Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

  • Commissione europea
  • CORDIS
  • Programmi
  • Priorità tematica - Altre attività nel campo delle tecnologie e della sicurezza nucleare dello specifico programma quadro per la Comunità europea dell''energia atomica nell''ambito del programma quadro pluriennale 2002-2006.
FP6

FP6-EURATOM-NUCTECH - Priorità tematica - Altre attività nel campo delle tecnologie e della sicurezza nucleare dello specifico programma quadro per la Comunità europea dell''energia atomica nell''ambito del programma quadro pluriennale 2002-2006.

Programma quadro

FP6-EURATOM

Programma precedente

EAEC-FWP-EAEC 2C

Finanziamento del programma

EUR 50 million

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 294 del 2002-10-29

Riferimento legislativo

2002/837/Euratom del 2002-09-30
Per sostenere le politiche dell'Unione europea nei settori della salute, dell'energia e dell'ambiente, per garantire che le capacità europee siano mantenute ad un livello elevato nei pertinenti settori non coperti dalle priorità tematiche e per contribuire alla creazione dello Spazio europeo della ricerca.

Riassunto

La cooperazione a livello europeo, compreso lo scambio di scienziati e programmi comuni di ricerca, è da tempo una realtà. Essa sarà intensificata relativamente ai residui nucleari, alla radioprotezione e ad altre attività e sarà approfondita a livello di programma e di progetto per un migliore uso delle risorse (umane e strutture sperimentali) e con l'obiettivo di promuovere una visione europea comune dei principali problemi e approcci, in linea con le esigenze dello Spazio europeo della ricerca.

Saranno instaurati legami con programmi nazionali e sarà promosso il networking con paesi terzi, in particolare: Stati Uniti, Nuovi Stati Indipendenti dell'ex Unione Sovietica (NSI), Canada e Giappone. Nel caso della fusione, la Comunità, gli Stati membri e i paesi associati alle attività contemplate dal programma quadro Euratom continueranno i loro lavori nell'ambito di un programma integrato di attività.

Suddivisione

_ Ricerca per la valutazione di concetti innovativi e lo sviluppo di processi migliori e più sicuri nel campo dell'energia nucleare, concentrandosi su:
-concetti e processi per la generazione e lo sfruttamento dell'energia nucleare individuati come portatori di benefici a lungo termine in materia di sicurezza, impatto ambientale, utilizzo delle risorse, resistenza alla proliferazione, costi o varietà di applicazione.

_ Sostegno per integrare meglio l'istruzione e la formazione europee nella sicurezza nucleare e la radioprotezione. Inteso a combattere il declino nel numero di studenti e negli istituti di insegnamento in modo da fornire le competenze e l'esperienza necessarie per un continuo uso sicuro dell'energia nucleare e per altri usi delle radiazioni nell'industria e in medicina, questo sostegno si concentrerà su:
- lo sviluppo di un approccio più armonizzato per l'educazione nelle scienze nucleari e in ingegneria in Europa e la sua realizzazione, compresa la migliore integrazione delle risorse e capacità nazionali. Ciò sarà completato da un sostegno a borse, corsi speciali di formazione, reti di formazione, borse per giovani ricercatori dei paesi NSI e CEE e all'accesso transnazionale alle infrastrutture. Un ulteriore passo sarà quello di avviare un'analisi comune delle future esigenze dell'Unione europea in materia di risorse e competenze umane e strumenti sperimentali a breve termine.

_ Sicurezza degli impianti nucleari esistenti per migliorare la sicurezza degli impianti nucleari esistenti negli Stati membri e nei paesi candidati nel residuo periodo di attività e nella successiva fase di disattivazione. mettendo a frutto le notevoli conoscenze e la rilevante esperienza ottenute a livello internazionale con la ricerca sperimentale e teorica, la ricerca si concentrerà su:
- la gestione degli impianti, compresi gli effetti dell'obsolescenza e le prestazioni del combustibile; - la gestione degli incidenti gravi, incluso lo sviluppo di codici di simulazione numerica avanzati; - l'integrazione tra capacità e conoscenze europee derivanti dall'effettivo smantellamento; - lo sviluppo di basi scientifiche per la sicurezza e le migliori pratiche a livello europeo.

Attuazione

La Commissione è responsabile dell'attuazione del programma specifico. Tutte le attività di ricerca svolte nell'ambito del programma specifico sono realizzate nel rispetto dei principi etici fondamentali. Il programma specifico è attuato mediante strumenti. Le regole di partecipazione si applicano al programma specifico. La Commissione ha elaborato un programma di lavoro per l'attuazione del programma specifico, indicando in dettaglio gli obiettivi e le priorità scientifiche e tecnologiche, i tempi di esecuzione e gli strumenti da utilizzare. Il programma di lavoro tiene conto delle pertinenti attività di ricerca svolte dagli Stati membri, dagli Stati associati e dalle organizzazioni europee internazionali. Esso viene aggiornato quando opportuno.

Nell'attuazione del programma specifico, la Commissione è assistita da un comitato consultivo. I membri di questo comitato possono variare in funzione degli argomenti all'ordine del giorno del comitato. La Commissione riferisce periodicamente sui progressi generali dell'attuazione del programma specifico, fornendo anche informazioni concernenti gli aspetti finanziari. La Commissione predispone il monitoraggio e la valutazione indipendenti delle attività svolte nei settori coperti dal programma specifico.

Nell'attuazione del programma specifico, e conformemente alle decisioni del Consiglio relative al Sesto programma quadro della Comunità europea dell'energia atomica, la Commissione usa vari strumenti e valuta le proposte conformemente ai criteri di valutazione. Le azioni indirette di RST realizzate nel settore della fusione termonucleare e nell'ambito di contratti, accordi o entità giuridiche di cui la Comunità è parte o membro osservano le disposizioni espressamente stabilite in conformità del regolamento sulle regole di partecipazione.

_ Strumenti
I progetti sono realizzati secondo le procedure definite:
- nei contratti d'associazione;
- nell'accordo europeo per lo sviluppo della fusione (European Fusion Development agreement - EFDA);
- in altri accordi multilaterali conclusi tra la Comunità e le organizzazioni associate e/o le entità giuridiche che possono essere istituite previo parere del comitato consultivo competente;
- in altri contratti di durata limitata, in particolare con organismi degli Stati membri o degli Stati associati al programma quadro Euratom;
- negli accordi internazionali che riguardano progetti realizzati nell'ambito di una cooperazione con paesi terzi.
Le attività di coordinamento e di sostegno della ricerca sull'energia da fusione potranno riguardare: - studi di sostegno a queste attività; - il sostegno agli scambi di informazioni; - il ricorso a competenze esterne, compresa la valutazione indipendente di attività; - borse e azioni di formazione; - pubblicazioni e altre azioni che favoriscano i trasferimenti tecnologici.