Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Priorità tematica - Ricerca sull'energia da fusione del programma quadro specifico per la Comunità europea dell'energia atomica nell'ambito del programma quadro pluriennale 2002-2006.
FP6

FP6-EURATOM-FUSION - Priorità tematica - Ricerca sull'energia da fusione del programma quadro specifico per la Comunità europea dell'energia atomica nell'ambito del programma quadro pluriennale 2002-2006.

Programma quadro

FP6

Programma precedente

EAEC-FWP-EAEC 2C

Programma successivo

FP7-EURATOM-FUSION

Finanziamento del programma

EUR 750 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 294 del 2002-10-29

Riferimento legislativo

2002/837/Euratom del 2002-09-30
Vi sono speranze che l'energia da fusione possa, nella seconda metà del secolo, contribuire ad una produzione senza emissioni su larga scala di elettricità da impianti di base. La ricerca globale in questo settore è già molto avanzata e l'obiettivo a lungo termine è la creazione di una centrale a fusione in Europa.

Riassunto

L'energia nucleare, che rappresenta circa il 35% del consumo totale di elettricità dell'UE, rientra negli attuali dibattiti relativi alla lotta contro i cambiamenti climatici a alla riduzione della dipendenza dell'UE da fonti di energia esterne come petrolio e gas. Sono tuttavia notevoli i problemi riguardanti la produzione convenzionale di energia nucleare.

Esistono speranze che la fusione nucleare controllata sia una delle opzioni a lungo termine per la fornitura di energia dell'UE, in particolare per la produzione senza emissioni di elettricità da impianti di base. La priorità è la realizzazione di progressi per dimostrare la fattibilità scientifica e tecnologica dell'energia da fusione e la valutazione della relativa sostenibilità. L'UE si sta attualmente impegnando per dar vita al reattore sperimentale termonucleare internazionale (ITER), la cui costruzione potrebbe iniziare non appena si saranno conclusi i negoziati internazionali.

Saranno definiti appositi collegamenti ai programmi nazionali e saranno condotte azioni di networking con paesi terzi fra cui USA, nuovi Stati indipendenti dell'ex Unione Sovietica (NSI), Canada e Giappone. La Comunità, gli Stati membri e i paesi associati alle attività di cui al programma quadro Euratom continueranno a lavorare nell'ambito di un programma integrato di attività.

Suddivisione

Le priorità di ricerca del programma specifico sono le seguenti:

_ Programma delle Associazioni in fisica e tecnologia
- R&S nella fisica di fusione e nell'ingegneria del plasma, in particolare: preparazione del funzionamento di ITER nonché studio e valutazione di formule di confinamento magnetico, segnatamente la continuazione della costruzione dello stellarator Wendelstein 7-X e il funzionamento degli impianti esistenti presso le Associazioni Euratom;
- Attività strutturate di R&S sulla tecnologia di fusione, in particolare ricerca sui materiali di fusione e partecipazione alle attività R&S per la disattivazione di JET, prevista al termine del suo funzionamento;
- Studi sugli aspetti socioeconomici, la valutazione dei costi economici e dell'accettabilità sociale dell'energia da fusione, a complemento di altri studi sulla sicurezza e sulla dimensione ambientale; coordinamento delle attività civili di ricerca degli Stati membri sul confinamento inerziale ed eventuali concetti alternativi; diffusione dei risultati e diffusione dell'informazione al pubblico; mobilità e formazione.

Nel contribuire al programma delle Associazioni, la priorità sarà data ad azioni multilaterali per concentrare le attività su progetti comuni come quelli direttamente legati al funzionamento di JET / ITER e/o alla formazione di personale. In funzione della decisione sulla realizzazione e i relativi tempi di ITER, sarà modificato l'attuale sostegno comunitario alle attività delle Associazioni e sarà presa in considerazione la soppressione dell'esercizio di varie strutture.
Bisogna garantire mezzi adeguati per mantenere un forte coordinamento europeo delle attività di fusione che hanno dimostrato nel corso degli anni la loro utilità.

La portata del programma interno di accompagnamento nei settori della fisica e tecnologia di fusione, necessario per le Associazioni e l'industria europea dipenderà dal livello della quota europea in ITER e dal suo sito. Potrebbe comportare investimenti volti a mantenere gli esperimenti sulle macchine di fusione a livelli molto avanzati in Europa, al di là dell'avvio del funzionamento di ITER e un adeguato programma di sviluppo tecnologico.

_ Esercizio delle strutture JET
Le strutture JET continueranno a funzionare nel quadro dell'Accordo europeo sullo sviluppo della fusione (European Fusion Development Agreement EFDA) per preparare l'esercizio di ITER completando lo sfruttamento dei potenziamenti di prestazioni in corso. L'uso delle strutture JET dovrebbe essere gradualmente abbandonato in conformità del calendario di attuazione di ITER e in funzione della disponibilità delle necessarie risorse finanziarie.

- Next Step/ITER
La proposta di programma quadro Euratom (2002-2006) comprende la continuazione delle attività Next Step nell'ottica di partecipare alla sua costruzione nella seconda parte del periodo. Tuttavia, dato che le decisioni su ITER dipendono da negoziati internazionali, il programma di attività proposto deve essere aperto circa l'eventuale scelta del sito e il quadro di Next Step/ITER e il contenuto preciso del programma interno di accompagnamento.

La partecipazione dell'Unione europea a ITER comprenderà contributi alla costruzione delle apparecchiature e gli impianti nonché i costi associati di personale e gestione e al sostegno al progetto durante la costruzione. Il livello e il tipo di questa partecipazione dipenderanno dall'esito dei negoziati con i partner internazionali dell'Unione europea e dall'ubicazione del sito di ITER. Se ITER sarà situato in Europa, la partecipazione dell'Unione europea comprenderà anche un contributo ai costi a carico dell'Europa come parte ospitante.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma specifico. . Per l'attuazione del programma specifico la Commissione elabora un programma di lavoro, che descrive in modo particolareggiato gli obiettivi e le priorità tecnico-scientifiche, e stabilisce il calendario e gli strumenti da utilizzare. Il programma di lavoro tiene conto delle pertinenti attività di ricerca svolte dagli Stati membri, dagli Stati associati e dalle organizzazioni europee e internazionali. Esso è aggiornato in funzione delle necessità.
% LAi fini dell'attuazione del programma specifico, la Commissione è assistita da un comitato consultivo. I membri del comitato possono variare in funzione dei diversi argomenti all'ordine del giorno del comitato. La Commissione riferisce periodicamente circa l'andamento generale dell'attuazione del programma specifico fornendo anche informazioni concernenti gli aspetti finanziari. La Commissione esegue inoltre un controllo e una valutazione indipendente delle attività svolte nei settori coperti dal programma specifico.

Ai fini dell'attuazione del programma specifico la Commissione ricorre a vari strumenti e valuta le proposte in conformità con i criteri di valutazione, in linea con le decisioni del Consiglio riguardanti il sesto programma quadro della Comunità europea dell'energia atomica per la ricerca nucleare e le attività di formazione.

_ Strumenti% LI progetti intrapresi vengono svolti sulla base di procedure definite in:
- Contratti di associazione,
- Accordo europeo sullo sviluppo della fusione (EFDA),
- Altri eventuali accordi multilaterali conclusi fra la Comunità e le organizzazioni associate e/o enti giuridici che potrebbero essere costituiti, previo parere emesso dal competente comitato consultivo,
- Altri contratti di durata limitata, in particolare con organismi negli Stati membri o negli Stati associati al programma quadro,
- Accordi internazionali che coprono progetti svolti nell'ambito della cooperazione con paesi terzi.% Le attività per coordinare e sostenere la ricerca per l'energia da fusione potrebbero riguardare studi a sostegno di tali attività, a favore dello scambio di informazione ed il ricorso a competenze esterne, fra cui: valutazione indipendente delle attività, borse e schemi di formazione, nonché pubblicazioni e altre azioni per promuovere il trasferimento tecnologico.
Numero di registrazione: 755 / Ultimo aggiornamento: 2012-04-30