Servizio Comunitario di Informazione in materia di Ricerca e Sviluppo - CORDIS

Riferimento Gazzetta ufficiale

L 31/ del 2002-01-02

Riferimento legislativo

178/2002/EC del 2002-01-28
La responsabilità principale dell'Autorità sarà fornire consulenze scientifiche indipendenti su qualunque argomento abbia un'attinenza diretta o indiretta con la sicurezza alimentare. L'Autorità costituisce inoltre la base per garantire un livello elevato di tutela della salute umana e degli interessi dei consumatori in relazione agli alimenti, tenendo conto in particolare della diversità dell'offerta di alimenti compresi i prodotti tradizionali, garantendo al contempo l'efficace funzionamento del mercato interno. Essa stabilisce i principi generali da applicare nella Comunità e a livello nazionale in materia di alimenti e mangimi in generale, e di sicurezza degli alimenti e dei mangimi in particolare.

Riassunto

L'Autorità ha ricevuto un ampio mandato, in modo da potersi occupare di tutte le fasi della produzione e dell'approvvigionamento alimentare, dalla produzione primaria al consumatore finale, passando per la sicurezza degli alimenti per gli animali. Essa stabilisce principi comuni e responsabilità, i mezzi per assicurare un solido fondamento scientifico, procedure e meccanismi organizzativi efficienti a sostegno dell'attività decisionale nel campo della sicurezza degli alimenti e dei mangimi. Raccoglierà inoltre dati e informazioni provenienti dal mondo intero, seguendo nel contempo gli sviluppi della ricerca scientifica. L'Autorità divulgherà gli esiti delle sue ricerche e ascolterà altri punti di vista attraverso una vasta rete che metterà a punto gradualmente, interagendo con esperti e istanze politiche a vari livelli. Fra i suoi compiti fondamentali vi sarà anche quello di comunicare direttamente con il pubblico per i settori di sua competenza.

L'Autorità avrà come principale "cliente" la Commissione, ciò nondimeno sarà a disposizione anche del Parlamento europeo e degli Stati membri per le questioni di carattere scientifico e potrà varare delle analisi del rischio di sua iniziativa. L'Autorità svolgerà analisi del rischio sulla catena alimentare e potrà effettuare valutazioni scientifiche di tutte le questioni che potrebbero avere un impatto diretto o indiretto sulla sicurezza alimentare, comprese quelle attinenti alla salute e al benessere degli animali o alla salute delle piante. L'Autorità presterà consulenza scientifica anche sugli OGM non destinati al consumo umano o animale e sulla nutrizione in relazione alla legislazione comunitaria.

Alle attività dell'Autorità possono partecipare i paesi che hanno concluso con la Comunità accordi in virtù dei quali hanno adottato e applicano la legislazione comunitaria nella materia disciplinata dall'Autorità stessa. In forza delle pertinenti disposizioni di tali accordi, vengono concordate soluzioni organizzative, relative in particolare alla natura, alla portata e alle modalità di partecipazione di tali paesi alle attività dell'Autorità, comprese disposizioni riguardanti la partecipazione alle reti gestite dall'Autorità, l'inserimento nell'elenco delle organizzazioni competenti alle quali l'Autorità può affidare certi compiti, i contributi finanziari e il personale.

Ai fini del regolamento che disciplina la presente istituzione, con il termine "alimento" (o "derrata alimentare") s'intende qualsiasi sostanza o prodotto trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato ad essere ingerito, o di cui si prevede ragionevolmente che possa essere ingerito, da esseri umani. Sono comprese le bevande, le gomme da masticare e qualsiasi sostanza, compresa l'acqua, intenzionalmente incorporata negli alimenti nel corso della loro produzione, preparazione o trattamento. Con il termine "mangime" (o "alimento per animali") s'intende qualsiasi sostanza o prodotto, compresi gli additivi, trasformato, parzialmente trasformato o non trasformato, destinato alla nutrizione per via orale degli animali.

Suddivisione

_ Pareri scientifici
L'Autorità formula un parere scientifico:
- su richiesta della Commissione, in relazione a qualsiasi questione di sua competenza e in tutti i casi in cui la legislazione comunitaria richieda la sua consultazione;
- di propria iniziativa nelle materie di sua competenza.
Il Parlamento europeo o uno Stato membro possono chiedere all'Autorità un parere scientifico in relazione a qualsiasi questione di sua competenza.
_ Pareri scientifici discordanti
L'Autorità vigila per garantire la tempestiva individuazione di una potenziale fonte di discordanza tra i propri pareri scientifici e quelli formulati da altri organi che svolgono compiti analoghi.
_ Assistenza scientifica e tecnica
La Commissione può chiedere all'Autorità di prestare assistenza scientifica o tecnica in qualsiasi settore di sua competenza.
_ Studi scientifici
Avvalendosi delle migliori risorse scientifiche indipendenti disponibili, l'Autorità commissiona studi scientifici necessari all'adempimento delle sue funzioni.
_ Raccolta di dati
L'Autorità ricerca, raccoglie, confronta, analizza e sintetizza dati scientifici e tecnici significativi nei settori di sua competenza.
_ Individuazione di rischi emergenti
L'Autorità stabilisce procedure di sorveglianza per l'attività sistematica di ricerca, raccolta, confronto e analisi di informazioni e dati, ai fini dell'individuazione di rischi emergenti nei settori di sua competenza.
_ Sistema di allarme rapido
Per poter espletare al meglio le sue funzioni di sorveglianza dei rischi sanitari e nutrizionali degli alimenti, l'Autorità è il destinatario dei messaggi che transitano per il sistema di allarme rapido, dei quali analizza il contenuto al fine di fornire alla Commissione e agli Stati membri tutte le informazioni necessarie all'analisi del rischio.
_ Rete di organizzazioni attive nei settori di competenza dell'Autorità
- L'Autorità promuove il collegamento attraverso reti europee delle organizzazioni attive nei settori di sua competenza. Tale collegamento in rete persegue in particolare la finalità di agevolare un quadro di cooperazione scientifica mediante il coordinamento delle attività, lo scambio di informazioni, l'elaborazione e l'esecuzione di progetti comuni, lo scambio di competenze specifiche e migliori pratiche nei settori di competenza dell'Autorità.

_ Indipendenza
I membri del consiglio di amministrazione, i membri del foro consultivo e il direttore esecutivo si impegnano ad agire in modo indipendente nell'interesse pubblico. I membri del comitato scientifico e dei gruppi di esperti scientifici si impegnano ad agire in modo indipendente da qualsiasi influenza esterna.
_ Trasparenza
L'Autorità si impegna a svolgere le proprie attività con un livello elevato di trasparenza. In particolare, essa rende pubblico, senza indugio:
- gli ordini del giorno e i processi verbali del comitato scientifico e dei gruppi di esperti scientifici;
- i pareri del comitato scientifico e dei gruppi di esperti scientifici immediatamente dopo la loro adozione, accludendo sempre i pareri di minoranza;
- le informazioni su cui si fondano i suoi pareri;
- le dichiarazioni d'interesse annuali rese dai membri del consiglio di amministrazione, dal direttore esecutivo, dai membri del foro consultivo, del comitato scientifico e dei gruppi di esperti scientifici.
_ Riservatezza
L'Autorità non rivela a terzi le informazioni riservate da essa ricevute in ordine alle quali è stato richiesto e giustificato un trattamento riservato, ad eccezione delle informazioni che devono essere rese pubbliche, se le circostanze lo richiedono, per proteggere la salute pubblica.
_ Comunicazioni emanate dall'Autorità
L'Autorità procede di propria iniziativa a comunicazioni nei settori di sua competenza, fatta salva la competenza della Commissione riguardo alla comunicazione delle sue decisioni di gestione del rischio.
_ Accesso ai documenti
L'Autorità garantisce un ampio accesso ai documenti in suo possesso.
_ Consumatori, produttori e altre parti interessate
L'Autorità stabilisce contatti efficienti con i rappresentanti dei consumatori e dei produttori, con gli operatori delle industrie di trasformazione e con tutte le altre parti interessate.

Attuazione

L'Autorità comprende i seguenti organi:
- un consiglio di amministrazione;
- un direttore esecutivo con relativo personale;
- un foro consultivo;
- un comitato scientifico e gruppi di esperti scientifici.

_ Consiglio di amministrazione
- È composto da 14 membri nominati dal Consiglio in consultazione con il Parlamento europeo, in base a un elenco stilato dalla Commissione.
- Il mandato dei membri è quadriennale ed è rinnovabile una volta. Tuttavia, per il primo mandato, questo periodo è di sei anni per la metà dei membri.
- Il consiglio di amministrazione adotta il regolamento interno sulla base di una proposta del direttore esecutivo. Tale regolamento è pubblico.
- Esso elegge tra i propri membri un presidente con mandato biennale. Il consiglio di amministrazione si riunisce su convocazione del presidente o su richiesta di almeno un terzo dei suoi membri.
- Il consiglio di amministrazione garantisce che l'Autorità assolva le proprie funzioni e svolga i compiti che le sono assegnati.
- Il consiglio di amministrazione adotta il programma di lavoro dell'Autorità per l'anno successivo, la relazione generale sulle attività svolte l'anno precedente e il regolamento finanziario.
- Il direttore esecutivo partecipa senza diritto di voto alle riunioni del consiglio di amministrazione.

_ Il direttore esecutivo e relativo personale
- Il direttore esecutivo è nominato dal consiglio di amministrazione, che attinge a un elenco di candidati proposto dalla Commissione a seguito di una selezione pubblica.
- Il direttore esecutivo è il rappresentante legale dell'Autorità ed è incaricato di quanto segue:
. provvedere al disbrigo degli affari correnti dell'Autorità;
. elaborare la proposta relativa ai programmi di lavoro dell'Autorità;
attuare i programmi di lavoro e le decisioni del consiglio di amministrazione;
. garantire che venga fornito un adeguato sostegno scientifico, tecnico e amministrativo al comitato scientifico e ai gruppi di esperti scientifici;
. garantire che l'Autorità svolga i propri compiti;
. preparare lo stato delle entrate e delle spese;
. gestire tutte le questioni relative al personale;
. sviluppare e mantenere i contatti con il Parlamento europeo.
- Ogni anno il direttore esecutivo sottopone all'approvazione del consiglio di amministrazione i seguenti progetti:
. un progetto di relazione generale riguardante tutte le attività svolte dall'Autorità nel corso dell'anno precedente;
. progetti di programmi di lavoro;
. il progetto di rendiconto annuale relativo all'anno precedente;
. il progetto di bilancio per l'anno successivo.
- Egli approva tutte le spese finanziarie dell'Autorità e riferisce al consiglio di amministrazione in merito alle attività svolte dall'Autorità stessa.

_ Foro consultivo
- È composto da rappresentanti degli organi competenti che svolgono negli Stati membri funzioni analoghe a quelle dell'Autorità.
- I membri del foro consultivo non possono appartenere al consiglio di amministrazione.
- Il foro consultivo consiglia il direttore esecutivo nello svolgimento dei suoi compiti.
- Esso rappresenta un meccanismo di scambio di informazioni e garantisce una stretta collaborazione con gli Stati membri sugli aspetti seguenti:
. evitare le sovrapposizioni;L%. promuovere il collegamento, attraverso reti europee, delle organizzazioni;
. laddove l'Autorità o uno Stato membro individuino un rischio emergente;
- Il foro è presieduto dal direttore esecutivo.
- L'Autorità fornisce il supporto tecnico e logistico necessario al foro consultivo.

_ Comitato scientifico e gruppi di esperti scientifici
- Sono responsabili di formulare i pareri scientifici dell'Autorità;
- del coordinamento necessario per garantire la coerenza della procedura di formulazione dei pareri scientifici;
- della creazione di gruppi di lavoro laddove necessario.
- Essi sono costituiti da esperti scientifici indipendenti.
- Una volta istituita l'Autorità, saranno inizialmente formati 8 gruppi scientifici.
- Alla luce degli sviluppi scientifici e tecnici, il numero e il nome dei gruppi di esperti scientifici possono essere adattati.
Numero di registrazione: 781 / Ultimo aggiornamento: 2003-01-31