Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Programma precedente

ENG-ENERGY-FP C

Finanziamento del programma

EUR 250 million
Occorre agire con intelligenza per proteggere le risorse naturali e mantenere in modo sostenibile il livello di sviluppo acquisito dalla nostra società, attraverso un uso responsabile dell'energia, basato sull'innovazione tecnologica e sulla capacità dei settori professionali ed economici di incorporare tempestivamente le migliori pratiche energetiche.

Riassunto

L'azione comunitaria di sostegno non tecnologico nei settori dell'efficienza energetica e delle energie rinnovabili è iniziata nel 1991 con l'adozione del programma SAVE, seguita nel 1993 dall'adozione del programma ALTENER. Il successo di questi due programmi è stato constatato da tutte le istituzioni comunitarie e le loro attività sono proseguite nel programma quadro pluriennale di azioni nel settore dell'energia (1998-2002) e misure correlate, che è stato adottato nel 1998 e giunge a scadenza il 31 dicembre 2002.

L'azione proposta assicura la continuità dell'azione comunitaria nel quadro dei programmi esistenti, soprattutto in tema di promozione delle fonti energetiche rinnovabili (programma ALTENER I e II - 1993-1997 e 1998-2002) e di efficienza energetica (programma SAVE I e II - 1991-1995 e 1996-2002), settori che già facevano parte del programma quadro Energia (1998-2002) assieme ai programmi ETAP, SYNERGY, CARNOT e SURE. Le nuove priorità della politica comunitaria, in particolare la strategia per lo sviluppo sostenibile richiedono un nuovo approccio dei programmi comunitari. Il nuovo programma riflette queste priorità, rafforzando le azioni ALTENER e SAVE e orientando le azioni SYNERGY verso la promozione a livello internazionale in questi due settori. Il programma prende inoltre in considerazione gli aspetti energetici dei trasporti, data la loro influenza sulle emissioni di gas ad effetto serra.

La partecipazione al presente programma è aperta a ogni persona giuridica, pubblica o privata, stabilita sul territorio dell'Unione europea. Il presente programma è aperto alla partecipazione dei paesi dell'Europa centrale e orientale alle condizioni stabilite negli accordi europei di associazione, nei protocolli aggiuntivi e nelle decisioni dei rispettivi Consigli di associazione. È inoltre aperto alla partecipazione di Cipro, di Malta e della Turchia sulla base di accordi bilaterali conclusi con questi paesi. Il presente programma è aperto alla partecipazione dei paesi EFTA aderenti allo Spazio economico europeo, sulla base di stanziamenti supplementari e secondo le procedure da concordare con questi paesi.

Suddivisione

Il presente programma è strutturato in quattro settori specifici:
_ "SAVE che concerne il miglioramento dell'efficienza energetica e della gestione della domanda, in particolare nei settori dell'edilizia e dell'industria, compresa l'elaborazione e l'attuazione di misure legislative;
_ "ALTENER", che concerne la promozione delle energie nuove e rinnovabili per la produzione centralizzata e decentrata e la loro integrazione nell'ambiente urbano, compresa l'elaborazione e l'attuazione di misure legislative;
_ "STEER", che concerne il sostegno alle iniziative concernenti gli aspetti energetici dei trasporti, la diversificazione dei carburanti e la promozione dei carburanti di origine rinnovabile e dell'efficienza energetica nei trasporti, compresa l'elaborazione e l'attuazione di misure legislative;
_ "COOPENER", che concerne il sostegno alle iniziative concernenti la promozione delle energie rinnovabili e dell'efficienza energetica nei paesi in via di sviluppo.
_ Sviluppo delle strutture di informazione, educazione e formazione; valorizzazione dei risultati, promozione e diffusione del know-how e delle migliori pratiche anche tra i consumatori e cooperazione con gli Stati membri, attraverso reti operative a livello europeo e internazionale.
_ Monitoraggio dell'attuazione e dell'impatto della politica comunitaria, nonché delle azioni di sostegno.
_ Valutazione dell'impatto delle azioni e dei progetti finanziati nel quadro del programma.

Nel quadro del presente programma, l'aiuto finanziario concesso alle azioni e misure nei quattro settori specifici è stabilito in funzione del valore aggiunto comunitario dell'azione proposta e dipenderà dal suo interesse e dall'impatto previsto, nonché dall'origine dell'iniziativa. L'aiuto non può superare il 50% del costo totale della misura, mentre la parte rimanente potrà essere coperta da fondi pubblici o privati o da una combinazione di entrambi. Tuttavia l'aiuto potrà coprire integralmente il costo di determinate azioni, come studi e altre azioni destinate a preparare, completare, attuare e valutare l'impatto della strategia e delle misure politiche comunitarie nonché delle misure proposte dalla Commissione per promuovere gli scambi di esperienze e di know-how al fine di migliorare il coordinamento tra le iniziative comunitarie, nazionali, internazionali e di altro tipo. Tutti i costi relativi alle azioni e misure intraprese su iniziativa della sola Commissione sono a carico della Comunità.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'esecuzione del presente programma e dell'elaborazione dei progetti di linee direttrici applicabili alle azioni e alle misure da intraprendere nell'ambito di ciascuno dei settori specifici. La Commissione è assistita da un comitato composto dai rappresentanti degli Stati membri e presieduto dal rappresentante della Commissione. La Commissione esamina ogni anno lo stato di attuazione del presente programma e delle azioni intraprese nei quattro settori specifici. Nel corso del terzo anno di attuazione e comunque prima di presentare proposte per l'elaborazione di un nuovo programma, la Commissione fa effettuare da esperti indipendenti una valutazione esterna dell'attuazione complessiva delle azioni comunitarie intraprese nell'ambito del presente programma. La Commissione comunica i risultati della valutazione al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale e al Comitato delle regioni.

Nei sei mesi successivi all'adozione della presente decisione, la Commissione adotta, in consultazione con il comitato, un programma di lavoro. Il programma di lavoro indica in maniera dettagliata:
_ le linee direttrici, gli obiettivi specifici e le priorità per ciascun settore specifico;
_ le modalità di attuazione, distinguendo tra azioni previste su iniziativa della Commissione e quelle per cui l'iniziativa viene dal settore e/o dal mercato in questione;
_ i criteri di selezione e le loro modalità di applicazione a ciascun tipo di azione nonché il metodo e gli strumenti di monitoraggio e valorizzazione dei risultati delle azioni e/o dei progetti;
_ il calendario indicativo di attuazione del programma di lavoro;
_ le modalità di coordinamento e di articolazione con altre politiche comunitarie;
_ se necessario, le modalità operative per promuovere la partecipazione al programma delle regioni isolate e periferiche e la partecipazione delle PMI.
Numero di registrazione: 721 / Ultimo aggiornamento: 2002-05-01