necessari per una cura dell'ambiente ed una gestione sostenibile delle foreste. Nel contempo, devono essere sviluppate in parallelo le informazioni sulla gestione sostenibile dei settori derivati dal legno.

- Pesca
Lo sforzo principale nei prossimi anni sarà incentrato sul consolidamento ed il miglioramento dei flussi di dati (completezza, tempestività, coerenza, comparabilità ed accessibilità) in base alla legislazione attualmente in vigore. Le conseguenze sociali ed economiche della limitazione delle attività dei pescherecci e della riduzione delle dimensioni della flotta di pescherecci dell'UE determinano una crescente domanda di dati sui parametri per la valutazione della situazione sociale ed economica. È probabile che tali sviluppi siano importanti elementi nella rinegoziazione della PCP nel 2002. Eurostat seguirà queste trattative da vicino al fine di assicurare che il suo programma di statistiche sulla pesca continui a riflettere le esigenze di dati della PCP.

Nel corso del programma la Commissione si adopererà per:
- applicare il sistema TAPAS in vista di migliorare progressivamente l'attuale insieme di statistiche sull'agricoltura, soprattutto per quanto riguarda la qualità, la comparabilità, i risparmi in termini di efficienza, la semplificazione e la tempestività;
- pianificare lo sviluppo di statistiche sull'agricoltura nell'intento di soddisfare le future esigenze della PAC;
- fornire indicatori per una migliore integrazione delle considerazioni ambientali nella PAC e delle informazioni sugli aspetti dell'agricoltura relativi al consumatore/benessere;
- collaborare all'elaborazione di dati comparabili nei paesi candidati all'adesione all'UE;
- consolidare, migliorare ed estendere (indicatori) le statistiche sulla silvicoltura;
- consolidare e migliorare la qualità delle statistiche sulla pesca.

_ Titolo III - Libera circolazione delle persone, dei servizi e dei capitali

Le statistiche della bilancia dei pagamenti dell'UE forniscono informazioni assai dettagliate sul commercio di servizi e sugli investimenti diretti. Le statistiche sul commercio delle filiali estere sono attualmente in fase di sviluppo. Anche se tutte queste statistiche vengono sviluppate principalmente in risposta all'Accordo generale sugli scambi di servizi (GATS) e, quindi, per fornire informazioni sulle operazioni con i paesi esterni alla Comunità, gli Stati membri le considerano essenziali per continuare a stabilire una bilancia nazionale dei pagamenti (che includa perciò i flussi intracomunitari), anche nell'ambito dell'unione economica e monetaria. Attualmente, le statistiche prodotte riguardano sia il commercio extracomunitario sia quello intracomunitario e, pertanto, soddisfano le esigenze del mercato unico. Tuttavia, esiste un rischio di incertezza riguardo a tali informazioni. Nel contempo, i sistemi per la raccolta dei dati sulla bilancia dei pagamenti sono attualmente in fase di ristrutturazione (vedi Titolo VII). Le esigenze della Commissione in questo settore devono pertanto essere rivalutate e ridefinite.

Nel corso del programma quinquennale la Commissione:
- svilupperà un insieme stabile e flessibile di indicatori della globalizzazione;
- svilupperà un insieme stabile e flessibile di indicatori della società dell'informazione, inclusi i servizi audiovisivi;
- svilupperà ulteriormente i conti satellite nel settore del turismo.

_ Titolo IV - Visti, Asilo, Immigrazione ed altre politiche relative alla libera circolazione delle persone

La comunicazione sulla politica comunitaria in materia d'immigrazione sottolinea che sono necessarie maggiori informazioni sui flussi migratori e sulle caratteristiche delle migrazioni dentro e fuori l'UE. La comunicazione sull'asilo stabilisce che, per stabilire ed attuare il sistema comune europeo di asilo, è necessaria un'analisi approfondita della portata dei flussi migratori, delle loro origini, nonché un'analisi delle caratteristiche degli impieghi per finalità di protezione e della risposta alle stesse. L'allargamento dell'Unione e lo sviluppo della cooperazione con i paesi del bacino del Mediterraneo non faranno che accrescere l'esigenza di informazioni statistiche in questi settori.

Nel corso del programma quinquennale la Commissione:
- elaborerà una nomenclatura più standardizzata nei settori delle migrazioni e dell'asilo, in collaborazione con le autorità nazionali;
- migliorerà la gamma e la qualità delle statistiche in questo settore per soddisfare i requisiti iniziali contenuti nelle comunicazioni della Commissione sull'argomento.

_ Titolo V - Trasporti

Le statistiche comunitarie dovrebbero costituire un sistema completo di informazioni sui trasporti, inclusi i dati sui flussi di merci e passeggeri, nonché sulle infrastrutture, le attrezzature, i flussi di traffico, la mobilità delle persone, la sicurezza, il consumo energetico e l'impatto ambientale, come pure i dati sui costi ed i prezzi dei trasporti e sulle imprese di trasporto. Un obiettivo fondamentale sarà di spostare l'equilibrio fra i metodi di trasporto, favorendo le spedizioni ferroviarie e marittime a corto raggio rispetto al trasporto su strada ed eliminando così l'attuale sovrapposizione della crescita economica ad un maggior traffico stradale. Sarà necessario fornire migliori statistiche relative al modo in cui il trasporto è distribuito, considerando tanto i passeggeri quanto le merci, tenendo conto di tutti i metodi di trasporto e migliorando il fattore tempestività.

Nel corso del quinquennio la Commissione si adopererà per:
- completare la copertura delle statistiche comunitarie dei trasporti per tutti i metodi di trasporto e tutti i tipi di informazioni;
- continuare a adeguare e completare, ove necessario, la base giuridica delle statistiche dei trasporti;
- promuovere la raccolta di statistiche aggiuntive sulle catene di trasporto intermodale, come pure dei dati aggiuntivi necessari per controllare l'integrazione delle considerazioni ambientali nelle politiche dei trasporti (programma TERM).

_ Titolo VI - Norme comuni sulla concorrenza, sulla fiscalità e sul ravvicinamento delle legislazioni

Non è necessario un programma statistico specifico. Le informazioni statistiche per questo titolo sono ricavate, all'occorrenza, dai dati e dagli indicatori creati per gli altri titoli del programma.

_ Titolo VII - Politica economica e monetaria

L'attuazione dell'Unione economica e monetaria richiede un controllo statistico molto rigoroso, a sostegno del coordinamento della politica macroeconomica e delle funzioni di politica monetaria del sistema europeo di banche centrali. Il Patto di stabilità e crescita pone nuove esigenze statistiche. Nel contempo, continua a rivestire importanza la misurazione del grado di convergenza economica raggiunto dagli Stati membri.

Nel corso del quinquennio l'obiettivo della Commissione sarà di:
- procedere nello sviluppo e nella produzione di statistiche nell'ambito del piano di azione dell'UEM per il coordinamento della politica macroeconomica e la politica monetaria, per il Patto di stabilità e crescita e per la valutazione permanente della convergenza economica;
- intensificare l'attuazione del regolamento relativo al Sistema europeo dei conti (SEC 95);
- rivedere il sistema di raccolta per le statistiche della bilancia dei pagamenti.

_ Titolo VIII - Occupazione

Lo sviluppo delle statistiche sull'occupazione nell'UE sarà determinato dai seguenti processi politici: allargamento dell'UE, strategia europea per l'occupazione, unione economica e monetaria ed esercizio di benchmarking (con indicatori strutturali da presentare al Consiglio europeo ogni anno in primavera). Le statistiche sull'occupazione sono in gran parte disciplinate da regolamenti comunitari. Grazie a ciò, i paesi candidati avranno compiuto importanti passi nel rispetto dei requisiti dell'UE prima del 2003. La piena conformità, la trasmissione regolare dei dati e la capacità di seguire il ritmo dei nuovi sviluppi rappresenteranno le sfide del periodo 2003-2007.

- Attuazione di un'IFL permanente che fornisca risultati trimestrali in tutti gli Stati membri;
- Armonizzazione di parte dei questionari;
- Raccolta/Analisi dei risultati dell'indagine 2002 sulla struttura delle retribuzioni;
- Attuazione dell'indagine 2004 sul costo del lavoro relativa alle sezioni M-N-O della NACE;
- Applicazione integrale del regolamento del Consiglio sull'indice del costo del lavoro;
- Attuazione dell'indagine 2006 sulla struttura delle retribuzioni;
- Progettazione di un sistema bersaglio per le statistiche europee sul costo del lavoro;
- Applicazione del regolamento del Consiglio relativo all'indagine sui posti di lavoro vacanti, da adottare nel 2002.

_ Titolo IX - Politica commerciale comune

Nei prossimi anni saranno svolti lavori per garantire che i dati sugli scambi transfrontalieri di servizi (suddivisione geografica e dettagli per componente), gli investimenti diretti esteri ed il commercio con le filiali straniere mantengano gli standard di qualità, il livello di dettaglio ed il grado di armonizzazione richiesti dai servizi della Commissione responsabili dell'attuazione della politica commerciale.

Entro la fine del programma quinquennale la Commissione avrà:
- integrato progressivamente i dati sui paesi candidati;
- adattato e migliorato i sistemi di raccolta e produzione dei dati;
- migliorato ed ulteriormente sviluppato il quadro metodologico, tenendo conto delle raccomandazioni internazionali, dei nuovi fabbisogni di informazione e dell'evoluzione del contesto economico e doganale;
- intensificato l'utilizzo dei dati esistenti e l'analisi dello sviluppo sostenibile globale.

_ Titolo X - Cooperazione doganale

Non è necessario un programma statistico specifico. Le informazioni statistiche per questo titolo sono ricavate, all'occorrenza, dai dati e dagli indicatori creati per gli altri titoli del programma.

_ Title XI - Politica sociale, istruzione, formazione professionale e gioventù

Nel corso di questo periodo sarà sviluppata una strategia coerente per garantire la disponibilità di una serie completa di indicatori relativi a tutti i settori sociali, in stretto coordinamento con le azioni previste nel titolo VIII. La qualità delle informazioni esistenti sarà migliorata e saranno introdotti nuovi indicatori riguardanti i settori che sono stati individuati come prioritari, quali l'esclusione sociale e la formazione permanente.

Nel corso del programma quinquennale la Commissione:
- elaborerà una strategia coerente che assicuri la disponibilità di una serie completa di indicatori concernenti tutti i settori sociali;
- fornirà regolari informazioni sulle condizioni di vita dei cittadini mediante indicatori di recente elaborazione.

_ Titolo XII - Cultura

Nell'ambito del programma statistico comunitario 2003-2007, la priorità per le statistiche culturali sarà il consolidamento del lavoro pilota sull'occupazione nella cultura, la partecipazione ad attività culturali e le statistiche sulle spese per la cultura. Il programma statistico contribuirà ai lavori metodologici ed allo sviluppo di statistiche relative alla questione dei profitti derivanti dagli investimenti in cultura. Particolare attenzione sarà prestata allo sviluppo di metodologie internazionali che consentano la rilevazione statistica e l'analisi del contributo che la partecipazione alle attività culturali può dare al raggiungimento degli obiettivi sociali, quali l'innalzamento dei livelli di istruzione e dei tassi di occupazione e la riduzione della criminalità e delle disuguaglianze nel settore della sanità.

Nel corso del programma quinquennale la Commissione:
- consoliderà le informazioni statistiche disponibili sulla cultura;
- svilupperà ed attuerà metodi di misurazione degli effetti della cultura sulla società.

_ Titolo XIII - Sanità pubblica

In generale si porrà l'accento sul rafforzamento dell'infrastruttura del sistema di base relativo alle statistiche sulla sanità pubblica (a livello degli Stati membri e dell'UE), sull'armonizzazione e sul miglioramento della comparabilità dei dati esistenti, in collaborazione con le organizzazioni internazionali competenti in materia di sanità pubblica (OMS e OCSE). Al fine di garantire la coerenza e la complementarità, l'azione specifica prevista nel presente programma sarà diretta anche a garantire che i concetti basilari, le definizioni e le classificazioni delle statistiche sulla sanità siano utilizzati per l'intero settore delle informazioni in materia. Conformemente ai relativi accordi con i paesi interessati, l'ambito delle statistiche sulla sanità pubblica sarà progressivamente ampliato fino ad interessare tutti i paesi candidati.

Nel corso del programma quinquennale la Commissione:
- svilupperà ulteriormente la serie di statistiche sulla sanità al fine di rispondere alle specifiche esigenze che potrebbero scaturire dal programma d'azione in materia di sanità pubblica;
- rafforzerà l'infrastruttura per il sistema di base delle statistiche sulla sanità pubblica.

_ Titolo XIV - Protezione dei consumatori

L'obiettivo delle attività di Eurostat in questo settore è di fornire dati statistici di interesse generale per il pubblico, per far luce sulle questioni legate al consumo ed ai consumatori a livello europeo, nazionale e regionale .

Nel corso del programma quinquennale la Commissione:
- metterà a disposizione statistiche sulla protezione dei consumatori in un formato che ne faciliti l'utilizzo, in particolare pubblicazioni;
- continuerà a fornire sostegno metodologico in relazione agli infortuni domestici;
- svolgerà un'azione di sensibilizzazione sulla questione della protezione dei consumatori in tutte le tematiche statistiche di lavoro pertinenti;
- assicurerà che gli aspetti relativi alla protezione del consumatore siano presi in considerazione nelle nuove politiche statistiche;
- promuoverà lo sviluppo di statistiche sulla protezione dei consumatori presso i servizi statistici degli Stati membri.

_ Titolo XV - Reti transeuropee

Non è necessario un programma statistico specifico. Le informazioni statistiche per questo titolo sono ricavate all'occorrenza dai dati e dagli indicatori creati per gli altri titoli del programma.

_ Titolo XVI - Industria

I lavori statistici riguardanti l'industria in senso lato (compresi, in particolare, l'edilizia, i servizi, l'energia ed il settore agroalimentare) saranno incentrati sul sostegno alle politiche decise in base al trattato di Amsterdam e nei vari vertici tenutisi successivamente (in particolare, il vertice di Lisbona del marzo 2000). Questi sviluppi sono previsti, in particolare, per i settori: globalizzazione, organizzazione interna ed esterna delle imprese (e, più in generale, sistema di produzione), nonché cooperazione tra imprese, spirito imprenditoriale e governance, domanda ed infine occupazione e risorse umane.
L'attuazione dei diversi regolamenti sulle statistiche delle imprese avrà priorità assoluta. Particolare risalto sarà dato alla qualità dei risultati.

- Energia
Nel settore delle statistiche dell'energia il lavoro consisterà nel migliorare la qualità dei bilanci energetici, soprattutto per quanto riguarda il settore dei consumi, al fine di fornire una risposta più adeguata alle esigenze derivanti dal meccanismo di sorveglianza delle emissioni di gas ad effetto serra. Il sistema attuale sarà esteso al fine di prestare maggiore attenzione alle questioni in materia di sviluppo sostenibile (efficienza energetica, cogenerazione, fonti rinnovabili) e saranno presi in esame l'efficacia della concorrenza nei mercati liberalizzati ed i suoi effetti sui consumatori e sul settore energetico.

Nel corso del programma quinquennale l'attività sarà finalizzata al raggiungimento dei seguenti obiettivi:
- migliorare il sistema di produzione di statistiche strutturali relative alle imprese, in base alle esigenze politiche e con la possibilità di fornire una risposta rapida a fattori mutevoli quali l'ambiente, le politiche e gli utenti;
- provvedere al mantenimento delle infrastrutture necessarie quali i registri delle imprese e le classificazioni;
- porre in primo piano la valutazione della qualità ed il miglioramento dei dati prodotti.

Titolo XVII - Coesione economica e sociale

Il lavoro da svolgere in base al programma statistico 2003-2007 sarà, di conseguenza, determinato in gran parte dalla forma della politica regionale comunitaria nell'ambito di un'Unione europea allargata e dall'arrivo del nuovo periodo di programmazione dei Fondi strutturali. La terza relazione sulla coesione sarà adottata dalla Commissione all'inizio del 2004 e le sue conclusioni dovranno essere attuate (come progetto di regolamento) nel corso di quell'anno. Le informazioni necessarie comprenderanno proiezioni della popolazione a livello regionale e dati sulla demografia regionale.

Nel corso del quinquennio l'attività sarà finalizzata al raggiungimento dei seguenti obiettivi:
- attuare gli indicatori statistici necessari per la prossima fase dei Fondi strutturali;
- fornire i dati necessari per la relazione sulla coesione ed utili a sostenere le proposte della Commissione relative ai Fondi strutturali dopo il 2006;
- integrare ulteriormente l'uso dei sistemi di informazione geografica nella gestione delle politiche.

_ Titolo XVIII - Ricerca e sviluppo tecnologico

Tutte le recenti politiche in materia di R&S ed innovazione richiedono dati tempestivi ed armonizzati, la cui raccolta deve essere negoziata con gli Stati membri e coordinata da Eurostat. Gli aggiornamenti annuali degli indicatori per entrambe le iniziative richiederanno indagini più frequenti negli Stati membri, come pure miglioramenti della qualità. La capacità di produrre dati statistici sulle risorse umane nella scienza e nella tecnologia, classificati in base al sesso, deve essere sviluppata al fine di fornire ai politici i dati necessari per valutare l'efficacia delle politiche comunitarie correlate.

Durante i prossimi cinque anni, ci si impegnerà principalmente per:
- migliorare la qualità degli indicatori esistenti e proseguire il lavoro concettuale che porterà alla produzione ed all'ulteriore sviluppo di nuovi indicatori per effettuare l'analisi comparativa delle politiche nazionali in materia di ricerca ed innovazione ed, in particolare, per misurare le risorse umane e la loro mobilità nel settore della ricerca e dello sviluppo;
- sviluppare ulteriormente le statistiche in materia di R&S ed innovazione nel contesto dello Spazio europeo della ricerca ed, in particolare, definire un quadro teorico per statistiche più frequenti in questo settore;
- sviluppare un quadro generale per la valutazione della società della conoscenza;
- rilevare le tendenze tecnologiche per mezzo di statistiche armonizzate sui brevetti;
- associare i paesi candidati nel quadro complessivo dello sviluppo di statistiche armonizzate e comparabili in materia di R&S ed innovazione.

_ Titolo XIX - Ambiente

L'obiettivo principale delle statistiche sull'ambiente è di fungere da strumento efficace per l'attuazione e la valutazione della politica ambientale dell'Unione europea. Le principali priorità ambientali sono affrontate nel sesto programma d'azione ambientale, nella strategia per uno sviluppo sostenibile e nella strategia di Cardiff per l'integrazione dell'ambiente nelle altre politiche settoriali.

L'impegno maggiore per i prossimi cinque anni consisterà nel:
- migliorare le statistiche ambientali di base principalmente in materia di rifiuti, acqua e spese per l'ambiente, con particolare riguardo alle statistiche utili per gli indicatori ambientali, ed approntare la legislazione necessaria per tali statistiche;
- produrre indicatori dell'ambiente e della sostenibilità di facile comprensione, in collaborazione con gli altri servizi della Commissione e con l'Agenzia europea dell'ambiente;
- continuare i lavori per la produzione di una componente ambientale nelle statistiche socioeconomiche, al fine di rispondere alle esigenze relative agli indicatori per l'integrazione delle questioni in materia di ambiente e sostenibilità nelle altre politiche;
- continuare i lavori per aggiungere un settore ambientale ai conti nazionali mediante la produzione periodica di una serie di conti ambientali e per adeguarli alle questioni prioritarie in tema di sostenibilità;
- partecipare alla revisione degli obblighi di relazione e continuare la stretta cooperazione con l'Agenzia europea dell'ambiente tramite azioni coordinate e rendendo complementare la raccolta di dati da parte delle due istituzioni;
- ampliare la raccolta dei dati e l'analisi dello sviluppo sostenibile globale.

_ Allargamento dell'Unione europea

Si prevede che i negoziati si concluderanno con un trattato di adesione per una serie di paesi candidati durante il periodo di validità del programma 2003-2007. Per il seguito ed il potenziale completamento di tali trattative, la Commissione deve potersi basare su una serie completa di statistiche affidabili comparabili, da un punto di vista metodologico, con quelle dei paesi dell'Unione europea.

Nel corso del quinquennio i lavori si concentreranno sul:
- consolidamento della raccolta di dati armonizzati per i negoziati e per finalità interne dell'UE;
- mantenimento dell'assistenza ai paesi candidati ed ai nuovi membri affinché i loro sistemi statistici migliorino in vista di soddisfare i requisiti comunitari, compresa un'informazione tempestiva su ogni nuova legislazione comunitaria.

Attuazione

La produzione di statistiche comunitarie nel quadro legislativo del programma quinquennale è di competenza delle autorità nazionali, a livello nazionale, e dell'autorità comunitaria (Eurostat), a livello comunitario. Per raggiungere questo obiettivo, è necessaria una cooperazione stretta, coordinata e coerente tra l'autorità comunitaria (Eurostat) e le autorità nazionali. A tal fine, l'autorità comunitaria (Eurostat) deve garantire il coordinamento in varie forme tra le autorità nazionali attraverso una rete che rappresenti il Sistema statistico europeo (SSE), per assicurare la fornitura tempestiva di statistiche rispondenti alle necessità delle politiche comunitarie. Misure dettagliate per l'attuazione di specifiche azioni statistiche possono essere affidate al Sistema statistico europeo dalla Commissione, che deciderà gli obiettivi e le misure in questione.

Alla Commissione sono affidati determinati compiti di natura attuativa o esecutiva, come definiti negli atti relativi a specifiche azioni statistiche. Potrà essere presa in considerazione l'eventualità che alcuni di tali compiti, attualmente eseguiti a livello della Commissione, siano assunti, ad esempio, da un organismo esecutivo specializzato. Nel corso del terzo anno di attuazione del programma la Commissione preparerà una relazione intermedia che ne illustra lo stato di avanzamento e la presenterà al comitato del programma statistico. Al termine del periodo coperto dal programma la Commissione, previa consultazione del comitato del programma statistico, presenterà un'adeguata relazione di valutazione sull'attuazione del programma che tenga conto dei pareri di esperti indipendenti. Tale relazione dovrà essere completata entro la fine del 2008 e quindi trasmessa al Parlamento europeo ed al Consiglio.
Numero di registrazione: 717 / Ultimo aggiornamento: 2013-08-20